La NASA pianifica di mandare una sonda verso Alpha Centauri nel 2069

La NASA pianifica di mandare una sonda verso Alpha Centauri nel 2069

Il progetto avveniristico della NASA propone di lanciare una sonda verso Alpha Centauri tra 52 anni: l'attesa sarà lunga perché devono ancora maturare le tecnologie necessarie, ma si prospetta un'impresa interessante

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 17:21 nel canale Scienza e tecnologia
 

Alpha Centauri è il sistema stellare più vicino a noi, con una distanza di soli 4,4 anni luce dal Sistema Solare. La NASA progetta ora di spedire una sonda verso tale sistema nel 2069, nella speranza che il le tecnologie maturino abbastanza da consentire di effettuare il viaggio in tempi ragionevoli.

La speranza del Jet Propulsion Laboratory è che nei prossimi 52 anni si sviluppino tecnologie di propulsione che permettano di accelerare una sonda fino al 10% della velocità della luce, arrivando quindi a coprire la distanza tra Terra e Alpha Centauri in "soli" 44 anni.

Una proposta simile era già stata avanzata e prevedeva l'uso di una propulsione a laser: colpendo la sonda con un laser da qualche gigawatt di potenza e contenendone il peso in pochi chilogrammi sarebbe infatti possibile accelerarla fino al 20% della velocità della luce nel giro di poche settimane. Curioso pensare a quanto ciò sia simile al modello presentato da Stanislaw Lem ne Il pianeta del silenzio (la cui lettura è consigliata agli appassionati di fantascienza e non solo).

Il fatto che la NASA metta in programma una simile missione fa però riflettere su quanto lontano nel futuro sia necessario guardare per pianificare la ricerca scientifica e l'avanzamento dell'umanità nel suo complesso. Una sonda del genere sarebbe tra le prime ad arrivare nello spazio interstellare dopo la Voyager 1 (e le sonde Pioneer 10 e 11) e la prima a uscire dalla nube di Oort.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
D4N!3L327 Dicembre 2017, 18:49 #1
Se anche ci riescono noi saremo già tutti morti, forse i nostri figli ne vedranno i risultati.
thewebsurfer27 Dicembre 2017, 19:11 #2
Immaginate se anche la nostra politica avesse simile lungimiranza?
Fare progetti a lungo termine non interessa a nessuno, men che meno se c'è il rischio che in futuro i meriti vadano alla parte avversa.
Tutti gli sforzi della nostra politica sono volti a campagne mediatiche dove il ritorno in immagine atteso è nell'ordine delle settimane.
L'unico progetto a lungo termine che ricordi è stato l'expo i lavori sono cominciati nel 2008..e i risultati si commentano da soli.
Lampetto27 Dicembre 2017, 20:11 #3
Alpha centauri è un sistema di 2 stelle che ruotano intorno a se stesse più una terza stella più piccola, (nana arancione) che ruota attorno alle gemelle.
In un sistema del genere è quasi impossibile che ci siano pianeti simili alla Terra che possano ospitare la vita, presumo che la scelta ricada solo sul fatto che è vicina a noi per pura ricerca scientifica.

4,4 anni luce dalla terra, tra la data prevista del lancio e la durata del viaggio (ammesso che riescano a far volare la sonda al 10% della velocità della luce, ovvero 30.000 Km/s (trentamila chilometri al secondo, che corrisponde a un giro completo del globo terrestre in un secondo e mezzo) vuol dire che sono 50 anni dal lancio + 40 anni di viaggio, questa sonda ci manderà le foto di Alpha Centauri tra 90 anni, aggiungiamo altri 4,4 anni che è il tempo che impiega il segnale digitale della sonda a tornare sulla terra, potremo ammirare le foto di quel sistema tra 94 anni.
Non so se i miei figli la vedranno, forse i futuri Nipoti..
Nicodemo Timoteo Taddeo27 Dicembre 2017, 20:47 #4
Originariamente inviato da: Lampetto
questa sonda ci manderà le foto di Alpha Centauri tra 90 anni, aggiungiamo altri 4,4 anni che è il tempo che impiega il segnale digitale della sonda a tornare sulla terra, potremo ammirare le foto di quel sistema tra 94 anni.
Non so se i miei figli la vedranno, forse i futuri Nipoti..


Se l'umanità non si sarà estinta nel frattempo o non sarà tornata all'era dei bastoni e pietre (cit. Einstein) e non saprà ricevere i segnali radio...
Zenida27 Dicembre 2017, 21:36 #5
Originariamente inviato da: Lampetto
Alpha centauri è un sistema di 2 stelle che ruotano intorno a se stesse più una terza stella più piccola, (nana arancione) che ruota attorno alle gemelle.
In un sistema del genere è quasi impossibile che ci siano pianeti simili alla Terra che possano ospitare la vita, presumo che la scelta ricada solo sul fatto che è vicina a noi per pura ricerca scientifica.

