La NASA testa la capsula Crew Dragon di SpaceX

La NASA testa la capsula Crew Dragon di SpaceX

La NASA ha avviato i test della capsula per portare in orbita il personale di SpaceX: la Crew Dragon sarà sottoposta a varie prove, tra cui l'esposizione al vuoto e ad alte temperature

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

La NASA ha avviato i test sulla capsula Crew Dragon di SpaceX, versione per equipaggio umano della capsula finora utilizzata per mandare rifornimenti sulla ISS. L'Ente spaziale sta valutando la capsula per una prima missione senza equipaggio nel corso dell'estate.

Come riporta l'agenzia, i test vengono effettuati alla In-Space Propulsion Facility, una struttura che permette di porre missili e capsule nelle stesse condizioni che vengono poi riscontrate nello spazio. I test prevedono infatti che la capsula sia esposta al vuoto spaziale all'interno di un'apposita camera, dove viene anche verificata la resistenza alle alte temperature.

Test sulla SpaceX Crew Dragon

La Crew Dragon potrebbe diventare la capsula di riferimento per il trasporto di personale verso la ISS e, in generale, verso l'orbita terrestre: l'obiettivo è di restituire agli Stati Uniti la capacità di svolgere queste operazioni senza doversi appoggiare a entità straniere, così da mantenere uno stretto controllo sull'intero processo di lancio - dalla produzione dei veicoli sino alla messa in orbita.

Lo sviluppo della Crew Dragon ha incontrato un momento particolarmente favorevole per questo settore, in cui c'è rinnovato interesse da parte del pubblico e una maggiore attenzione da parte della NASA - con conseguente erogazione di fondi, per quanto comunque limitati.

Purtroppo non sembra essere all'orizzonte lo sviluppo di un simile progetto in chiave europea, con il Vecchio Continente che rimane diviso e non sviluppa attivamente la propria tecnologia in questo ambito, pur di fondamentale importanza e con ricadute importanti sull'economia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
+Benito+29 Giugno 2018, 10:53 #1
Con Boeing, Nasa, SpaceX, Roscosmos e Blue Origin che sono attive o in fase di sviluppo avanzato di veicoli human rated che senso ha per Esa sviluppare una soluzione proprietaria? nessuno.
le_mie_parole29 Giugno 2018, 10:59 #2
- il vecchio continente è talmente vecchio e incrostato da equilibri e poteri interni da non riuscire a guardare oltre il proprio naso, ha perso sotto tutti i punti di vista, in attesa che la Cina e l'India (ma cmq tutte le economie ad esse legate) ci facciano diventare il terzo mondo ^_^ -


- SpaceX con i suoi Falcon ha dimostrato la fattibilità dei viaggi orbitali per il pubblico, gli manca appunto solo di dimostrare che le capsule che contengono gli eventuali turisti sono sicure ed è a posto.


- Ma di sa nulla del lavoro che sta svolgendo Jim Keller in Tesla? che cmq sarà qualcosa di legato anche alle altre società del gruppo, presumo non siano per niente a compartimenti stagno, visto che poi sono tutte potenzialmente sinergiche tra loro. Da lui mi aspetterei molto, solo che l'unica cosa a cui penso è un CHIP neuronale per la l'IA ^_^ ma forse è troppo
calabar29 Giugno 2018, 11:04 #3
@le_mie_parole
Mi sa che ti sei perso l'annuncio di Aprile: Jim Keller non lavora più per Tesla ma è passato ad Intel.
AceGranger29 Giugno 2018, 11:48 #4
Originariamente inviato da: +Benito+
Con Boeing, Nasa, SpaceX, Roscosmos e Blue Origin che sono attive o in fase di sviluppo avanzato di veicoli human rated che senso ha per Esa sviluppare una soluzione proprietaria? nessuno.


lo stesso motivo degli USA, evitare di appoggiarsi ai Russi o a qualcun'altro ed essere indipendenti almeno a livello Europeo.... senza contare che mantieni ingegneri e now-how sul territorio.
Bellaz8929 Giugno 2018, 11:51 #5
Originariamente inviato da: +Benito+
Con Boeing, Nasa, SpaceX, Roscosmos e Blue Origin che sono attive o in fase di sviluppo avanzato di veicoli human rated che senso ha per Esa sviluppare una soluzione proprietaria? nessuno.


