In Corea del Sud si studia una lente a contatto per monitorare i livelli di glucosio

In Corea del Sud si studia una lente a contatto per monitorare i livelli di glucosio

Potrebbe offrire un'alternativa meno invasiva rispetto ai metodi attuali per tenere sotto controllo i livelli di glucosio e per gestire il diabete

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Un gruppo di ricercatori coreani dell'Ulsan National Institute of Science and Technology (di seguito UNIST) ha progettato una lente a contatto flessibile che offre la possibilità di monitorare i livelli di glucosio senza alterare la vista dell'utente: sebbene in fase ancora di studio, si tratterebbe di una soluzione rivoluzionaria per la medicina poiché consentirebbe di rendere molto meno invasiva e più pratica la gestione di una patologia diffusa come il diabete.

La lente a contatto incorpora tutti i componenti elettronici necessari per ricevere alimentazione via wireless, monitorare i livelli del glucosio e gestire un piccolo LED, mantenendo la qualità e il comfort di una lente a contatto flessibile che le persone sono disposte realmente ad indossare.

Chi soffre di diabete di tipo 1 è costretto a tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel corso della giornata, analizzando una piccola goccia di sangue ricavata dalla puntura di un dito. La possibilità di usare una lente a contatto permette di analizzare il liquido lacrimale in maniera passiva e costante, offrendo una strada alternativa non invasiva per monitorare un parametro importante per le condizioni di salute senza che vi si debba pensare costantemente.

Il concetto di inserire elementi elettronici e sensori all'interno di una lente a contatto è già stato esplorato in precedenza da altri gurppi di ricerca, senza tuttavia raggiungere risultati incoraggianti. Ad esempio Verily, la divisione di Alphabet dedicata alle scienze biologiche, aveva brevettato lenti a contatto realizzate con componenti elettronici costruiti su substrati rigidi, che portavano ad una lente a contatto fragile a rischio di rottura e che in alcuni casi ostacolava la visione dell'utente.

Il nuovo prototipo prevede il raggruppamento dei componenti elettronici rigidi in piccole "isole" interconesse da conduttori flessibili e immerse in un materiale elastico morbido. Le isole sono disposte in maniera tale da distribuire omogeneamente lo stress meccanico così che i componenti elettronici non si deformino quando la lente a contatto viene toccata e manipolata. I ricercatori sono inoltre stati capaci di far corrispondere l'indice rifrattivo delle "isole" con quello del materiale elastico, migliorando così la trasparenza e riducendo gli effetti di dispersione della luce.

Nel prototipo realizzato dal gruppo dell'UNIST, il LED integrato resta acceso quando i livelli di glucosio restano entro le soglie di normalità, mentre si spegne quando i parametri sono al di fuori dei livelli di guardia. La lente a contatto può essere collegata ad un dispositivo e ad una app che possa indicare i livelli con precisione.

La lente è stata testata su un coniglio per cinque ore, senza che venisse rilevato alcun tipo di irritazione e i ricercatori hanno inoltre scattato alcune fotografie interponendo la lente a contatto tra l'obiettivo e il soggetto riscontrando una buona chiarezza, indice di adeguata trasparenza della lente.

Non è tutto rose e fiori, purtroppo: il prototipo ora richiede una fonte di alimentazione esterna che deve essere collocata ad una distanza massima di 9 millimetri dalla lente a contatto. "C'è sempre un compromesso quando si costruisce qualcosa di trasparente" osserva Jang-Ung Park, co-autore della pubblicazione su Science Advances. L'antenna è costituita da lunghe nanofibre di metallo che, pur flessibili, estensibili e invisibili all'utente, hanno una bassa conduttività e hanno bisogno di operare a frequenze più basse, aspetto che impone la vicinanza tra l'antenna e la fonte energetica. Nella pubblicazione questo aspetto non viene particolarmente approfondito e non è chiaro se i ricercatori stiano indagando strade per rendere più pratica l'alimentazione della lente a contatto.

Il gruppo ha comunque intenzione di applicare lo stesso concetto anche a lenti a contatto progettate per altri scopi medici, come ad esempio la somministrazione di farmaci. Per una lente a contatto capace di monitorare i livelli di glucosio si prevede una possibile commercializzazione entro i prossimi cinque anni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^