Marte, nel cratere Korolev un'enorme ghiacciaio: ecco le foto della sonda Mars Express

Marte, nel cratere Korolev un'enorme ghiacciaio: ecco le foto della sonda Mars Express

Immortalato, un ghiacciaio dalle dimensioni di 82 km di diametro per circa 2 km di profondità: le immagini in questione sono state diffuse dall'Agenzia spaziale europea, frutto di un'elaborazione di un totale di cinque scatti catturati dalla fotocamera ad alta risoluzione, presente a bordo del Mars Express

di pubblicata il , alle 10:31 nel canale Scienza e tecnologia
 

Direttamente dal Pianeta Rosso, o meglio dalla sonda Mars Express che ormai da 15 anni gli orbita attorno, arrivano delle interessanti foto che ritraggono la presenza di una vasta distesa di ghiaccio all'interno di uno dei crateri presenti nell'area settentrionale di Marte.

Precisamente parliamo del cratere Korolev, il quale appare, nelle foto qui riportate, quasi totalmente occupato da un ghiacciaio dalle dimensioni di 82 km di diametro per circa 2 km di profondità: le immagini in questione sono state diffuse dall'Agenzia spaziale europea (ESA), frutto di un'elaborazione di un totale di cinque scatti, catturati dalla fotocamera ad alta risoluzione presente a bordo del Mars Express, ottenute da differenti prospettive nel corso dei suoi 15 anni di attività.

Il cratere Korolev, intitolato al pioniere della tecnologia spaziale Sergei Korolev, è in grado di mantenere invariato il proprio gelido contenuto grazie al fenomeno conosciuto come "cold trap", ovvero trappola fredda, in pratica le basse temperature del ghiaccio accumulato, raffreddano lo strato gassoso appena sopra di esso, andando a costituire una specie di barriera protettiva contro le più alte temperature presenti anche solo appena al di fuori della circonferenza del cratere, fenomeno ben evidenziato nell'immagine termica qui sopra riportata.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexbilly27 Dicembre 2018, 11:03 #1
Ottimo, ci manca solo Schwarzenegger che attiva il dispositivo alieno e siamo a cavallo.
aqua8427 Dicembre 2018, 11:09 #2
indubbiamente sono immagini affascinanti, e lo Spazio è sempre pieno di misteri ancora da scoprire.

vi faccio alcune domande da ignorante ma, appunto, affascinato dall'argomento.

queste missioni verso Marte a parte una mera questione economica e/o scientifica, hanno veramente il presupposto di portare in un futuro lontano la nostra vita sul suolo Marziano?

voglio dire, ok, stiamo cercando pianeti in cui ci sia ACQUA, ma a parte quello?

cioè, qui sulla Terra, oltre all'acqua, innumerevoli tipi di piante, fiori, animali, nascono e si riproducono spontaneamente;
in un pianeta dove si ok c'è l'acqua ma niente altro, a parte terra o sabbia, evidentemente se in tutto questo tempo non è nato nulla, ci sarà pure un motivo?
o vogliamo impiantare alberi su Marte?
zappy27 Dicembre 2018, 11:47 #3
Originariamente inviato da: aqua84
...voglio dire, ok, stiamo cercando pianeti in cui ci sia ACQUA, ma a parte quello?

cioè, qui sulla Terra, oltre all'acqua, innumerevoli tipi di piante, fiori, animali, nascono e si riproducono spontaneamente;
in un pianeta dove si ok c'è l'acqua ma niente altro, a parte terra o sabbia, evidentemente se in tutto questo tempo non è nato nulla, ci sarà pure un motivo?
o vogliamo impiantare alberi su Marte?

