HP Officejet pro X, la getto d'inchiostro entra nelle realtà SMB

HP Officejet pro X, la getto d'inchiostro entra nelle realtà SMB

HP presenta una nuova stampante a getto di inchiostro destinate alle realtà di piccole dimensioni, in grado di consumare la metà di una stampante laser con velocità di stampa fino a 70 pagine al minuto

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:01 nel canale Periferiche
HP
 

Nella cornice della città spagnola di Barcellona HP ha presentato la nuova serie di stampanti a getto d'inchiostro Officejet Pro X, una famiglia di prodotti destinate alle realtà Small Business (5-49 utenti) e capaci di una velocità di stampa fino a 70 pagine al minuto.

HP

La novità più eclatante di questa stampante è rappresentata dal'adozione di una nuova testina di stampa fissa della larghezza di un foglio A4. PageWide, questo il nome della tecnologia, consente così di inserire nella stampante quali parti mobili solamente i sistemi per lo scorrimento della carta, e offre una maggiore affidabilità della testina rispetto alle tradizionali soluzioni con testina mobile.

La testina è provvista di oltre 42 mila ugelli per l'inchiostro, per una risoluzione di 1200 punti per pollice. La testina è in grado di distribuire fino ad 1 miliardo di gocce d'inchiostro da 1 picolitro al secondo. Ogni ugello ha il corrispettivo ugello di backup, per una qualità di stampa il più omogenea possibile.

HP

Le nuove stampanti della serie Officejet Pro X introducono inoltre nuovi inchiostri composti da speciali pigmenti capaci di asciugarsi in brevissimo tempo, requisito essenziale per poter raggiungere elevate velocità di stampa. Le cartucce di inchiostro ad alta capacità hanno una durata di 9200 pagine per la cartuccia del nero e di 6200 pagine per le cartucce CMY.

Sempre per quanto riguarda la velocità di stampa HP dichiara che le nuove stampanti della serie Officejet Pro X sono in grado di stampare in qualità "general Office", cioè ordinaria per la maggior parte degli impieghi,
70 pagine singole al minuto e 33 pagine fronte/retro. In modalità "normal", qualità più accurata, la velocità di stampa scende a 42 pagine singole al minuto e 22 fronte/retro. La stampante è provvista di cassetto per 500 fogli, con possibilità di aggiungere un modulo opzionale per una capacità complessiva di 1050 fogli.


Secondo le dichiarazioni di HP, le stampanti Officejet Pro X Series sono capaci di offrire una velocità doppia rispetto alle stampanti laser multi funzione al di sotto dei 1000 euro alla metà dei costi d'esercizio. Si tratta di una stampante raccomandata per un volume di stampa di 4200 pagine al mese.

La nuova famiglia di stampanti supporta ovviamente le funzionalità di stampa HP ePrint, che consentono a tablet e smartphone di stampare qualsiasi contenuto semplicemente inviando un messaggio e-mail all'indirizzo univoco della stampante, senza che sia necessari alcuna configurazione.

La nuova famiglia Officejet Pro X, che comprende sia versioni single-function, sia versioni multi-function, sarà disponibile nel corso della prossima primavera. Il prezzo indicativo non è ancora stato comunicato.
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tasslehoff22 Novembre 2012, 16:16 #1
Eh beh metà dei costi d'esercizio... certo certo... come no...

Forse può essere vero se non si considera il costo del personale dedicato esclusivamente a far funzionare decentemente la stampante, tra pulizia di testine, intasamenti con blocco degli ugelli e riallineamenti vari per avere stampe decenti...

Ma mi facciano il piacere... la tecnologia a getto d'inchiostro è morta da quando le laser sono diventate di pubblico dominio con i modelli a basso costo anche di fascia domestica, con print server integrati e duplex automatico, tutte tecnologie che fino a qualche anno fa erano ad esclusivo appannaggio di dispositivi per ufficio dai costi non indifferenti, e che ora sono accessibili anche alla celebre casalinga di Voghera.

Per quanto mi riguarda ho abbandonato questa tecnologia e sono passato ad una laser Brother ormai più di 10 anni fa, più passa il tempo e più sono contento di questa scelta sotto ogni punto di vista.
biffuz22 Novembre 2012, 17:25 #2
Originariamente inviato da: thefalcon
Le cartucce di una getto ormai le ricarica anche la casalinga di Voghera,con notevole risparmio di soldi.

