Il Comune di Napoli avvia un'iniziativa per l'uso di una blockchain

Il Comune di Napoli avvia un'iniziativa per l'uso di una blockchain

Aperta la possibilità di creare un gruppo di lavoro su base volontaria che permetta di studiare il fenomeno e di concretizzarlo per la fruizione ed il pagamento di servizi

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Scienza e tecnologia
 

Il comune di Napoli ha emesso un invito a proporsi per la formazione di un gruppo di studio sul tema della blockchain con alcuni obiettivi piuttosto ambiziosi. Si tratta dell'istituzione di un gruppo di lavoro su base volontaria che avrà il compito di elaborare ed eventualmente attuare una serie di obiettivi legati alla blockchain e ad un suo utilizzo per alcune delle attività della città.

In particolare l'amministrazione comunale vorrebbe esplorare:

-L'utilizzo di una blockchain in uno dei processi amministrativi della macchina comunale
-L'accettazione di pagamenti in criptovalute, ad esempio per l'accesso al Maschio Angioino o per pagamenti di servizi
-L'attuazione di una raccolta fondi basata su criptovalute
-La generazione, distribuzione e utilizzo di una nuova criptovaluta tramite ICO, legata all'economia della città

"I temi della decentralizzazione e della partecipazione sono i cardini su cui si fonda la tecnologia denominata Blockchain e tali "cardini" sono in linea con l'azione e le idee attuate in più campi dall'amministrazione comunale: infatti l'utilizzo di una blockchain per le pubbliche amministrazioni per la gestione dei procedimenti amministrativi può rendere più trasparenti tali processi. Inoltre, le caratteristiche di immodificabilità della tecnologia potrebbero sicuramente apportare dei benefici in termini di trasparenza, efficienza e responsabilità dell'azione amministrativa" si legge sulla pagina ufficiale del comune di Napoli tramite la quale viene annunciata l'iniziativa. 

Sul sito viene messo a disposizione un form che permette a chiunque di iscriversi e mettersi a disposizione dell'iniziativa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Phoenix Fire20 Aprile 2018, 17:54 #1
ok non sono un esperto di blockchain, quindi potrei sbagliarmi, ma l'utilizzo proposto mi sembra proprio il classico esempio di sparare a una mosca con un cannone
Notturnia20 Aprile 2018, 18:00 #2
il comune di napoli vuole fare una moneta sua ?.. rotfl.. domani batto moneta pure io
io7820 Aprile 2018, 18:08 #3
Originariamente inviato da: Phoenix Fire
ok non sono un esperto di blockchain, quindi potrei sbagliarmi, ma l'utilizzo proposto mi sembra proprio il classico esempio di sparare a una mosca con un cannone


In realtà è un progetto per cui la cryptomoneta calza a pennello perchè, se sfruttato/implementato correttamente, permette all'amministrazione/esercizi conventionati di accettare pagamenti elettronici e ticket elettronici senza dover pagare commissioni ridicole a terzi
Angelorpheus20 Aprile 2018, 18:13 #4
signo' bellu shto bitcoin
ilbarabba20 Aprile 2018, 18:16 #5
Ma Charles Ponzi non era nato vicino Ravenna?
Ryddyck20 Aprile 2018, 18:26 #6
Comunque notizia parzialmente inutile per diversi motivi:
- A livello amministrativo fare una singola blockchain renderebbe oneroso tutto il processo burocratico, se vogliono la blockchain che la faccia direttamente lo Stato dall'alto... sinceramente sono particolarmente stanco di vedere l'utilizzo di diverse piattaforme nemmeno compatibili tra loro all'interno di uno stesso Comune... ci manca solo la blockchain.
- Si può usare qualsiasi criptovaluta per il pagamento dei servizi, non ce ne vuole una propria, basta mettere fuori un "Si accetta X" (possono benissimo utilizzare bitpay o altri psp) e poi anche se non si volesse utilizzare la criptovaluta siamo appena appena nel 2018, mi sembra il minimo avere un pos per le carte di credito per digitalizzare il tutto (tra le altre cose esiste il sistema PagoPa...)
- La roba sull'ico è la versione digitale del Napo (sembra la sparata elettorale di Ingroia con la peoplecoin...)
HackaB32120 Aprile 2018, 18:55 #7
Non sanno di cosa parlano, e d'altronde se le azioni di aziende che hanno messo questa parola magica nella loro ragione sociale spiccano il volo in borsa, bisogna solo rendersi conto che come sempre il mondo va dietro alle mode. Ma anche che le mode passano velocemente.

Ci saranno non più di 1000 persone al mondo che sanno oggi davvero cos'è (anzi cosa NON è, che sarebbe più importante) una blockchain e massimo 100 che sono in grado di sviluppare sull'argomento a livello davvero avanzato.

Di queste, non credo nessuna lavori nel comune di Napoli o nella azienda che, magari grazie a qualche conoscenza, è riuscita a presentare a qualche politico locale la mezza tonnellata di fuffa da cui è scaturito questo triste comunicato.

Dopo la tavanata galattica del Bitcoin di stato (http://www.repubblica.it/economia/r...tato-194325905/) ci mancava pure la blockchain al comune di Napoli
mattia.l20 Aprile 2018, 19:30 #8
Originariamente inviato da: Notturnia
il comune di napoli vuole fare una moneta sua ?.. rotfl.. domani batto moneta pure io


Camorracoin
fraussantin20 Aprile 2018, 19:35 #9
Originariamente inviato da: HackaB321
Non sanno di cosa parlano, e d'altronde se le azioni di aziende che hanno messo questa parola magica nella loro ragione sociale spiccano il volo in borsa, bisogna solo rendersi conto che come sempre il mondo va dietro alle mode. Ma anche che le mode passano velocemente.

Ci saranno non più di 1000 persone al mondo che sanno oggi davvero cos'è (anzi cosa NON è, che sarebbe più importante) una blockchain e massimo 100 che sono in grado di sviluppare sull'argomento a livello davvero avanzato.

Di queste, non credo nessuna lavori nel comune di Napoli o nella azienda che, magari grazie a qualche conoscenza, è riuscita a presentare a qualche politico locale la mezza tonnellata di fuffa da cui è scaturito questo triste comunicato.

Dopo la tavanata galattica del Bitcoin di stato (http://www.repubblica.it/economia/r...tato-194325905/) ci mancava pure la blockchain al comune di Napoli


Curioso di sapere dove hai preso le statistiche.

Ok che molti confondono monetacriptata con catena a blocchi o quello che è , ma direi che le blockchain ormai son note a ben troppe persone.

Che poi non è troppo diverso da quello che tutti fanno con emule torrent ecc ecc
io7820 Aprile 2018, 20:09 #10
Originariamente inviato da: fraussantin
Curioso di sapere dove hai preso le statistiche.

Ok che molti confondono monetacriptata con catena a blocchi o quello che è , ma direi che le blockchain ormai son note a ben troppe persone.

Che poi non è troppo diverso da quello che tutti fanno con emule torrent ecc ecc


Sicuramente è stato un po' eccessivo ma è vero che negli ultimi 6 mesi i fantomatici espertoni blockchain sono spuntati come funghi. Quello che è noto alle persone è l esistenza della blockchain ma Non il suo funzionamento software .
Questi, come tutti i progetti blockchain sono da considerare ricerca e sviluppo. Le potenzialità ci sono ma ricordo che in Italia siamo riusciti a spendere milioni di € per un portale CMS del turismo che faceva schifo nonostante i nomi altisonanti impiegati per la realizzazione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^