Vendite difficili per i notebook attese nel corso del 2018

Vendite difficili per i notebook attese nel corso del 2018

Domanda inferiore alle aspettative per i notebook in questo 2018, anche se non mancano alcune eccezioni nel settore dei 2-in-1 e dei notebook gaming

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Mercato
2-in-1
 

Una contrazione nelle vendite di sistemi notebook è attesa per il secondo trimestre dell'anno, alla luce dei dati forniti da Digitimes Research, con una contrazione che si portrarrà per tutto il 2018 rispetto ai dati registrati nel corso del 2017.

A generare una contrazione nelle vendite due fattori, secondo la ricerca: la domanda inferiore per sistemi Chromebook nel settore dell'educazione e un elevato volume di notebook che sono presenti nel canale commerciale e devono essere in qualche modo venduti. D'altro canto si attende nel corso dell'anno il debutto di nuovi prodotti, oltre ad una domanda generale che dovrebbe riprendere in concomitanza con il periodo del cosiddetto back to school di fine agosto.

Dobbiamo rimarcare come il fenomeno Chromebook sia specifico di alcune regioni globali e non di tutte. In Europa, e in Italia nello specifico, questa tipologia di prodotti non ha infatti raccolto il successo commerciale registrato in altre regioni come ad esempio in nord America. Da questo un impatto inferiore rispetto alle previsioni dato dal calo di interesse da parte dei consumatori quantomeno nel nostro mercato

In generale quindi le previsioni di vendite di notebook per l'anno sono viste in contrazione, con l'eccezione dei dispositivi ibridi della famiglia 2-in-1 e delle proposte gaming. Entrambe queste categorie hanno raccolto un successo commerciale crescente, avviato con le proposte di fascia più alta e in seguito esteso anche a configurazioni di fascia media.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marcram07 Maggio 2018, 13:00 #1
Sarà anche a causa di Spectre e Meltdown...
futu|2e07 Maggio 2018, 14:55 #2
Mi immagino su 1000 clienti dell'euronics quanti sappiano di cosa stai parlando.
Wikkle07 Maggio 2018, 15:26 #3
La gente vuole solo la comodità…. e per averla spende il doppio/triplo per un notebook mediamente scarso, che dopo 2 anni sarà già vetusto, lento e ingommato.

Però ha la comodità di un notebook
\_Davide_/07 Maggio 2018, 16:03 #4
@Wikkle rispetto a cosa?
Wikkle07 Maggio 2018, 16:29 #5
Originariamente inviato da: \_Davide_/
@Wikkle rispetto a cosa?


hai ragione non l'ho scritto. Rispetto i desktop
s-y07 Maggio 2018, 16:53 #6
beh per fare le cazzatine che un tempo si facevano solo con pc e notebook, mi pare ovvio che sia sufficiente un telefono, e non da oggi. lo scrivo anche amaramente, ma poco da fare...
\_Davide_/07 Maggio 2018, 16:58 #7
Rispetto ai desktop penso che li scelga quella gente che non vuole avere "quello scatolone sotto al tavolo" o "tutti quei fili"
Il risparmio, contando sul fatto che sicuramente comprano nelle catene, non c'è perché con 300€ si portano a casa un portatile "usabile" tanto quanto un fisso pagato la stessa cifra.

Secondo me chi fa un utilizzo base del pc dovrebbe spendere quei 4-500€ per un portatile, aggiungendo un SSD, con processore decente ed almeno 8 GB di RAM per essere tranquillo per qualche anno.

Poi, se non vogliono avere una scrivania dedicata al pc con l'ingombro relativo li posso anche capire: magari c'è chi lo usa 2 giorni alla settimana ed ha il tavolo solo in centro sala...

Poi è ovvio che chi come me o te il pc se lo assembla a parità di costo ottiene prestazioni maggiori
marcram07 Maggio 2018, 20:17 #8
Originariamente inviato da: futu|2e
Mi immagino su 1000 clienti dell'euronics quanti sappiano di cosa stai parlando.


Beh, considera innanzitutto che il notebook è gia un apparecchio più da utenti "pro" di quello che era qualche anno fa, visto che la maggior parte degli internettari da social network comprerà smartphone/tablet, che già gli bastano.
Poi, se anche solo l'1% fosse a conoscenza di Spectre e compagnia, e per questo motivo aspettasse a prendere un pc nuovo, comunque il mercato di pc subirebbe un piccolo calo...
rockroll08 Maggio 2018, 00:08 #9
Originariamente inviato da: s-y
beh per fare le cazzatine che un tempo si facevano solo con pc e notebook, mi pare ovvio che sia sufficiente un telefono, e non da oggi. lo scrivo anche amaramente, ma poco da fare...


Lascia che continuino a fare cazzatine, e pensa che se la domanda di PC cala dovrebbero calare anche i prezzi, buon per noi.
Magari puoi pensare che le novità nel settore andranno a rilento, ma dopo l'avvento dei Ryzen non e più così, e comunque anche se fosse ne abbiamo d'avanzo del livello raggiunto.
Se poi, da appassionato di informatica, ti riferisci alla volgarizzazione globale di strumenti per cazzatine in mobilità dati in pasto a cani ed altri animali, condivido la tua amarezza: nell'immaginario collettivo l'informatica si sta riducendo a poco più che l'utilizzo becero di questi gingillini.
Nurek08 Maggio 2018, 09:11 #10
Originariamente inviato da: \_Davide_/
Rispetto ai desktop penso che li scelga quella gente che non vuole avere "quello scatolone sotto al tavolo" o "tutti quei fili"
Il risparmio, contando sul fatto che sicuramente comprano nelle catene, non c'è perché con 300€ si portano a casa un portatile "usabile" tanto quanto un fisso pagato la stessa cifra.

Secondo me chi fa un utilizzo base del pc dovrebbe spendere quei 4-500€ per un portatile, aggiungendo un SSD, con processore decente ed almeno 8 GB di RAM per essere tranquillo per qualche anno.

Poi, se non vogliono avere una scrivania dedicata al pc con l'ingombro relativo li posso anche capire: magari c'è chi lo usa 2 giorni alla settimana ed ha il tavolo solo in centro sala...

Poi è ovvio che chi come me o te il pc se lo assembla a parità di costo ottiene prestazioni maggiori


Io ho iniziato con un desktop, sono passato ad un all-in-one e poi, quando la potenza di calcolo per gli attuali applicativi che uso, non è stata più un problema, sono passato ad un notebook sempre collegato ad uno schermo da 27".
Se qualcuno in casa deve collegare il suo notebook al monitor da 27 pollici, lo può fare.
Se mi sposto nella seconda casa, stacco il Notebook e lo porto con me.
Per l'uso che ne facciamo noi del PC in famiglia, ognuno dovrebbe avere 3 "scatoloni sotto al tavolo"...una pazzia anche solo pensare ad una cosa del genere.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^