Non so quali casalinghe di Voghera conosci tu, ma quelle che conosco io non sanno cambiare una cartuccia manco a farle vedere il video su Youtube

Seriamente, dipende tutto da quanto stampi, se stampi documenti tutti i giorni le laser rimangono più comode e affidabili. Le inkjet multifunzione sono più flessibili, ma vanno bene solo se usate ogni tanto, e più economiche sono peggio è. Quando stavo con i miei avevo sia una inkjet per foto e colori e una laser b/n per i documenti che mio padre stampava a raffica: quando usavamo solo le inkjet le facevamo fuori dopo due o tre anni ed eravamo sempre in ballo a correre a comprare o ricaricare cartucce, mentre la laser ormai ha sei o sette anni e non fa ancora una piega, cambiando solo il toner ogni 6 mesi.
Adesso che sono da solo una multifunzione mi basta e avanza, ma mi capita di non accenderla per due settimane di fila...

Proprio in merito a questo ho qualche dubbio in merito all'idea stessa di inkjet per volumi medio-alti. Metà dei costi d'esercizio? Basta pensare a quanto inchiostro speca la pulizia delle testine... scommetto che non l'hanno calcolata, o che hanno ipotizzato di farla ogni 10.000 pagine, quando ormai ci saranno più righe bianche che inchiostro... poi vabbé, la robustezza della meccanica è ovviamente relativa.
Tasslehoff22 Novembre 2012, 18:09 #3
Originariamente inviato da: thefalcon
Se vabbè...Con 150 euro ti porti a casa una getto d'inchiostro che volendo ci stampi anche le foto.
E con 40-50 euro ti porti a casa una laser con toner da 2500 pag che non si inceppa mai, che funziona perfettamente come se fosse il primo giorno anche se resta ferma per anni, alla quale non devi fare nulla, che non degrada minimamente dal punto di vista qualitativo (il tamburo dura una vita) come una Brother entry level.
Se poi consideri 100-150 euro come una cifra accettabile puoi anche pensare di prendere una multifunzione con ADF con duplex automatico, print server ethernet integrato, invio della scansione via email e altro.

Quella delle fotografie è una delle tipiche leggende metropolitane, mi ricorda tanto quando si difendevano i laptop con display wide "perchè ci potevi vedere meglio i film"
Stampare le fotografie in proprio:
- è una casistica ormai talmente rara da essere irrilevante
- è estremamente costoso rispetto ai servizi online
- da risultati qualitativamente penosi rispetto ai servizi online
- non è banale come tanta gente pensa

Una Laser quanto costa?Giusto i documenti ci puoi stampare.
Senza contare gli ingombri......
Le cartucce di una getto ormai le ricarica anche la casalinga di Voghera,con notevole risparmio di soldi.
Da 50 euro per stampante usb, 60 euro per stampante con print server ethernet wireless, 100 euro per stampente con print server ethernet e duplex automatico (che è una delle funzioni che dovrebbe essere obbligatoria per legge visto il risparmio di carta e spazi che comporta, a proposito hai mai pensato a come si ridurrebbe un foglio stampato con una inkjet su entrambi le facce? ).
E ti parlo di Brother, produttore tra i più affidabili con una delle reti di assistenza più valide, non Samsung o qualche cino-coreaneria.
Ingombri? E' più compatta una stampante di quelle che ho citato di gran parte delle stampanti a getto d'inchiostro, senza contare che le laser che ho citato hanno alimentatori per la carta integrati con la struttura infinitamente più solidi degli alimentatori delle inkjet che generalmente sono fragili e spuntano dal corpo della stampante come corpi estranei...

Giusto i documenti? E cosa stampi a parte documenti? Fotografie (vedi sopra )?

Se a tutto questo aggiungiamo il costo del toner,il consumo energetico e non ultimo,ma più importante la merda che ti respiri,per i miei gusti una laser può stare lì sullo scaffale,prendila pure e divertiti...
Io non mi voglio di certo intossicare con nuove polveri,come se non c'è né già abbastanza in giro...
Luoghi comuni a gogo vedo...

Costo del toner? Perchè le cartucce te le regalano?
E a prescindere da questo il costo del toner è insignificante, il dato oggettivo è il costo per pagina, perchè non consideri quello?
Te lo dico io perchè... perchè se valuti il costo per pagina qualunque inkjet sprofonda rispetto anche alla più economica stampante laser, e a prescindere da questo il toner di una laser lo consumi fino alla fine (o quasi), l'inchiostro di una inkjet se ne va per metà tra pulizie, ugelli mal funzionanti, allineamenti vari...
Chiunque abbia lasciato una stampante inkjet ferma per qualche settimana o mese si può facilmente rendersi conto di quanto sia esosa questa tecnologia, in termini di consumabili ma anche in termini di tempo da dedicare alla manutenzione.

