Miniere sugli asteroidi? È l'obiettivo di Planetary Resources, finanziata da Larry Page

Miniere sugli asteroidi? È l'obiettivo di Planetary Resources, finanziata da Larry Page

Con un annuncio che sembra uscito più da un libro di fantascienza che da una notizia dei giorni nostri, un'azienda finanziata da Larry Page ha lanciato in orbita un satellite per la ricerca dell'acqua... per l'estrazione mineraria dagli asteroidi

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Scienza e tecnologia
 

Sfruttamento minerario di asteroidi? È proprio quello di cui si occupa Planetary Resources, azienda finanziata - tra gli altri - da Larry Page. La società non è ancora arrivata al punto di estrarre effettivamente risorse dagli asteroidi, ma ha lanciato in orbita il nuovo satellite Arkyd-301 che permette di individuare la presenza di acqua sui corpi celesti.

Questo include anche la Terra, che sarà effettivamente il soggetto principale studiato dal nuovo satellite. La ragione è semplice: l'azienda non ha ancora l'infrastruttura, la tecnologia o il ritorno economico per spingersi fino alla fascia degli asteroidi per estrarre minerali e, dunque, ripiega utilizzando la tecnologia che ha sviluppato per rilevazioni sulla Terra. Tali rilevazioni vengono poi vendute ad aziende e governi.

Il nuovo satellite è totalmente autonomo ed è utilizzato come banco di prova di tecnologie per generare energia, determinare la propria altitudine, operare gli strumenti di bordo e comunicare con il suolo.

Se l'idea di utilizzare gli asteroidi come risorsa vi ricorda giochi, libri o materiale cinematografico (e la mente corre a The Expanse per queste ultime due categorie), è perché la materia si presta certamente più alla fantascienza che alla nostra realtà quotidiana. In un futuro non troppo lontano, però, l'uomo potrebbe avere la necessità di espandersi oltre la Terra e le tecnologie qui testate saranno indubbiamente utili a questo scopo - oltre a essere utili già ora.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lampetto16 Gennaio 2018, 11:54 #1
La società non è ancora arrivata al punto di estrarre effettivamente risorse dagli asteroidi, ma ha lanciato in orbita il nuovo satellite Arkyd-301 che permette di individuare la presenza di acqua sui corpi celesti.

Quindi di acqua sotti i ponti ne deve scorrere ancora tanta...
danieleg.dg16 Gennaio 2018, 13:07 #2
Per ora c'è la missione OSIRIS-REx che è in viaggio per raccogliere (almeno) 60 grammi da un'asteroide e riportarli sulla Terra per il 2023. Costo: circa 1 miliardo di dollari.
EdElric16 Gennaio 2018, 13:35 #3
Per costare 16.666.666,66 dollari al grammo..deve essere proprio roba potente!!!
Notturnia16 Gennaio 2018, 15:01 #4
ora che faremo stazioni minerarie su un asteroide noi saremo morti tutti...
zoomx16 Gennaio 2018, 15:03 #5
Sulla Terra i minerali sono in genere ben sparsi nella crosta in piccole concentrazioni non sfruttabili. Le miniere si trovano in luoghi dove alcuni processi geologici ne hanno permesso la concentrazione.
Non è affatto detto che sulla Luna, Marte e sugli asteroidi siano avvenuti processi del genere.
Sulla Terra alcune delle meteoriti cadute (ma la maggior parte di quelle trovate intere) sono metalliche ma principalmente si tratta di Ferro e Nickel, il resto è in tracce cioè in parti per milione.

Perciò prima di parlare di miniere si dovrebbe aspettare almeno i risultati delle missioni che hanno per obiettivo l'analisi degli asteroidi e poi valutarne la convenienza che secondo me è attualmente molto dubbia.
Bellaz8916 Gennaio 2018, 15:49 #6
Originariamente inviato da: danieleg.dg
Per ora c'è la missione OSIRIS-REx che è in viaggio per raccogliere (almeno) 60 grammi da un'asteroide e riportarli sulla Terra per il 2023. Costo: circa 1 miliardo di dollari.


Originariamente inviato da: EdElric
Per costare 16.666.666,66 dollari al grammo..deve essere proprio roba potente!!!


Dovete anche considerare che le missioni esplorative sono ben diverse dai processi di sfruttamento industriale. E non e' improbabile che 'industrializzare' un processo possa portare a una diminuzione del costo dello stesso di svariati ordini di grandezza: Ad esempio si guardi il costo dell'acciaio pre e post rivoluzioni industriali.

Originariamente inviato da: zoomx
Sulla Terra i minerali sono in genere ben sparsi nella crosta in piccole concentrazioni non sfruttabili. Le miniere si trovano in luoghi dove alcuni processi geologici ne hanno permesso la concentrazione.
Non è affatto detto che sulla Luna, Marte e sugli asteroidi siano avvenuti processi del genere.
Sulla Terra alcune delle meteoriti cadute (ma la maggior parte di quelle trovate intere) sono metalliche ma principalmente si tratta di Ferro e Nickel, il resto è in tracce cioè in parti per milione.

