In arrivo dall'Europa un codice etico sull'intelligenza artificiale

In arrivo dall'Europa un codice etico sull'intelligenza artificiale

L'Europa ha organizzato un comitato di 52 esperti con lo scopo di creare un codice etico sull'intelligenza artificiale previsto per fine 2019, ai fini utilizzare l'AI in maniera giusta nei confronti delle persone

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Scienza e tecnologia
intelligenza artificiale
 

Qualche giorno fa abbiamo parlato del pericolo che può provocare l'intelligenza attraverso le parole del CEO di Google Sundar Pichai.

“Regolamentare una nuova tecnologia al suo inizio è difficile ma credo che le società debbano autoregolamentarsi, ecco perché anche noi abbiamo tentato di articolare una serie di principi per l’AI. Magari non avremo ancora risolto ogni rischio ma era importante lanciare la conversazione”.

L'Europa ha preso molto sul serio il discorso e ha organizzato un comitato composto di 52 esperti del mondo accademico, dell'industria e della società civile per scrivere un documento che riporti un codice etico sull'intelligenza artificiale.

È noto a tutti come l'intelligenza artificiale sia uno dei grandi temi tecnologici del nostro tempo che ha anche implicazioni sociali, economiche e filosofiche. Le linee guida da rispettare sono molto chiare: prevale la tutela del ruolo e della dignità dell'essere umanoviene stabilito infatti il principio che l'intelligenza artificiale non deve danneggiare l'umanità ma deve tutelare la sicurezza fisica, psicologica e finanziaria. Inoltre, le macchine intelligenti dovranno sempre operare in favore della realizzazione dell'autonomia dell'uomo, mai riducendola.

Il vicepresidente della Commissione europea e commissario al Digitale Andrup Ansip ha commentato a riguardo: "L'intelligenza artificiale può apportare grandi benefici alle nostre società, dalla diagnosi dei tumori alla riduzione del consumo energetico. Ma affinché le persone accettino e utilizzino i sistemi basati su questa tecnologia devono averne fiducia, sapere che la loro privacy è rispettata, che le decisioni non sono di parte. Il lavoro del gruppo di esperti è molto importante in questo senso e incoraggio tutti a condividere i commenti per aiutare a finalizzare le linee guida."

Il documento dovrà essere presentato in maniera definitiva a marzo 2019, nel frattempo il comitato è aperto a suggerimenti. Potrete trovare maggiori informazioni a questo link.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto24 Dicembre 2018, 13:08 #1

Bene!

Ma chi sono questi esperti?
Non é che siano pseudouesperti? In stile "esperto in sicurezza informatica" PA italiana?
A volte mi chiedo in Europa se non mettono a capo gli esperti con il tipico modo di fare all'italiana....
aqua8424 Dicembre 2018, 13:20 #2
Originariamente inviato da: supertigrotto
Ma chi sono questi esperti?
Non é che siano pseudouesperti? In stile "esperto in sicurezza informatica" PA italiana?
A volte mi chiedo in Europa se non mettono a capo gli esperti con il tipico modo di fare all'italiana....

L'UE...
probabilmente saranno gli stessi "esperti" che hanno ritenuto ILLECITO avere Windows Media Player preinstallato in Windows...
bancodeipugni24 Dicembre 2018, 14:02 #3
normalmente i codici etici li stampano su carta igienica
Doraneko24 Dicembre 2018, 18:23 #4
Figurati se la UE si lascia scappare l'opportunità di regolamentare qualcosa di nuovo
Doraneko24 Dicembre 2018, 18:26 #5
Originariamente inviato da: aqua84
L'UE...
probabilmente saranno gli stessi "esperti" che hanno ritenuto ILLECITO avere Windows Media Player preinstallato in Windows...


Eh...a sto punto mi viene il dubbio che forse è meglio se fanno copia-incolla dalle 3 leggi della robotica di Asimov.
zappy24 Dicembre 2018, 19:30 #6
Originariamente inviato da: Doraneko
Eh...a sto punto mi viene il dubbio che forse è meglio se fanno copia-incolla dalle 3 leggi della robotica di Asimov.


che sono 4...
danieleg.dg24 Dicembre 2018, 19:51 #7
Originariamente inviato da: supertigrotto
Ma chi sono questi esperti?
Non é che siano pseudouesperti? In stile "esperto in sicurezza informatica" PA italiana?
A volte mi chiedo in Europa se non mettono a capo gli esperti con il tipico modo di fare all'italiana....

C'è la lista: https://ec.europa.eu/digital-single...al-intelligence
Notturnia24 Dicembre 2018, 23:16 #8
Più ne leggo e più vedo queste cose e più mi rendo conto che stiamo eliminando il genere umano in modo ben più veloce che con l’inquinamento
Le AI mi sa che ci sfuggiranno di mano molto facilmente
Toolkitman25 Dicembre 2018, 08:28 #9

Sono Daccordo!

Penso sia molto importante una regolamentazione da parte della legge riguardo l'intelligenza artificiale ma non tanto in quanto l'intelligenza artifiiciale ma in quanto a chi la programma, perche' una macchina prima di tutto deve imparare dall'uomo, se l'uomo da istruzioni buone colei fara' cose buone se da istruzioni cattive fara' cose cattive (e si spera di no!). Direte da che pulpito viene questa predica, lo so anche io ho fatto cose stupide (non riguardo l'intelligenza artificiale), ma me ne sono riveduto e credo sia umano farle pertanto regolamentare e' una cosa buona, a volte le situzioni ci portano ad un livello di stress che non riusciamo piu' a sopportare ci fa fare cose sbagliate, ma una macchina se programmata bene non prova stress e non cadra' mai in errore. Ovvio meglio controllare e rincotrollare il programma prima di avviarlo e tenerlo costantemente sotto controllo da eventuali manomissioni.
Toolkitman25 Dicembre 2018, 11:03 #10
Originariamente inviato da: Toolkitman
Penso sia molto importante una regolamentazione da parte della legge riguardo l'intelligenza artificiale ma non tanto in quanto l'intelligenza artifiiciale ma in quanto a chi la programma, perche' una macchina prima di tutto deve imparare dall'uomo, se l'uomo da istruzioni buone colei fara' cose buone se da istruzioni cattive fara' cose cattive (e si spera di no!). Direte da che pulpito viene questa predica, lo so anche io ho fatto cose stupide (non riguardo l'intelligenza artificiale), ma me ne sono riveduto e credo sia umano farle pertanto regolamentare e' una cosa buona, a volte le situazioni ci portano ad un livello di stress che non riusciamo piu' a sopportare ci fa fare cose sbagliate, ma una macchina se programmata bene non prova stress e non cadra' mai in errore. Ovvio meglio controllare e rincotrollare il programma prima di avviarlo e tenerlo costantemente sotto controllo da eventuali manomissioni.


NB: c'erano due piccoli errori di battitura corretti, non voletemi scrivo velocemente!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^