Riguardo alla tossicità secondo te i metalli pesanti contenuti negli inchiostri delle inkjet sono salutari? Piuttosto che i fissanti, regolanti e le resine? Secondo te una cartuccia di blu contiene indaco naturale in acqua di alta montagna?
La tossicità del toner è risaputa, ma come tutte le cose dipende anche dall'esposizione.
Se si lavora in una copisteria e si vive 10h al giorno circondati da macchine laser funzionanti a pieno regime è un conto, se si stampa qualche documento al giorno o si tiene una stampante ferma sulla scrivania stampando un documento ogni tanto è un altro...
Già che c'eri potevi anche aggiungere le mutazioni genetiche provocate dagli access point wireless...
jappilas22 Novembre 2012, 18:26 #4
Originariamente inviato da: biffuz
Seriamente, dipende tutto da quanto stampi, se stampi documenti tutti i giorni le laser rimangono più comode e affidabili.
questo però è più un effetto della loro costruzione meccanica (maggiore robustezza, meno parti mobili e assenza di movimento trasversale, meno vibrazioni.. ) che non della tecnologia di stampa in sè stessa...
Le inkjet multifunzione sono più flessibili, ma vanno bene solo se usate ogni tanto, e più economiche sono peggio è.
... ma la stampante in questione è tutto fuorchè economica - e condivide molto con le laser di alto volume che in effetti vorrebbe sostituire, a cominciare dalla concezione meccanica - per cui intanto è un errore considerarla alla stregua delle inkjet "usa e getta" per uso domestico a cui magari si è abituati
Proprio in merito a questo ho qualche dubbio in merito all'idea stessa di inkjet per volumi medio-alti.
in base a cosa? preconcetto?
Metà dei costi d'esercizio?
costi d' esercizio = (sostanzialmente) consumabili + energia elettrica impiegata

ora, una stampante laser funziona depositando il toner sulla carta per via elettrostatica (con un tamburo coperto da una apposito rivestimento organico) e fissandolo per via termica (attraverso un elemento costituito sostanzialmente da un tamburto con all' interno una lampada attinica) - soprattutto il passaggio termico implica un consumo di svariate centinaia di watt, quando non kw durante il picco
oltre alla necessità di un preriscaldamento più o meno lungo
e ad avere almeno due elementi strutturali soggetti a usura e sostituzione periodica (il fatto che il tamburo venga sostituito integralmente con una carica di toner, non toglie che ci sia - anzi, rende notevolmente più costosa quest' ultima su quelle stampanti, tipicamente di fascia bassa, più compatte e in apparenza più economiche)
Basta pensare a quanto inchiostro speca la pulizia delle testine...
scommetto che non l'hanno calcolata, o che hanno ipotizzato di farla ogni 10.000 pagine, quando ormai ci saranno più righe bianche che inchiostro...
non esattamente
se leggi, la meccanica, statica e già realizzata in ridondanza, è assunta durare quanto la stampante - qui, da un lato prevede sistemi ottici di rilevazione dei punti non stampati e accorgimenti per sopperire fino a 3 ugelli adiacenti inattivi, ma dall' altro anche accorgimenti per evitare in primis che l' inchiostro si secchi negli ugelli (come la copertura degli stessi nei momenti di inattività e la pulitura a ciclo continuo attraverso un sistema a nastro)
poi vabbé, la robustezza della meccanica è ovviamente relativa.
esattamente, qui siamo in una classe superiore
frankie22 Novembre 2012, 18:34 #5
Io voglio vedere un foglio di carta "normale" cioè una economica 80g (che forse è più prossima ai 75), stampata in fronte e retro con questa ink jet
Wonder22 Novembre 2012, 18:44 #6
Forse può essere vero se non si considera il costo del personale dedicato esclusivamente a far funzionare decentemente la stampante, tra pulizia di testine, intasamenti con blocco degli ugelli e riallineamenti vari per avere stampe decenti...

