Il primo treno passeggeri a idrogeno al mondo è francese e viaggerà in Germania

Il primo treno passeggeri a idrogeno al mondo è francese e viaggerà in Germania

Coradia iLint è il primo treno passeggeri a idrogeno. È costruito dalla francese Alstom e verrà utilizzato a partire dalla fine del 2017 in una linea della Bassa Sassonia

di Nino Grasso pubblicata il , alle 17:11 nel canale Scienza e tecnologia
 

La scorsa settimana la compagnia di trasporti francese Alstom ha svelato il primo treno passeggeri al mondo a fare uso dell'idrogeno come combustibile. Stando a quanto sottolineato dal quotidiano tedesco Die Welt il veicolo a rotaie viaggerà in Germania entro la fine del 2017.

Coradia iLint è un treno passeggeri atipico nella sua categoria e si caratterizza per la sua estrema silenziosità di funzionamento. Questo grazie al fatto che viene alimentato da celle di combustibile a idrogeno, le quali emettono solamente vapore e condensa. Un serbatoio di idrogeno posizionato sul tetto del treno alimenta le celle di combustibile che a loro volta producono corrente elettrica in maniera molto più pulita rispetto alle locomotive alimentate a gasolio.

Coradia iLint

Alstom spera infatti che i propri treni a idrogeno possano eliminare la maggior parte delle locomotive tradizionali, diffusissime nel Vecchio Continente nonostante gli sforzi di "elettrificazione" fatti nei paesi principali. Il nuovo treno è stato svelato a InnoTrans, un evento annuale che si è tenuto a Berlino la scorsa settimana. A partire dalla fine del 2017 il treno percorrerà la linea Buxtehude-Bremervörde-Bremerhaven-Cuxhaven nella parte nord-ovest del paese. Le autorità di trasporto locali del Niedersachsen (Bassa Sassonia) hanno già ordinato 14 treni di questo tipo.

Partiranno già ad autunno 2016 le fasi di test e certificazione del veicolo a rotaie condotte dalla German Federal Railway Authority Eisenbahn-Bundesamt, e dovrebbero concludersi proprio a ridosso dell'impiego pubblico del prossimo anno. Coradia iLint è il primo treno passeggeri al mondo a fare uso dell'idrogeno come combustibile, ma non è di certo il primo veicolo con questa caratteristica. Il termine inglese "hydrail" è utilizzato dal 2004 per descrivere tutti i tipi di veicoli a rotaie basati sull'idrogeno come combustibile, e la tecnologia viene utilizzata da tempo in Giappone.

L'annuncio sottolinea però la voglia di innovare della Germania nel campo dei trasporti. Solo lo scorso luglio Deutsche Bahn, il più grande operatore ferroviario europeo, annunciava un rapporto di collaborazione per lo sviluppo delle tecnologie Hyperloop.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TheZeb26 Settembre 2016, 17:20 #1
Così se espode.. esplode in Germania....
Rubberick26 Settembre 2016, 17:22 #2
Curiosità nonchè forse banalità ma chiedo lo stesso..

Fatte tutte le analisi del caso cosa è meglio elettrificare tutto o dotare i treni di serbatoio?
+Benito+26 Settembre 2016, 17:22 #3
le locomotive a gasolio non sono a corrente elettrica....le celle sono a combustibile non di combustibile...il rumore prodotto dal treno sarà lo stesso di un treno elettrico a meno del rumore pantografo-cavi....l'idrogeno rimane un vettore di conseguenza quanto inquina è dipendente da come lo si produce....ha un'autonomia di 600-800 km con un pieno di idrogeno di conseguenza ogni giorno dovrà fare almeno 2 pieni, non il top della sicurezza. Spero abbia una forma di frenata rigenerativa se no mi sembra una bella mossa pubblicitaria ma tecnicamente fuffa.
nickmot26 Settembre 2016, 17:30 #4
Originariamente inviato da: Rubberick
Curiosità nonchè forse banalità ma chiedo lo stesso..

Fatte tutte le analisi del caso cosa è meglio elettrificare tutto o dotare i treni di serbatoio?


In realtà come per ogni cosa non esiste bianco o nero.

