Sempre più visori VR e AR nel prossimo futuro

Sempre più visori VR e AR nel prossimo futuro

Le stime di vendita dei dispositivi per realtà virtuale e aumentata prevedono un forte aumento per i prossimi 5 anni, con traino dei sistemi integrati o collegati a PC e console

di pubblicata il , alle 09:41 nel canale Mercato
HTCViveVirtual realityrealtà aumentata
 

Negli scorsi anni il tema dei visori per la realtà virtuale e per la realtà aumentata hanno catalizzato l'interesse degli appassionati senza tuttavia tramutarsi in importanti volumi di vendita. Nel corso del 2017 questa dinamica si è manifestata in modo ancor più evidente, con vendite di fatto rimaste invariate rispetto all'anno precedente.

Le stime per il 2018, e per gli anni a venire sino al 2022, sono però molto più interessanti nel complesso: IDC prevede, nella propria più recente ricerca, un aumento nelle vendite del 48,5% quale media annuale per il periodo dal 2018 al 2022 per queste due categorie di prodotti.

riftvivenews.jpg

Per quale motivo ci si attende una inversione di tendenza nel mercato? A spingere verso visori VR e AR troveremo modelli già in commercio che saranno proposti a listini più contenuti, così come ad esempio annunciato da HTC per il proprio visore Vive giusto nella giornata di ieri. Oltre a questo ci si attende un aumento delle funzionalità offerte dai visori in commercio, grazie ad un lavoro più spinto da parte dell'ecosistema degli sviluppatori di soluzioni software

L'evoluzione tra i visori per la realtà virtuale vedrà uno spostamento progressivo verso modelli di tipo standalone e collegati a PC, in grado di assicurare una esperienza più controllata e per questo completa. I visori senza schermo, da abbinare a differenti tipologie di smartphone, registreranno invece una progressiva contrazione della propria quota di mercato nel corso del tempo venendo relegati a soluzioni secondarie.

LG-Optimus-3D-Wikitude-augmented-reality-browser-2.jpg

Dinamica molto simile anche per il mercato dei visori di realtà aumentata, con i dispositivi standalone e di tipo tethered che rappresenteranno la quasi totalità del mercato entro il 2022. Anche in queso caso il mercato registrerà un progressivo allontanamento dalle proposte di tipo senza schermo, al momento attuale quelle preferite dagli utenti. Più in generale vedremo una crescita complessiva del mercato, con una incidenza maggiore portata proprio dalle soluzioni destinate alla realtà aumentata.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Spawn758620 Marzo 2018, 10:27 #1
Beh, i sistemi da abbinare ai cellulari, seppur economici, rappresentano una sorta di "introduzione alla realtà virtuale".
Salvo un incredibile, ma improbabile (nota: non impossibile), aumento improvviso di capacità hardware, difficilmente le soluzioni mobile sono in grado di fornire sufficiente capacità di calcolo per la realtà virtuale, mentre in quella aumentata c'è troppo ritardo tra cattura dell'immagine e elaborazione.
Direi che salvo improbabili applicazioni leggere ma di successo la vr/ar mobile è condannata a cedere il passo....
Maxt7520 Marzo 2018, 11:11 #2
Il nuovo HTC già mi fa gola, ma preferisco abbinarlo ad una futura vga superiore alla mia 1080.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^