offerte prime day amazon

TIM: online tutti i numeri della Rete più estesa d’Italia

TIM: online tutti i numeri della Rete più estesa d’Italia

Da oggi sono online tutti i dati a livello regionale e provinciale pronti a dare uno sguardo preciso sullo sviluppo della rete broadband e ultrabroadband di TIM e l’utilizzo che gli italiani fanno di Internet.

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Mercato
TIM
 

TIM ha deciso di far vedere in modo trasparente e soprattutto raggiungibile da chiunque tramite una propria pagina Web quello che effettivamente è stato fatto sul territorio nazionale per quanto concerne la rete sia di telefonia fissa che di quella mobile. Gli italiani da oggi potranno dunque seguire lo sviluppo della rete più estesa d'Italia andando semplicemente all'indirizzo rete.gruppotim.it per avere un quadro quanto mai esasitivo.

Oltre 7000 dati e 107 mappe che fotografano per ogni regione e per ognuna delle province italiane lo sviluppo della rete broadband e ultrabroadband di TIM fissa e mobile. Non solo perché è possibile anche vedere l’utilizzo che gli italiani fanno di Internet nelle diverse aree del Paese con l' obiettivo da parte di TIM di lanciare il primo sito web interattivo rete.gruppotim.it capace di "raccontare", in maniera chiara e puntuale, come è fatta e cosa si fa grazie alla rete di telecomunicazioni più estesa e importante d’Italia.


Clicca per ingrandire

Dati alla mano sono oltre 16 milioni di chilometri di fibra attualmente posati sul territorio nazionale. Un’estensione pari a 41 volte la distanza terra-luna, quasi 400 volte la circonferenza del nostro pianeta. Secondo quanto dichiarato dall'azienda ad oggi, grazie alla rete TIM, 19 milioni di famiglie italiane (circa il 78% della popolazione totale) possono usufruire di collegamenti a banda ultralarga, un importante traguardo considerando che solo tre anni fa la percentuale era pari al 28%.

Come funziona il portale "rete.gruppotim.it"?

Navigando nella sezione “Dati e mappe” è possibile verificare la copertura adsl, fibra, 4G e 4G plus e i volumi di traffico internet da rete fissa per ogni regione e provincia d’Italia con una chiave di lettura temporale degli ultimi quattro anni. Investimento di oltre 9 miliardi di euro negli ultimi tre anni ha consentito di migliorare prestazioni e capillarità della rete TIM. Non solo perché l'azienda per permettere di avere una piena accessibilità alle informazioni raccolte, dalla sezione “Download” garantisce la possibilità di scaricare tutti i dati in modalità “open data” o scaricare il “Netbook” in formato pdf.


Clicca per ingrandire


I numeri pubblicati rivelano che a fine 2017 la copertura nazionale in banda ultralarga fissa di TIM ha già raggiunto il 77% delle case. A livello regionale superano l’80% di copertura 7 regioni, con in podio Sicilia, Puglia e Liguria. A livello provinciale spiccano invece Milano, Bari, Napoli e Prato che superano il 93%. Nello stesso periodo la copertura nazionale LTE (4G e 4G Plus) è pari al 98% del territorio, con 7.257 comuni già raggiunti dalla banda ultralarga mobile. Superano il 95% di comuni coperti da LTE 6 regioni con in testa Marche, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige, mentre a livello provinciale guidano la classifica per numero di Comuni coperti da LTE le province di Torino, Bergamo e Cuneo che superano quota 200.

Elemento distintivo dell'intero portale è la possibilità di capire come gli Italiani utilizzano Internet in base a dove risiedono. Solo nel corso dell’ultimo anno gli utenti della rete TIM hanno generato su rete fissa un volume di traffico dati di oltre 7 miliardi di gigabyte, pari alla visione di 500 milioni di film in altissima definizione (4K). In un anno il consumo medio di banda mensile per linea fissa è passato da 66,1 gigabyte/mese a 82,9 gigabyte/mese, segnando un incremento del 25% rispetto all’anno precedente.