E' anche una questione di non rimanere indietro in quanto a sviluppo tecnologico. Il settore aerospaziale e' molto importante per l'Europa, sarebbe un peccato se venisse buttato tutto via solo perche', in questi anni, altri hanno guadagnato terreno.

Sicuramente all'ESA devono trovare qualcosa di innovativo per differenziarsi dalle nuove compagnie private nel settore aerospazio per non venir tagliata fuori. Ma se c'e' da rincorrere, rincorsa sia.
Bellaz8929 Giugno 2018, 12:33 #6
Originariamente inviato da: le_mie_parole
- il vecchio continente è talmente vecchio e incrostato da equilibri e poteri interni da non riuscire a guardare oltre il proprio naso, ha perso sotto tutti i punti di vista, in attesa che la Cina e l'India (ma cmq tutte le economie ad esse legate) ci facciano diventare il terzo mondo ^_^ -


Si, pero' non esageriamo. L'ESA non e' perfetta, ma la ricerca spaziale non sono solo razzi e human spaceflight (in cui comunque riveste un ruolo importante).
ESA e' ancora la punta di diamante quando si parla di tutto il resto (ricerca scientifica, satelliti, comunicazioni, sensori...), solo che queste cose producono meno titoloni sui giornali, benche' siano rami parimenti importanti e necessari.

Inoltre, almeno in Italia, secondo me c'e' una polarizzazione dell'informazione troppo marcata verso la NASA, anche quando ESA ottiene buoni successi, che spesso hanno una grande partecipazione italiana. Quando c'e' da parlare di spazio viene sempre chiesta l'opinione al esperto della NASA, anche quando un esperto dell'ESA potrebbe fare lo stesso.
andbad29 Giugno 2018, 12:51 #7
Riguardo ESA: sviluppare in proprio un vettore ed una capsula ha senso ma non tanto per il risparmio (che IMHO non ci sarebbe mai).
Gli USA (e tutti gli altri, a parte la Cina) sono legati mani e piedi alla Russia, se domani Putin si incazza, sulla ISS non ci va più nessuno.

By(t)e
paolozamparutti29 Giugno 2018, 13:10 #8
il problema di esa e ariane (in parte anche Ula ed altre) è che sono estremamente burocratizzate, e devono suddividere il lavoro fra i vari paesi partecipanti in relazione alle loro quote.
questo rende lo sviluppo di qualsiasi progetto altamente problematico, lento e costoso.
per capirci, ci sono molti piu' burocrati e amministrativi che ingegneri in esa arianne (ed anche ula)
La spacex è una azienda privata stile silicon valley, pertanto incredibilmente snella, dominata da ingegneri e con comunicazioni interne dirette ed istantanee
se c'è un problema alla spacex, due tizi ne parlano e lo risolvono in un ora.
se c'è un problema in aziende molto burocratizzate, fissi per il mese successivo l'incontro dove verrà stabilito il giorno del successivo incontro preliminare per capire di che problema si tratti
RaZoR9329 Giugno 2018, 14:12 #9
Originariamente inviato da: +Benito+
Con Boeing, Nasa, SpaceX, Roscosmos e Blue Origin che sono attive o in fase di sviluppo avanzato di veicoli human rated che senso ha per Esa sviluppare una soluzione proprietaria? nessuno.
l’ESA non ha progetti Human rated in sviluppo.
ZannaMax01 Luglio 2018, 12:12 #10
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
[...]restituire agli Stati Uniti la capacità di svolgere queste operazioni senza doversi appoggiare a entità straniere[...]


Dire che si è sempre appoggiata ai razzi russi no è? Fa schifo?

Originariamente inviato da: AceGranger
lo stesso motivo degli USA, evitare di appoggiarsi ai Russi o a qualcun'altro ed essere indipendenti almeno a livello Europeo.... senza contare che mantieni ingegneri e now-how sul territorio.


Ma chi era pro-globalizzazione? La cina? Ah no scusa...era l'america...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^