Hubble è inattivo: la rottura di un giroscopio lo costringe alla disattivazione

Hubble è inattivo: la rottura di un giroscopio lo costringe alla disattivazione

Hubble non è operativo a causa della rottura di uno dei sei giroscopi che gli permettono di puntare una porzione di cielo e rimanere stabile in tale direzione. Si tenterà il recupero di uno dei giroscopi guasti

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

A distanza di 28 anni dal lancio, il telescopio spaziale Hubble deve affrontare un problema di non poco conto: la rottura di uno dei sei giroscopi che gli permettono di mantenere la posizione e riprendere un punto fisso. Il problema è che al momento Hubble è offline perché rimangono operativi solo due giroscopi.

I giroscopi servono a Hubble per puntare in una direzione e rimanere stabile in tale direzione. Con sei giroscopi riesce a mantenere la posizione in maniera molto stabile, ma il progetto prevede che fino a due giroscopi possano guastarsi. Nel caso in cui ci siano più guasti, Hubble non riesce a garantire la stessa precisione.

Hubble

Nonostante i tentativi di ripristinare la piena funzionalità, al momento Hubble è in modalità di protezione e si prevede che la situazione non migliori nell'immediato futuro. L'ultimo intervento di manutenzione sui giroscopi è stato effettuato nel 2009, quando furono sostituiti tutti i giroscopi installati; come scrive Engadget, era previsto che Hubble continuasse a operare fino al 2015 e la rottura era dunque attesa, ma ciò non toglie che la situazione attuale è meno che ideale. Il telescopio è infatti in attesa che il suo sostituto (il James Webb Telescope) venga lanciato, ma ciò non avverrà prima del 2021.

Per cercare di mantenere l'operatività fino a tale data, la NASA cercherà di riattivare un giroscopio disattivato perché rotto, ma non c'è certezza che l'operazione riesca. Con tre giroscopi sarebbe possibile avere piena operatività, ma servirà del tempo per capire come portare avanti l'operazione.

Serviranno alcune settimane di lavoro per ripristinare il giroscopio guasto, e non è detto che sarà possibile arrivare alla riparazione. La NASA sta valutando, nel caso non si riuscisse a riparare il terzo giroscopio, di mantenere attivo un solo giroscopio per prolungare l'operatività del telescopio: mantenendone uno in funzione, e lasciando il secondo disattivo, si potrebbe distribuire meglio il carico e aumentare dunque la durata di ciascun giroscopio.

Hubble è stato uno strumento fondamentale nel permettere nuove scoperte e negli ultimi 28 anni ha permesso di raggiungere risultati ragguardevoli. Non è esagerato dire che è forse uno degli strumenti scientifici più importanti nella storia della scienza. La speranza è dunque che si possa continuare a mantenerlo operativo per proseguire nelle ricerche.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz10 Ottobre 2018, 09:33 #1
Hanno provato a spegnare tutto e riavviare? Nella maggior parte dei casi funziona
Nicodemo Timoteo Taddeo10 Ottobre 2018, 09:37 #2
Originariamente inviato da: Bivvoz
Hanno provato a spegnare tutto e riavviare? Nella maggior parte dei casi funziona


Forse si è solo staccata la spina dalla presa di corrente...
Bivvoz10 Ottobre 2018, 09:39 #3
Originariamente inviato da: Nicodemo Timoteo Taddeo
Forse si è solo staccata la spina dalla presa di corrente...


Mmm... quello non credo
biometallo10 Ottobre 2018, 09:48 #4
A chi fosse interessato segnalo l'ultimo video del canale youtube link4universe dove mi sembra la questione sia trattata in modo più dettagliato ma sempre con un linguaggio "a prova di idiota"

https://youtu.be/QFAX8uXRnwk

Da quello che ho capito attualmente sono montate 3 coppie di giroscopi, le prime due coppie avevano già perso un giroscopio e la terza pare si sia guastata del tutto, restano quindi 2 giroscopi su 6 che a questo punto preferirebbero usare uno alla volta di modo che quando uno si esaurirà ci sarà ancora l'altro disponibile.

La parte triste del discorso è pensare che 30 anni fa avevamo i mezzi per lanciare un oggetto simile e ripararlo e ora non più.

edit: in effetti "tecnologia" non era il massimo come scelta, quindi l'ho sostituito con "i mezzi"
zappy10 Ottobre 2018, 09:55 #5
Originariamente inviato da: biometallo
La parte triste del discorso è pensare che 30 anni fa avevamo la tecnologia per lanciare un oggetto simile e ripararlo e ora non più.


boh, non so se non c'è più la tecnologia, non credo, le cause sono altre (costi, voglia, interesse).

piuttosto, le Voyager funzionano ancora (e puntano precisamente la Terra nonostante siano a una distanza pazzesca). Sono degli anni '70 e ovviamente NON hanno mai avuto nessuna manutenzione. Insomma, funzionano da quasi 50 anni, e bene.
hubble è molto + recente e ha già subìto molte manutenzioni e sostituzioni.
Non è che le cose "moderne" sono fatte per scassarsi più in fretta?
Bivvoz10 Ottobre 2018, 09:57 #6
Originariamente inviato da: biometallo
A chi fosse interessato segnalo l'ultimo video del canale youtube link4universe dove mi sembra la questione sia trattata in modo più dettagliato ma sempre con un linguaggio "a prova di idiota"

https://youtu.be/QFAX8uXRnwk

Da quello che ho capito attualmente sono montate 3 coppie di giorscopi, le prime due coppie avevano già perso un giroscopio e la terza pare si sia guastata del tutto, restano quindi 2 giroscopi su 6 che a questo punto preferirebbero usare uno alla volta di modo che quando uno si esaurirà ci sarà ancora l'altro disponibile.