Mi sa che non hai letto bene
Non c'è più la testina intesa come la intendi tu
non c'è riallineamento e per la pulizia sei rimasto un po' indietro...
Inoltre in un ufficio con una buona quantità di stampe non c'è bisogno di fare pulizia, visto l'uso continuativo
Notturnia22 Novembre 2012, 20:19 #7
che strano.. come mai io quando prendo una office jet non spendo mai meno di 800 euro .. e le cartucce non me le regalano ?

idem per le laser .. per non parlare della ultima multifunzione da 4.5k euro..

non so poi come calcolano i costi di gestione.. ma avrei qualche dubbio visto i toner alta capacità da 15 mila pagine.. quante pagine stampano quelle cartucce ?..

boh...
Apocalysse22 Novembre 2012, 21:30 #8
Originariamente inviato da: thefalcon
Ambè certamente...compro una laser per tenerla spenta!


Infatti non passa giorno che non si legga di un tecnico Xerox morto di tumore alle vie respiratorie o con gravi problemi respiratori.
Ma per piacere tutti e due
Apocalysse22 Novembre 2012, 22:20 #9
Originariamente inviato da: thefalcon
Che fenomeno...

Grazie, grazie, non importa che lo ammetti

Anche l'amianto sembrava non facesse un cacchio poi dopo 30 anni crepavano addirittura le mogli degli operai solamente perché prima di mettere in lavatrice gli indumenti del lavoro gli davano una scrollatina...

GNEEEE riprova con un altro esempio e ti spiego il perchè:

1) L'amianto è cancerogeno, se lo respiri automaticamente ti viene un tumore, basta una particella. Il toner no, il problema del toner è che una micropolvere, non che sia cancerogeno in se.
2) 30 anni ? La xerografia esiste dal dopo guerra, Xerox era leader indiscussa, i tecnici Xerox, come quelli di qualsiasi altra marca caduto il brevetto, tabaccano tanto di quel toner che tu non hai idea. Non ho mai sentito di tecnici morti o con problemi respiratori sia gravi che non e ne ho incontrati, quelli che vedo abitualmente che hanno 40 anni di esperienza hanno problemi di sciatica, dici che è colpa del toner che tabaccano ?
3) Nel corso del tempo le stampanti di sono evolute, i costruttori sono gia da anni che ci stanno all'occhio, il toner costa, se una macchina ne disperde molto (cosa che facevano macchine molto vecchie che andavano con KG di toner), vuol dire che il costruttore ci deve spendere piu soldi. Se garantisce che un toner fa 15K stampe secondo l'ISO/IEC 19752, quel toner deve fare quelle copie, ma se la tua macchina è poco efficente, devi metterci piu toner per garantire quella resa, il che equivale a un costo maggiore.

Vedi....da come parli sembrerebbe che hai una di quelle stampanti in ufficio e te ne freghi.

Invece tabacco piu toner di quanto tu possa immaginare

Io invece ragiono sul fatto che,a causa dell'aria che respiriamo in alcuni luoghi più o meno inquinati,il signor cancro colpisce indistintamente tutti!

Vaglielo a dire al reparto produzione di una ceramica, se non muoiono li, stai tranquillo che non sarà la tua stampante ad ucciderti

Di certo se vivo in posti dove l'aria è quasi perfetta,non vado a farmi una sniffatina di polveri sottili per incontrarlo prima degli altri...

Ma chi ti dice che la quantità di polvere sottile sia tale da avere una qualche influenza ? Per dire se scoprissi che una respirata a pieni polmoni sulla via che hai davanti a casa equivalrebbe a tutta la polvere sottile emessa nell'arco della giornata della tua stampante ?

Se ti puo far star piu tranquillo, i costruttori ci stanno gia pensando da tempo, sia per il motivo sopraesposto, sia per "pubblicità", le multifunzioni piu "pro" hanno un microfiltro apposta per raccogliere le particelle che svolazzano nella zona di stampa. E' come se avessero un "aspiratoner" incorporato, quindi quasi 0 ppm nell'ambiente operativo di lavoro
Tasslehoff22 Novembre 2012, 23:23 #10
Originariamente inviato da: thefalcon
40 50 euro?
Ma stiamo parlando di una stampante B/N o a colori?
Monocromatica.
Per i colori esistono soluzione a partire da 180 euro.

Tutta roba che fa la mia canon,con la differenza che se voglio stamparmi una foto in maniera decente lo posso fare...
In maniera talmente decente che se ci passi un dito umido sopra (anche dopo che gli inchiostri si sono asciugati) la stampa di squaglia...
Senza contare che di gente che sa stampare decentemente contenuti grafici io ne ho trovata veramente poca anche tra i professionisti, figuriamoci se stiamo parlando del tipico utente domestico (non parlo di te, per quanto ne so potresti essere un grafico pubblicitario affermato...).

