Italian Airspace: ecco l'app che vi permetterà di scoprire dove è possibile far volare i droni in Italia

Italian Airspace: ecco l'app che vi permetterà di scoprire dove è possibile far volare i droni in Italia

I droni sono senza dubbio una delle novità più importanti del momento a livello tecnologico. Dispositivi che permettono di realizzare riprese dall'alto anche da utenti non esperti. In Italia però è vietato in molti luoghi e l'app Italian Airspace permette di capire quali.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 08:21 nel canale Scienza e tecnologia
Android
 

I droni, ovvero i nuovi dispositivi radiocomandati con pilota remoto, hanno invaso in modo incredibile il mondo della tecnologia soprattutto nell'ultimo anno. sono velivoli che vengono utilizzati soprattutto per le riprese video aeree ma anche per scopi più funzionali come per consegnare pacchi agli utenti  ma anche per il controllo del territorio. In questo caso però in Italia il loro utilizzo viene vietato secondo alcune regole e permesso invece in alcuni specifici luoghi sotto prescrizione dell'ENAC che è l'ente nazionale per l'aviazione civile.

Ecco che per aiutare gli utenti che lo hanno acquistato e vogliono non incorrere in multe decisamente salate è stata creata un'applicazione specifica tramite la quale sarà possibile osservare su di una mappa tutte le zone in cui il volo sarà consentito e quelle invece in cui non potremo far volare i droni per non intralciare il traffico aereo o non interferire con gli strumenti di posizionamento, ad esempio i radar, dell’aviazione.

L'applicazione che prende il nome di Italian Airspace, che può essere scaricata per dispositivi con sistema operativo Android, permette di visualizzare una vera e propria mappa in cui vengono delineate tutte le No Fly Zone per i droni. L'applicazione oltretutto menziona in tempo reale tutte le zone sia fisse che magari temporanee che vengono applicate solamente per un periodo di tempo limitato magari a causa di eventi eccezionali o magari manifestazioni civili. Palese come queste zone siano maggiormente situate nelle vicinanze di aeroporti dove i droni non possono assolutamente volare per non interferire appunto con gli aeromobili o con la strumentazione degli stessi.

Molte le funzionalità che vengono implementate nell'applicazione come la possibilità di filtrare le tipologie di area da visualizzare sulla mappa in modo tale da avere sempre la visione che meglio interessa. Non solo perché le mappe vengono aggiornate in base alle modifiche che le autorità realizzano in modo tale da permettere agli utenti di avere sotto mano sempre le variazioni effettuate sull' AIP (Aeronautical Information Publication).

In questo caso l'applicazione viene rilasciata in due diverse versioni: una completamente gratuita ed una a pagamento che con un prezzo di 9.99€ permetterà di ottenere maggiori dati ma anche la possibilità di memorizzare waypoint specifici per i voli con il proprio drone.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mattewRE12 Luglio 2017, 09:14 #1
Ma su Android non esistono delle linee guida per la UI, alla quale è "fortemente consigliato" adeguarsi? E soprattutto secondo me è una perdita di tempo non usare gli strumenti per la UI di default.
In ogni caso, sembra utile -che è quello che conta-.
radeon_snorky12 Luglio 2017, 09:31 #2
NO!
un secco NO!
un appunto alla Redazione:
la definizione "generica" di <drone> presuppone che vi riferiate ai mezzi aerei AMATORIALI / GIOCATTOLO quindi la definizione corretta ad oggi è AEROMODELLO

Pertanto, in riferimento agli aeromodelli (preciso... per scopo ludico), quella applicazione NON DA CERTEZZA di dove si possa volare e dove no!

Segnala soltanto le aree REGOLAMENTATE per i mezzi aerei di "categoria superiore" agli aeromodelli (APR sub 300 grammi, APR da 300g a 25kg e via via tutti i mezzi guidabili LAPL - PPL - VDS ......)

per gli AEROMODELLI è espressamente VIETATO l'uso in zone popolate (urbanizzate)

un link con qualche regola:
https://www.enac.gov.it/La_Regolazi...AQ/index.html#6

spero sempre in un uso coscienzioso di questi frullatori volanti...
Rubberick12 Luglio 2017, 14:36 #3
Originariamente inviato da: mattewRE
Ma su Android non esistono delle linee guida per la UI, alla quale è "fortemente consigliato" adeguarsi? E soprattutto secondo me è una perdita di tempo non usare gli strumenti per la UI di default.
In ogni caso, sembra utile -che è quello che conta-.


Sono daccordissimo sulla questione della UI..

Mi chiedo ma questo tool non poteva esser rilasciato dall'areonautica direttam ? Con inclusi anche estratti dei regolamenti e tutto ciò che è necessario sapere..
MaxP412 Luglio 2017, 20:17 #4
Originariamente inviato da: radeon_snorky
NO!
un secco NO!
un appunto alla Redazione:
la definizione "generica" di <drone> presuppone che vi riferiate ai mezzi aerei AMATORIALI / GIOCATTOLO quindi la definizione corretta ad oggi è AEROMODELLO


Non fa una grinza!!!

Per iOS invece consiglio Airmap che fa piuttosto bene il suo lavoro ed è graficamente migliore.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^