L'Unione Europea vuole un supercomputer exascale entro il 2023

L'Unione Europea vuole un supercomputer exascale entro il 2023

Un progetto per costruire un'infrastruttura supercomputer pan-europea allo scopo di migliorare la competitività dell'economia e del settore industriale

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Mercato
 

L'Unione Europea ha varato un nuovo progetto da 1 miliardo di Euro con l'ambizioso scopo di costruire il supercomputer più potente del mondo entro il 2023, inserendosi nella competizione tra USA, Cina e Giappone. L'obiettivo ultimo è quello della costruzione di un computer di classe exascale in grado di raggiungere cioè un miliardo di miliardi di operazioni al secondo.

Una nuova realtà, EuroHPC Joint Undertaking, si prenderà inoltre in carico in questi anni di acquisire, costruire e allestire in tutta Europa un'infrastruttura di classe HPC, unitamente ad un programma di ricerca e innovazione per sviluppare le tecnologie hardware e software necessarie allo scopo e in grado di sfruttare la capacità computazionale dei nuovi supersistemi per vari campi applicativi.

Mariya Gabriel, Commissaria responsabile per l'Economia e la società digitali, ha dichiarato: “I supercomputer sono già al centro di notevoli progressi e innovazioni in molti settori che interessano direttamente la vita quotidiana dei cittadini europei. Possono aiutarci a sviluppare una medicina personalizzata, a risparmiare energia e a contrastare i cambiamenti climatici in modo più efficiente. Un'infrastruttura di supercalcolo europea più potente racchiude un grande potenziale per la creazione di posti di lavoro ed è un fattore fondamentale per promuovere la digitalizzazione del settore industriale e per incrementare la competitività dell'economia europea”.

L'Unione Europea contribuirà per 486 milioni di Euro tramite l'attuale Multiannual Fiancial Framework. L'iniziativa EuroHPC è stata firmata a marzo 2017, e i paesi aderenti comprendono Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Bulgaria, Slovenia, Svizzera, Grecia e Croazia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
boboviz15 Gennaio 2018, 09:44 #1
Bella l'iniziativa ma intravedo già alcuni punti critici: dove sarà posizionato, fisicamente, questo hpc? Ci saranno attriti tra stati per ospitarlo? Ci saranno attriti per avere accessi preferenziali alle risorse?
LASCO15 Gennaio 2018, 09:48 #2
Ma la Svizzera prima non la considerano europea, visto la dichiarazione di Andrus Ansip: "La concorrenza è accanita e oggi l'UE sta rimanendo indietro: nessuno dei nostri supercomputer figura nella classifica mondiale dei primi dieci.", mentre attualmente al centro CSCS in Svizzera c'è il terzo supercomputer più potente al mondo.
Poi invece compare nella lista dei partecipanti al progetto EuroHPC.
LASCO15 Gennaio 2018, 09:53 #3
Originariamente inviato da: boboviz
Bella l'iniziativa ma intravedo già alcuni punti critici: dove sarà posizionato, fisicamente, questo hpc? Ci saranno attriti tra stati per ospitarlo? Ci saranno attriti per avere accessi preferenziali alle risorse?

L'UE ha già una bella esperienza con questo tipo di problemi. Un esempio su tutti è il CERN dove chi vuole usare le strumentazioni deve prenotarsi.
Nel caso dell'HPC bisogna capire se faranno distinzione tra pubblico e privato.
Forse sarebbe opportuno tenere divise le risorse tra questi due soggetti.
Klontz15 Gennaio 2018, 09:55 #4
perché dovrebbero esserci attriti per condividerlo.. sono parecchi gli istituti, progetti o grandi apparecchiature condivise, e non mi pare ci siano mai stati problemi di sorta... questa è roba che verrà messa in mano a tecnici, ingenieri, informatici, ecc. ecc. non credo avranno da discutere più di tanto su come accedere alla risorsa.. gli orticelli tipici della politica sono a mille miglia da qui.
Probabilmente lo faranno in un paese del nord.. solo perché ha un clima più freddo e si risparmierà sui costi di raffreddamento. Notare come la Gran Bretagna è fuori della partita... tutti i grandi stati (o meglio.. le grandi economie) avranno un super computer di questa fattura per i primi anni 20 (US, China, Japan, India, Taiwan) e la GB dovrà chiedere il permesso di utilizzarli, a meno che non partecipi a qualche progetto in essere.. cosa che non so.
Vash8815 Gennaio 2018, 10:19 #5
Per progetti come questo si fa un bando, gli stati partecipano e poi si decide il vincitore in base al progetto. Solo questa estate è stato vinto il bando per costruire a Bologna il nuovo centro di calcolo dell'ECMWF, il centro europeo per le previsioni meteo. Al momento i sistemi dell'ECMWF sono in Inghilterra ed occupano il 27 e il 28 posto nella TOP500. Al 14 posto abbiamo il sistema MARCONI di CINECA, sempre a Bologna. Lista TOP500
-Griso-15 Gennaio 2018, 13:31 #6
Ottima iniziativa, l'UE dovrebbe anche investire su aziende europee fornotrici della componenti e del software per affrancarci un pò dai big asiatici ed americani
boboviz15 Gennaio 2018, 17:22 #7
Originariamente inviato da: Klontz
perché dovrebbero esserci attriti per condividerlo.. sono parecchi gli istituti, progetti o grandi apparecchiature condivise, e non mi pare ci siano mai stati problemi di sorta...


C'è la fila per accedere alle risorse del Cineca (e i mugugni ci sono, eccome). E siamo nei nostri confini. Figurarsi se dobbiamo chiedere permesso per poter accedere a risorse estere. Speriamo, veramente, che sia stabilito tutto prima che i lavori partano.
OttoVon16 Gennaio 2018, 01:46 #8
Klontz, quando la GB sentirà la necessità di un hpc simile se lo costruirà.


Hanno speso 6,2 miliardi di sterline per due portaerei, non vedo il problema di spenderne un altro, magari tra 5 anni, per surclassare tutti questi hpc.
A già, la brexit... sono destinati a diventare quarto mondo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^