Amazon Grand Challenge: la divisione segreta in stile Google X per i progetti avanzati

Amazon Grand Challenge: la divisione segreta in stile Google X per i progetti avanzati

Amazon avrebbe fondato una divisione interna dedita all'esplorazione di tecnologie avanzate e soluzioni innovative, similmente a quanto faceva Google X: Grand Challenges punta a curare alcune forme di cancro, ad esempio

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Scienza e tecnologia
Amazon
 

Amazon avrebbe messo in piedi una propria divisione di sviluppo di progetti avanzati e "alternativi", similmente a Google X (ora semplicemente "X" e sotto il diretto controllo di Alphabet). Chiamata Grand Challenge, la divisione sarebbe presieduta da Babak Parviz, già membro di Google X e responsabile dello sviluppo di progtti quali i Google Glass.

Amazon Grand Challenge sarebbe altresì noto internamente come Amazon X o Amazon 1492 e avrebbe il compito di esplorare progetti avanzati, soprattutto in ambito medico. Uno degli obiettivi è trovare delle cure per varie forme di cancro, grazie all'aiuto dell'intelligenza artificiale fornita dalla divisione cloud (cui farebbe capo Grand Challenge) e alla collaborazione con il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle. Da notare che la fonte originale CNBC scrive "curare il cancro", ma vista la varietà e la quantità di forme tumorali un'affermazione così ampia è poco indicativa: per questo motivo è probabile che Grand Challenges si stia focalizzando su forme specifiche, affrontandole una alla volta e/o trovando connessioni tra queste. È infatti impossibile trovare una generica "cura per il cancro" che possa curare, per fare un esempio semplificato, sia il cancro al pancreas che quello alla pelle.

L'obiettivo generale di Grand Challenge è l'esplorazione di nuovi settori o la creazione di tecnologie che possano rivoluzionare settori già esistenti, similmente a quanto fatto da Google X con progetti quali l'auto a guida autonoma (che ora ha un'azienda dedicata, Waymo). Tra gli altri progetti cui Grand Challenge, composta da circa 50 persone selezionate internamente con concorsi annuali, sta lavorando troviamo anche le consegne cosiddette "dell'ultimo miglio", ovvero le consegne dall'ufficio postale o centro di smistamento locale fino al destinatario.

La divisione starebbe crescendo con il tempo e non è detto che i suoi risultati non vengano resi pubblici ufficializzando al contempo la sua esistenza, per ora non confermata e teoricamente segreta. Amazon continua dunque nella sua espansione in molteplici settori che esulano da quello classico dell'e-commerce.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Perseverance06 Giugno 2018, 17:47 #1
Xkè loro si e Aaron Swartz no? Xkè hanno i soldi e sono una potenza mondiale. I bigdata gli servono, noi li riempiamo gratis e a volte anche senza il nostro consenso. Tuttavia, al contrario, in cambio non avremo niente gratis; ce lo faranno pagare. Se ci saranno cure saranno a pagamento. E come provi a rendere il sistema di ricerca libero e gratuito ti "ammazzano" come Aaron.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^