NASA InSight: alle 20:00 la diretta per l'atterraggio su Marte

NASA InSight: alle 20:00 la diretta per l'atterraggio su Marte

NASA InSight dopo 6 mesi di viaggio atterrerà questa sera (ora italiana) sulla superficie marziana. L'ente statunitense è pronto con una diretta video che partirà dalle ore 20:00 mentre l'atterraggio sarà alle 20:53.

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Ci siamo quasi! Dopo 6 mesi di viaggio e preparativi ancora più lunghi alle ore 20:00 (italiane) la NASA inizierà la DIRETTA per l'atterraggio della sonda NASA InSight su Marte! Si tratta ancora una volta di un capitolo storico nell'esplorazione dell'Universo, del Sistema Solare e di altri pianeti! Ecco cosa c'è da sapere.

NASA InSight landing

L'atterraggio (ammartaggio) sul suolo marziano di NASA InSight avverrà alle 20:53 (circa) quando le operazioni automatizzate avranno avuto successo. Per via della distanza che ci separa da Marte (10 minuti/luce), sarà necessario operare in autonomia atterrando vicino al luogo prescelto dai ricercatori.  

Le operazioni di atterraggio prevedono prima di tutto l'ingresso nella flebile atmosfera del pianeta che faranno scaldare lo scudo termico di diverse centinaia di gradi (si parla di 19800 Km/h). A quel punto si potrà aprire il paracadute e ci sarà il rilascio dello scudo termico e la successiva apertura delle gambe d'appoggio di NASA InSight con una velocità di circa 8 Km/h. Durante l'atterraggio, attraverso un radar, sarà possibile per il lander "capire" dove si trova e quindi adattare i 12 motori per la discesa. La discesa a velocità costante porterà la sonda fino al suolo potendo poi orientare gli strumenti e i pannelli solari che la alimentano ed entrare in contatto con i satelliti in orbita intorno a Marte.

NASA InSight landind scheme

Come scritto sopra, a tenere compagnia a NASA InSight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport) ci saranno due CubeSat. Si tratta di satelliti relativamente piccoli che capteranno i segnali della sonda e li rimanderanno a Terra dopo una decina di minuti. Nel caso i due MarCO fallissero ci saranno comunque MRO e Mars Odissey che potranno fare da "ponte radio".

Perché mandare un lander (che non si muoverà sul suolo di Marte)? Perché InSight è dotato di una trivella lunga fino a 5 metri che permetterà di scoprire i segreti sotto la superficie del pianeta. Attualmente infatti abbiamo scavato solamente per un paio di centimetri grazie alle altre missioni. La regione scelta è quella chiamata Elysium Planitia (a circa 600 km da dove si trova Curiosity) che potrebbe aprire nuovi scenari sullo stato passato e presente del pianeta.

NASA InSight sonda atterraggio prove

La zona è stata scelta per diversi motivi: è vicina all'equatore e quindi potrà ricevere abbastanza luce da ricaricare le batterie, non è in quota in quanto dovrà esserci abbastanza atmosfera per frenare la discesa e non dovranno esserci rocce perché la trivella non è adatta a materiali molto duri.

Su NASA InSight troviamo anche un po' di Italia: si tratta dei retro reflettori laser chiamati LaRRI. A cosa servono? Inviando un raggio laser da un satellite in orbita al lander sarà possibile fare misurazioni di precisione in maniera similare a quanto accade ora con gli specchi che gli astronauti hanno posizionato sulla Luna. Siete pronti per una nuova avventura?

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lammoth26 Novembre 2018, 10:47 #1
Auguro ad InSight un atterraggio più morbido di quello di Schiaparelli...
300026 Novembre 2018, 10:56 #2
Seguiremo la diretta \m/
glavelli26 Novembre 2018, 11:18 #3
La parte più interessante della missione, è la trivella e il sismografo che la sonda piazzerà sul terreno.
Chissà che tipo di sismometro avranno scelto. Se uno a banda larga o meno.
In ogni caso, è uno strumento composto da una massa inerziale. Quindi sarebbe interessante capire come lo hanno progettato, e i relativi problemi tecnici che hanno dovuto superare rispetto ad un comune sismometro che usiamo sulla terra.
Sicuramente, lo avranno progettato in modo tale da tenere conto della gravità che è circa 1/3 di quella terrestre (un individuo che pesa 73kg, su Marte ne pesa circa 26).
Altra cosa interessante che si porta dietro la sonda, sono gli specchi per le misurazioni interamente progettati in Italia.
Evento da seguire con molto interesse. Speriamo che la trivella funzioni e non incontri roccia troppo dura da impedirne la perforazione.
A differenza delle altre sonde, questa non è stata progettata per spostarsi. Quindi se il punto di atterraggio non sarà favorevole ad una perforazione, non potrà spostarsi per scegliere un terreno più consono allo scopo.
inited26 Novembre 2018, 11:24 #4
Grazie per il link.
D4N!3L326 Novembre 2018, 12:30 #5
Come fanno con le supertempeste che sferzano la superficie? Con quei pannelli a fare da vela è l'ideale per volar via. Probabilmente atterrerà in una zona riparata.
glavelli26 Novembre 2018, 12:37 #6
Originariamente inviato da: D4N!3L3
Come fanno con le supertempeste che sferzano la superficie? Con quei pannelli a fare da vela è l'ideale per volar via. Probabilmente atterrerà in una zona riparata.


La sonda atterrerà nei pressi dell'Equatore.
Probabilmente in quella zona, e in questo periodo, non ci sono venti e c'è sicuramente luce a sufficienza per fornire tutta la potenza necessaria per le operazioni.
Opportunity, che si trova da tutt'altra parte del pianeta, in questo momento è in safe mode proprio per i motivi da te citati.
Opteranium26 Novembre 2018, 13:15 #7
Redazione, togliete la barra da "minuti/luce", che sembra significare una frazione, quando in realtà è un prodotto
Rubberick26 Novembre 2018, 13:51 #8
Mi domando non era comunque intelligente piazzare delle ruote e un minimo di motore ?

Se la zona non è l'ideale per perforare che fai butti tutta la missione ?

Non ha senso!
angie26 Novembre 2018, 13:54 #9
Originariamente inviato da: Opteranium
Redazione, togliete la barra da "minuti/luce", che sembra significare una frazione, quando in realtà è un prodotto


occorre anche dire, per essere precisi, che i minuti non sono 10 ma circa 3 e mezzo (sono circa 58M km)
Grazie
rockroll26 Novembre 2018, 14:17 #10
Originariamente inviato da: angie
occorre anche dire, per essere precisi, che i minuti non sono 10 ma circa 3 e mezzo (sono circa 58M km)
Grazie


Che diventano circa sette tra andata e ritorno: a questo aggiungasi il tempo di elaborazione sulla terra; per cui il controllo dell'ammartaggio avverrebbe con tempi di reazione oltre i 7 minuti, magari una decina come dice l'articolo se gli operatori terrestri non sono veloci a rispondere.
E va già bene che Marte si trova al momento ad una distanza pressochè minima dalla terra, se fosse vicino alla massima di km ce ne sarebbero almeno 350M (oltre una ventina di minuti luce, che porterebbero a circa 3/4 d'ora il tempo di reazione per manovre controllate da terra).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^