La parte triste del discorso è pensare che 30 anni fa avevamo la tecnologia per lanciare un oggetto simile e ripararlo e ora non più.


Perchè con i vettori di adesso non riuscirebbero a ripararlo?
La Nasa attualmente non ha una navetta con equipaggio, ma ne ha due in arrivo.
Non basta mandarne li una (quando entreranno in servizio) ed eseguire la riparazione?
biometallo10 Ottobre 2018, 10:11 #7
Con tecnologia intendevo proprio un alternativa allo Shuttle

Originariamente inviato da: Bivvoz
Perchè con i vettori di adesso non riuscirebbero a ripararlo?


Da quel che dice Adrian Fartade nel video sembrerebbe di no, nessuno dei vettori presenti o previsti nell'immediato futuro permeerebbe di fare operazioni simili in EVA (lo shuttle disponeva anche del famoso braccio robotico per tenere formo il telescopio durante tutto il processo di riparazione, e già così è stata una sfida non di poco conto) ne sarebbe possibile il recupero di un oggetto tanto grande, per quello servirebbe almeno il BFR ma che comunque non è previsto in tempi utili.
Bivvoz10 Ottobre 2018, 10:17 #8
Beh recuperò no, questo è chiaro.
Però le nuove navette dovrebbero avere una configurazione flessibile per permettere di avere un equipaggio ridotto e dedicare parte della navetta al carico (pezzi di ricambio, attrezzature, ecc.)
Secondo me si inventeranno qualcosa, il braccio era sicuramente una valido aiuto ma penso si possa trovare qualcosa di alternativo.

Poi oh, chi siamo noi per dirlo ci mancherebbe, hanno decine di capoccioni a studiare queste cose e se dicono che non è fattibile ci credo
emanuele8310 Ottobre 2018, 10:19 #9
Originariamente inviato da: zappy
boh, non so se non c'è più la tecnologia, non credo, le cause sono altre (costi, voglia, interesse).

piuttosto, le Voyager funzionano ancora (e puntano precisamente la Terra nonostante siano a una distanza pazzesca). Sono degli anni '70 e ovviamente NON hanno mai avuto nessuna manutenzione. Insomma, funzionano da quasi 50 anni, e bene.
hubble è molto + recente e ha già subìto molte manutenzioni e sostituzioni.
Non è che le cose "moderne" sono fatte per scassarsi più in fretta?


si vabbè GOMBLODDO!!!1cientoundici.
stai confrontando pere con sottomarini atomici. le voyager sono dei carroarmati fatti per navigare nel vuoto cosmico
Hubble se ne sta in un posto che è molto più soggetto a intemperie e quindi è più facile che si guasti. Senza contare cheè molto più complesso



Originariamente inviato da: Bivvoz
Perchè con i vettori di adesso non riuscirebbero a ripararlo?
La Nasa attualmente non ha una navetta con equipaggio, ma ne ha due in arrivo.
Non basta mandarne li una (quando entreranno in servizio) ed eseguire la riparazione?


Originariamente inviato da: biometallo
Con tecnologia intendevo proprio un alternativa allo Shuttle



Da quel che dice Adrian Fartade nel video sembrerebbe di no, nessuno dei vettori presenti o previsti nell'immediato futuro permeerebbe di fare operazioni simili in EVA (lo shuttle disponeva anche del famoso braccio robotico per tenere formo il telescopio durante tutto il processo di riparazione, e già così è stata una sfida non di poco conto) ne sarebbe possibile il recupero di un oggetto tanto grande, per quello servirebbe almeno il BFR ma che comunque non è previsto in tempi utili.


senza schuttle e il suo braccio robotico di recupero col cavolo che ce la si fa.

non creo ch le prossime navicelle NASA siano di quel calibro. nemmeno creo che siano pronte prima del 2012 (per una missione spaziale di quel calibro ci volgiono mesi di preparazione) tanto vale aspettare il james webb telescope (JWT) che cmq avrebbe dovuto essere secondo i piani iniziali lanciato nel 2019.
il punto è: c'è da sperare che il lancio sia un successo perchè coi miliardi investiti nel JWT e la sua intrinseca non-riparabilità (starà a 1Mkm dalla terra) rimarremmo ciechi verso il cosmo per forse decenni.
Bivvoz10 Ottobre 2018, 10:24 #10
Originariamente inviato da: emanuele83
senza schuttle e il suo braccio robotico di recupero col cavolo che ce la si fa.

non creo ch le prossime navicelle NASA siano di quel calibro. nemmeno creo che siano pronte prima del 2012 (per una missione spaziale di quel calibro ci volgiono mesi di preparazione) tanto vale aspettare il james webb telescope (JWT) che cmq avrebbe dovuto essere secondo i piani iniziali lanciato nel 2019.
il punto è: c'è da sperare che il lancio sia un successo perchè coi miliardi investiti nel JWT e la sua intrinseca non-riparabilità (starà a 1Mkm dalla terra) rimarremmo ciechi verso il cosmo per forse decenni.


Ma il james webb non è che sostituisce hubble, sarebbe comunque un peccato perdere hubble.
Ciechi no di certo comunque perchè ci sono altri telescopi e strumenti spaziali oltre a quelli terrestri anche di nuova concezione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^