Si certo...se devo stampare 200 foto è chiaro che mi appoggio ai servizi online.
Resta il fatto che se ogni tanto voglio stampare un A4 pieno con una risoluzione che non ha nulla da invidiare a un laboratorio con una inkjet posso farlo!
Immagino puoi farlo anche con la tua brother da 50 euro vero?
Forse ti sfugge che anche per stampare 10 foto puoi ordinare online e ritirare presso un centro commerciale o supermercato, o presso lo studio di un fotografo (questo servizio lo fa perfino il fotografo nella piazza del mio paesino da 7000 abitanti).

Guarda che l'inchiostro non ci mette mesi ad asciugarsi...
Ma già il fatto che richieda del tempo è grave...
E' un problema che con una laser non hai a prescindere, e se stai stampando un documento da qualche decina o centinaia di pagine il problema si pone eccome.

Mi piacerebbe sapere che laser intendi...io tutte quelle viste finora sono enormi confrontate con all-in-one inkjet,,,
Ti basta dare un'occhiata alle laser entry level Brother, le dimensioni sono perfettamente confrontabili alle inkjet.

Anche,tu con una laser invece che fai?
Se proprio vuoi farti del male stampando fotografie fai pure, non sarò certo io a fermarti.
Di ragioni che dimostrano quanto sia controproducente stampare fotografie con una inkjet ne ho elencate, il fatto che sia una pratica talmente marginale da essere statisticamente irrilevante lo dimostra.

Con 50 euro prendo 3 litri di colore e uno di nero,ti lascio immaginare quanto vado avanti a stampare...
Ah beh se stiamo parlando dell'angolo del fai da te...
Mi spieghi che senso ha confrontare il prezzo degli inchiostri al litro con i costi reali dei consumabili originali?
E che fai? ti metti a riempire le cartucce con le siringhe? Ti pare che sia una cosa fattibile da chiunque o che chiunque sia disposto a fare, specialmente in ambito lavorativo (vedi target del prodotto di cui parla l'articolo).
Per cortesia torniamo sulla terra...

Cazzate,siamo nel 2012,non nel 1800!
le inkjet oggi sono sofisticate.
La mia scrausa Canon in ufficio stampa biglietti di produzione tagliati a mano e non perde un colpo.
Punto uno vedi di moderare il tono.
Punto due, quello che fa la tua Canon non è rilevante (così come non è statisticamente rilevante nemmeno la mia esperienza o quella di chiunque su questo forum), quello che è rilevante è il fatto che gran parte degli utenti che hanno avuto una inkjet (se non tutti) hanno sperimentato i disagi e i costi che ho espresso e l'astio che circonda le stampanti inkjet lo dimostra, o forse anche questo è una leggenda metropolitana?

Se vabbè.....non è ROBA CHE mi respiro se è quello che vuoi sentirti dire.....
E con questo? E' "roba" con cui comunque vieni a contatto, pensi che la respirazione sia l'unico mezzo con cui si possa entrare in contatto con una sostanza tossica?

Ambè certamente...compro una laser per tenerla spenta!
Perchè la tua stampante la tieni sempre accesa e in stampa 24x7?
Nemmeno nel più attivo degli uffici le stampanti sono costantemente in stampa a ciclo continuo, non sono certo copisterie o tipografie...

Per tua informazione poi c'è molta gente che compra una laser perchè sa che pur usandola poco, e pur passando gran parte del suo tempo spenta (magari sotto una copertura per proteggerla dalla polvere), quando ne avranno bisogno basterà premere il pulsante di accensione e lanciare una stampa, e hanno la certezza di ottenere un documento stampato perfettamente come se la stampante stessa fosse uscita un istante prima dalla confezione.
Generalmente queste persone fanno questa scelta dopo aver passato anni a maledire le stampanti inkjet a causa dei loro costi, delle loro insostenibili procedure di pulizia, della loro fragilità, degli ugelli intasati, delle testine disallineate, delle cartucce sempre mezze vuote, magari gente che s'era pure comprata un modello di stampante inkjet evoluto "per stampare le foto", per poi pentirsene dopo i primi test, finendo per litigare con gli inchiostri, la carta fotografica, le sbavature che non mancano mai, i tempi di asciugatura, la delicatezza delle stampe, la degradazione qualitativa delle stampe etc etc etc...
Una vera evoluzione... già già...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^