Perciò prima di parlare di miniere si dovrebbe aspettare almeno i risultati delle missioni che hanno per obiettivo l'analisi degli asteroidi e poi valutarne la convenienza che secondo me è attualmente molto dubbia.


Io ricordo che prospettive di asteroidi con alte concentrazioni di metalli preziosi ci sono.. Poi e' anche vero che nel caso di un nuovo rinascimento spaziale sara' necessario l'astromining.
Per cosa potrebbe essere utile alla terra? Ad esempio per spostare lavorazioni pericolose o dannose all'ambiente nello spazio oppure produrre energia: https://en.wikipedia.org/wiki/Space-based_solar_power
Piedone111316 Gennaio 2018, 16:40 #7
Originariamente inviato da: Bellaz89
Dovete anche considerare che le missioni esplorative sono ben diverse dai processi di sfruttamento industriale. E non e' improbabile che 'industrializzare' un processo possa portare a una diminuzione del costo dello stesso di svariati ordini di grandezza: Ad esempio si guardi il costo dell'acciaio pre e post rivoluzioni industriali.



Io ricordo che prospettive di asteroidi con alte concentrazioni di metalli preziosi ci sono.. Poi e' anche vero che nel caso di un nuovo rinascimento spaziale sara' necessario l'astromining.
Per cosa potrebbe essere utile alla terra? Ad esempio per spostare lavorazioni pericolose o dannose all'ambiente nello spazio oppure produrre energia: https://en.wikipedia.org/wiki/Space-based_solar_power


Credo che lo sfruttamento minerario spaziale possa servire a colonizzare lo spazio ( la luna in primis ).
Mandare merce ( o materiali metallici processati) dall'orbita sulla terra avrebbe un costo basso solo se il contenitore ( lanciato in caduta libera dall'orbita) venga prodotto sulla luna ed assemblato in una stazione spaziale in orbita. ma poi bisognerebbe trovare il modo di utilizzare il contenitore sulla terra o rimandarlo in orbita ( preferirei dei contenitori componibili da assemblare per farci abitazioni).
zoomx16 Gennaio 2018, 17:28 #8
Originariamente inviato da: Bellaz89
Io ricordo che prospettive di asteroidi con alte concentrazioni di metalli preziosi ci sono..


Lo spero ma attualmente la composizione chimica degli altri corpi del sistema solare è basata sulla spettroscopia che però non ti dice nulla se l'elemento è concentrato in un punto oppure sparso nella roccia.

Sulla Luna i campioni raccolti sono tutti di lave dove gli elementi sono ben amalgamati con il resto.

Una speranza potrebbe essere la scoperta di un processo abbastanza economico che permetta l'estrazione di elementi utili da grandi quantità di roccia. Sulla Terra lo si fa solamente per l'oro, ad esempio lo si è fatto in Sardegna per alcuni anni.
Bellaz8916 Gennaio 2018, 18:19 #9
Originariamente inviato da: zoomx
Lo spero ma attualmente la composizione chimica degli altri corpi del sistema solare è basata sulla spettroscopia che però non ti dice nulla se l'elemento è concentrato in un punto oppure sparso nella roccia.

Sulla Luna i campioni raccolti sono tutti di lave dove gli elementi sono ben amalgamati con il resto.

Una speranza potrebbe essere la scoperta di un processo abbastanza economico che permetta l'estrazione di elementi utili da grandi quantità di roccia. Sulla Terra lo si fa solamente per l'oro, ad esempio lo si è fatto in Sardegna per alcuni anni.


Beh, ma su un asteroide la concentrazione dovrebbe essere +/- costante. Alla fine molti elementi pesanti che scarseggiano sulla terra lo sono in virtu' dei processi di trasporto (in primis quelli che derivano dalla gravita' terrestre) che sono invece assenti negli asteroidi.

EDIT: inoltre se (e ne sono certo), le misure delle concentrazioni sono state fatte statisticamente tra molti asteroidi, difficilmente si e' nella situazione di asteroidi preziosi solo 'superficialmente'

EDIT2: https://youtu.be/HURjS_wM-QA
Lampetto16 Gennaio 2018, 19:00 #10
Ci sarebbe da chiedersi come verrà gestito il diritto di estrazione mineraria su un asteroide.
Credo ci sia una legge federale che vieta il diritto di proprietà di un Asteroide, ma solo lo sfruttamento.
Presumo che, come i vecchi cercatori d'oro, chi primo arriva può rivendicare il diritto di estrazione, ma non la proprietà.
Ma i cercatori d'oro estraevano in un territorio di una nazione, quindi erano vincolati alle leggi e regolamenti della stessa, a che nazione appartiene un asteroide se non ne puoi rivendicare la proprietà o se la missione è internazionale?

Domanda che sembra scontata ma non lo è affatto...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^