considera che se "c'è altro", probabilmente sarebbe pericolosissimo per noi. pensa solo alla strage di nativi americani che le malattie portate dagli europei hanno fatto: qua si parlerebbe di forme di vita totalmente ignote e potenzialmente incontrollabili.
non credo ci siano già effettive idee su cosa fare: è una cosa talmente enorme e talmente futuribile che niente di concreto (a parte fantasie varie) è concepibile.
Di certo l'idea di "ricostruire" un ecosistema totalmente artificiale è un po' un delirio di onnipotenza dell'uomo, che manco si rende conto e capisce la complessità della Terra (e se la capisce se ne frega, vedi riscaldamento globale e mutamenti climatici)... Teniamocela stretta e vivibile, che altrimenti 'so cazzi amari....
TigerTank27 Dicembre 2018, 12:00 #4
Se le cose continueranno come vanno ora sulla Terra, tra qualche secolo Marte lo vedo in primis come sfruttamento selvaggio delle risorse(e relativi contrasti tra le potenze), colonialismo(e relativi contrasti tra le potenze), test armamenti tra i peggiori concepibili, nuova discarica di rifiuti di ogni tipo.
O in estremo, l'unica valvola di sfogo/ancora di salvezza obbligatoria se il pianeta andrà in malora tra cambiamenti climatici e sovraffollamento.
D'altronde quando si leggono cose tipo Trump che se ne frega del clima o il Giappone che vuole riprendere la caccia alle balene, come si fa a prospettare un futuro prospero per l'umanità altrove, quando non sa manco vivere e rispettare il proprio pianeta?
supertigrotto27 Dicembre 2018, 13:04 #5

Per chi fosse interessato

Per ora si presuppone di scavare delle gallerie e vivere sotto terra come dei vermoni, stanno sperimentando da anni le culture idroponiche che consentirebbero lo sviluppo del cibo e la trasformazione dell'anidride carbonica in ossigeno su Marte, inoltre la gravità é minore,trattenere una atmosfera é più difficile di quel che si pensi,difatti la vecchia atmosfera di Marte si é volatilizzata in parte nello spazio,prosciugando la buona quantità di acqua che c'era sul pianeta qualche annetto fa. Come eventuale colonia,sarebbe una impresa abbastanza ardua ma non impossibile,calcolando anche che ci sarebbero pure le radiazioni da contrastare,cosa difficile visto che non c'è un'atmosfera terrestre.
Cappej27 Dicembre 2018, 13:47 #6
NO velocità-di-curvatura ? NO party! ...
teox8527 Dicembre 2018, 15:34 #7
Originariamente inviato da: supertigrotto
Per ora si presuppone di scavare delle gallerie e vivere sotto terra come dei vermoni, stanno sperimentando da anni le culture idroponiche che consentirebbero lo sviluppo del cibo e la trasformazione dell'anidride carbonica in ossigeno su Marte, inoltre la gravità é minore,trattenere una atmosfera é più difficile di quel che si pensi,difatti la vecchia atmosfera di Marte si é volatilizzata in parte nello spazio,prosciugando la buona quantità di acqua che c'era sul pianeta qualche annetto fa. Come eventuale colonia,sarebbe una impresa abbastanza ardua ma non impossibile,calcolando anche che ci sarebbero pure le radiazioni da contrastare,cosa difficile visto che non c'è un'atmosfera terrestre.


Sostanzialmente tutto questo è causato dell'assenza di un campo magnetico su Marte, probabilmente dovuto alla solidificazione del nucleo, senza campo magnetico non c'è verso di rendere un pianeta abitabile, soprattutto a quella distanza dal sole, il vento solare spazza via tutto senza fare complimenti.
Per abitabile intendo come la terra, vivere sotto terra o in un ambiente totalmente artificiale potrebbe anche essere possibile (soprassedendo al dispendio di risorse e alle conseguenze psicologiche di ciò sulla psiche umana xD), ma il pianeta rimarrà per sempre un enorme deserto...è un pianeta morto...oltre a studiarlo per puri scopi scientifici, non ci vedo molto altro io...
Cunctator8629 Dicembre 2018, 14:07 #8
Originariamente inviato da: alexbilly
Ottimo, ci manca solo Schwarzenegger che attiva il dispositivo alieno e siamo a cavallo.

Ti stimo
vaax31 Dicembre 2018, 22:31 #9
Originariamente inviato da: Cappej
NO velocità-di-curvatura ? NO party! ...


vabbuo per mandare qualche drone cargo marte-terra i 9mesi attuali non sembrano poi cosi male . una occasione ogni anno marziano ovvero quasi 2 terrestri mi pare . ma cm fattibile . secondo me ce qualcosa sui raggi solari che spaventa molto chi sa . .. marte credo sara un ottimo ripiego ...
Dumah Brazorf31 Dicembre 2018, 22:49 #10
Terraforming! Terraforming!
Come ci mettiamo piede quel ghiacciaio di 82km sparisce nel giro di una decade.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^