4,4 anni luce dalla terra, tra la data prevista del lancio e la durata del viaggio (ammesso che riescano a far volare la sonda al 10% della velocità della luce, ovvero 30.000 Km/s (trentamila chilometri al secondo, che corrisponde a un giro completo del globo terrestre in un secondo e mezzo) vuol dire che sono 50 anni dal lancio + 40 anni di viaggio, questa sonda ci manderà le foto di Alpha Centauri tra 90 anni, aggiungiamo altri 4,4 anni che è il tempo che impiega il segnale digitale della sonda a tornare sulla terra, potremo ammirare le foto di quel sistema tra 94 anni.
Non so se i miei figli la vedranno, forse i futuri Nipoti..


Ti sbagli... all'89esimo anno la quaglia un asteroide


Scherzi a parte è un viaggio allucinante, qualsiasi comando impartito dalla terra ad un certo punto impiegherebbe mesi e poi anni per essere ricevuto e restituire un feedback.
Meglio investire sul teletrasporto
12345678927 Dicembre 2017, 22:18 #6
Originariamente inviato da: Lampetto

4,4 anni luce dalla terra, tra la data prevista del lancio e la durata del viaggio (ammesso che riescano a far volare la sonda al 10% della velocità della luce, ovvero 30.000 Km/s (trentamila chilometri al secondo, che corrisponde a un giro completo del globo terrestre in un secondo e mezzo) vuol dire che sono 50 anni dal lancio + 40 anni di viaggio, questa sonda ci manderà le foto di Alpha Centauri tra 90 anni, aggiungiamo altri 4,4 anni che è il tempo che impiega il segnale digitale della sonda a tornare sulla terra, potremo ammirare le foto di quel sistema tra 94 anni.


La sonda deve accelerare e poi rallentare. Aggiungici qualche decina di anni come minimo
mariacion27 Dicembre 2017, 23:58 #7
Giove per noi è praticamente una stella mancata, da solo ha più del doppio della massa di tutti gli altri pianeti conosciuti del sistema solare messi insieme, eppure esistono pianeti terrestri, tra cui la terra, in orbita vicina al sole e pianeti giganti pi esterni allo stesso Giove. Alfa e Beta Centauri sono vicine ma abbastanza distanti l'un altra da permettere l'esistenza di pianeti terresti nelle proprie orbite interne. Supposizioni, ma la certezza la si può avere soltanto in modo.
mariacion28 Dicembre 2017, 00:01 #8
E poi questa ipotetica sonda anche senza rallentare può comunque mandarci dati preziosissimi da quando sarà a sole 200 UA dal sistema del Centauro in poi, farà un fly by velocissimo ma da 200 UA fino a 0 UA avrà molte cose interessanti da mandarci. Nel frattempo dovremmo mettere fine alle guerre di religione sulla Terra ed all'odio reciproco derivato dall'ignoranza altrimenti.....stiamo sereni
pingalep28 Dicembre 2017, 00:36 #9
io sarò già parecchio decrepito ma se riesco andrò a vedere il cantiere della sonda con gran piacere. baschetto borsello e mani dietro la schiena.
rockroll28 Dicembre 2017, 00:42 #10
Originariamente inviato da: 123456789
La sonda deve accelerare e poi rallentare. Aggiungici qualche decina di anni come minimo


Per mandarci le foto non occorre che rallenti, e comunque non potrebbe farlo essendo un pacco senza motori, a meno che da Alpha Centauri non la frenino con un analogo laser puntato contro (ed in questo caso basterebbero poche settimane, calcolando un'accelerazione ovvero decelerazione dell'ordine del g, 9.8 metri/sec*sec a noi familiare).

Ma nessuno la rallenterà, per cui andrà a sfiorare come una fiondata il sistema A. C., che le imprimerà un andamento parabolico e la farà tornare indietro in direzione quasi opposta, come fanno le comete più veloci (spannometricamente, a minor velocità le competerebbe un'orbita elittica che la porterebbe a ripassare dalle nostre vicinanze nell'arco di un centinaio di anni..., dove la sua percorrenza verrebbe ulteriormente perturbata dal campo G. del nostro sistema solare.).
Che la sonda vada a colpire una stella o altro astro apparternente ad A.C. è assai improbabile, vista la relativa esiguità delle dimensioni di detti astri ed addirittura del sistema A. C. nei confronti dell'immensità dello spazio da percorrere, con possibilità praticamente inesistente di correzione della direzione del moto dopo una frazione minima di allontanamento: non siamo dei cecchini dotati di sufficiente precisione, sarebbe come pretendere di colpire una moneta posta a Venezia sparando ... da Torino..., tale è la dimensione apparente di una stella come il sole, del diametro di pochi secondi luce, diciamo 4.4, a quella distanza, 4.4 anni luce..., rapporto 1:31.5M!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^