Marvell acquisisce Cavium per 6 miliardi di dollari

Marvell acquisisce Cavium per 6 miliardi di dollari

Marvell ha annunciato di aver concluso un accordo per l'acquisizione di Cavium: nasce così un nuovo gigante nel mondo dei controller e dei microprocessori per applicazioni che vanno dagli SSD alle infrastrutture di rete

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 10:01 nel canale Mercato
 

Marvell ha siglato un accordo con Cavium per acquisire le attività della seconda, nell'ottica di potenziare la sua divisione dispositivi di memorizzazione con l'aggiunta di apparecchiature di rete.

Cavium produce processori, apparecchiature di rete e soluzioni per la connettività dei dispositivi di archiviazione e per la sicurezza. Marvell, invece, è nota per i suoi controller destinati a hard disk e SSD, oltre a varie componenti per le apparecchiature di rete.

Il matrimonio tra le due società ha quindi lo scopo di creare un'entità leader nel mercato delle infrastrutture di rete e dei data center, con un fatturato annuo in questo ambito stimato in 3,4 miliardi di dollari.

Cavium è l'azienda dietro molti degli annunci di server dotati di processori ARM delle ultime settimane ed è tra i partner di Red Hat per Red Hat Enterprise Linux 7.4 for ARM.

L'acquisizione di Cavium da parte di Marvell è l'ultima delle tante attività nel mercato dei semiconduttori, con Broadcom che ha cercato di acquisire Qualcomm e quest'ultima che cerca l'approvazione degli organi di regolamentazione del mercato per l'acquisizione di NXP Semiconductors.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^