- Non tutte le linee sono facilmente elettrificabili, o non lo sono affatto.
- Nei tratti montani i vecchi treni diesel sono più adatti in quanto ogni carrozza è a sua volta motrice, a differenza degli elettrici che al massimo hanno una motrice in testa ed in fondo.

Da noi circolavano il vecchi ALN fino allo scorso anno (qualcuno è ancora in servizio), anni fa ci fornirono un Minuetto (https://it.wikipedia.org/wiki/Minuetto_(treno)) dopo poco lo spedirono nel senese in quanto non era in grado di percorrere il tratto Piazza al Serchio - Aulla.
Mr_Paulus26 Settembre 2016, 17:37 #5
Originariamente inviato da: nickmot
In realtà come per ogni cosa non esiste bianco o nero.

- Non tutte le linee sono facilmente elettrificabili, o non lo sono affatto.
- Nei tratti montani i vecchi treni diesel sono più adatti in quanto ogni carrozza è a sua volta motrice, a differenza degli elettrici che al massimo hanno una motrice in testa ed in fondo.

Da noi circolavano il vecchi ALN fino allo scorso anno (qualcuno è ancora in servizio), anni fa ci fornirono un Minuetto (https://it.wikipedia.org/wiki/Minuetto_(treno)) dopo poco lo spedirono nel senese in quanto non era in grado di percorrere il tratto Piazza al Serchio - Aulla.


in realtà negli elettrotreni tutte le carrozze sono motrici
Dumah Brazorf26 Settembre 2016, 17:38 #6
Originariamente inviato da: +Benito+
le locomotive a gasolio non sono a corrente elettrica...


Sei rimasto ai tempi della littorina. O forse intendi che su quella linea hanno dismesso quel tipo di trenini?
Nelle motrici a gasolio "moderne" il motore termico produce la corrente che aziona i motori elettrici di trazione.
nickmot26 Settembre 2016, 17:41 #7
Originariamente inviato da: Mr_Paulus
in realtà negli elettrotreni tutte le carrozze sono motrici


Ah si?

Qui si vedono (nei tratti elettrificati) sempre questi cosi https://it.wikipedia.org/wiki/Automotrice_FS_ALe_642, mi pare che quelli prevedano anche delle rimorchiate.

Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Sei rimasto ai tempi della littorina. O forse intendi che su quella linea hanno dismesso quel tipo di trenini?
Nelle motrici a gasolio "moderne" il motore termico produce la corrente che aziona i motori elettrici di trazione.



Mi sa che gli ATR-220 attualmente in servizio hanno trazione diesel normale.
Dumah Brazorf26 Settembre 2016, 17:45 #8
Solo i treni ad alta velocità hanno la trazione su tutte le carrozze, che io sappia. E i metro.
sidewinder26 Settembre 2016, 17:51 #9
Originariamente inviato da: Mr_Paulus
in realtà negli elettrotreni tutte le carrozze sono motrici


Non tutti...

L'unico vero EMU a potenza distruibuita sarebbe il TSR (amichevolmente soprannomiato dai ferrovieri come Treno Sempre Rotto per via dei problemid i dentizione con la elettrronica) ha un carrello folle e un carrello motore per ogni unita. mentre il TAF, solo le due estremita pilota hanno un carrello motorizzato, le 2 unita interne sono rimorchiate...

Anche i nuovi treni a alta velocita, come il nuovo frecciarossa (ETR400) e l' AGV,(italo) sono a potenza distribuita mentre il vecchio frecciarossa (ETR500) e' a potenza concentrata ovvero sono motrici le due locomotive alle estremità.
sidewinder26 Settembre 2016, 17:55 #10
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Sei rimasto ai tempi della littorina. O forse intendi che su quella linea hanno dismesso quel tipo di trenini?
Nelle motrici a gasolio "moderne" il motore termico produce la corrente che aziona i motori elettrici di trazione.


Quando mi mancano le care vecchie 668, serie 1000 che facevano Milano-LEcco via Molteno che era una delle poche linee lombarde a non essere elettrificate.

Da 5 anni sono sostituiti con i modernissimi ATR 125 Diesel-elettrici basati sul DMU GTW della Staedler.
Volendo, potrebbero essere convertiti facilmente in EMU cambiando il powerpack che comprende carrello motore, motore diesel con i generatori con uno munito di pantografo e inverter di controllo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^