Clicca per ingrandire

Questo significa, in termini di fruizione di contenuti video, circa un’ora in più al giorno trascorsa davanti ad un PC o comunque con qualsiasi device connesso alla rete. In particolare nella top-ten delle province che generano più traffico, il podio è occupato da Napoli, Crotone e Palermo, seguite da Prato, Siracusa, Brindisi, Reggio Calabria, Foggia, Catania e Taranto. Queste 10 province sono tutte caratterizzate da nuclei familiari più numerosi. E’ Napoli la prima città italiana per dimensione del nucleo familiare (2,8 componenti per famiglia) ed è anche la prima in termini di consumo medio mensile di banda (110 gigabyte/mese).

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marcram09 Luglio 2018, 17:15 #1
Mah... A me sembrano numeri buttati alla vacca...
Che poi, la dicitura "fibra" non doveva essere utilizzata solo per i collegamenti ftth? Perché parlano di 78% della popolazione collegata da fibra...
fbassini09 Luglio 2018, 18:45 #2

Ma la loro fibra è finta..,..

La maggior parte della loro fibra in realtà è vdsl fttc, e non è una vera fibra ma fa parte della famiglia delle xdsl.....
kiprio09 Luglio 2018, 19:04 #3
kiprio09 Luglio 2018, 19:05 #4
Non dite queste cose su telecom o va a finire male...
kiprio09 Luglio 2018, 19:06 #5
MaxFabio9309 Luglio 2018, 20:16 #6
Il nuovo sito TIM è ottimo, davvero un bel lavoro e una piattaforma utile e trasparente...con tantissimi dati, ci sono persino le tratte delle dorsali e dei collegamenti tra le sedi, se questo è tutto frutto del nuovo AD come dichiara lo stesso Genish le cose si fanno interessanti!

Originariamente inviato da: marcram
Mah... A me sembrano numeri buttati alla vacca...
Che poi, la dicitura "fibra" non doveva essere utilizzata solo per i collegamenti ftth? Perché parlano di 78% della popolazione collegata da fibra...


E chi l'ha detto? La fibra viene utilizzata nella tecnologia FTTC se no non si chiamerebbe nemmeno così, non si chiama DTTC "Doppino to the Cabinet".

Originariamente inviato da: fbassini
La maggior parte della loro fibra in realtà è vdsl fttc, e non è una vera fibra ma fa parte della famiglia delle xdsl.....


Ma va? Lo sanno anche i sassi, è vera fibra fino agli armadi, quale parte del "Fiber to the Cabinet" non hai capito? Tutto chiaramente indicato sul sito.
fasterday10 Luglio 2018, 08:55 #7
"Ma va? Lo sanno anche i sassi, è vera fibra fino agli armadi, quale parte del "Fiber to the Cabinet" non hai capito? Tutto chiaramente indicato sul sito." guarda che ha ragione fbassanini!!! fa parte della famiglia xdsl!! non esiste vera o falsa fibra, e non e' una tecnologia!! se mi lasci anche solo 1 metro di doppino non e' ftth!! hai consultato i sassi sbagliati.
Alodesign10 Luglio 2018, 09:53 #8
E poi non riescono a tirare la fibra in un paese di 12 mila abitanti in Lombardia.
O come al mio collega che ha la fibra a 2 metri da casa ma questa non è collegata.
Filazzolu10 Luglio 2018, 10:16 #9
se voi pensate che io sono in un paese del estremo sud(calabria) dove ho la fibra a 100mb la cabina ed ha 400 metri da casa e giorni scorsi enel ha finito di installare una nuova cabina elettrica e credo anche fibra qui da me vado da dio XD
fano10 Luglio 2018, 11:12 #10
La "furbata" di TIM di chiamare "Fibra Ottica" la VDSL2 è davvero una schifezza... ed è il "trucco" usato da molti amministratore per "bloccare" Open Fiber ti dicono ce l'hai la Fibbra quindi cosa te ne fai? E via che ti "saltano" e sei fritto

Come odio vivere in un condominio e dover dipendere dalle decisioni di altri... spero un giorno di potermene andare a vivere anche in una "capanna", ma senza il vecchietto rinco dell'ultimo piano che mi condiziona la vita

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^