NASA: InSight ha registrato il vento marziano!

NASA: InSight ha registrato il vento marziano!

NASA InSight ha "registrato" il vento su Marte. In realtà non essendo dotata di microfoni la misurazione è avvenuta indirettamente ma rappresenta qualcosa di straordinario considerando che non era previsto nel piano missione.

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Abbiamo scritto qualche giorno fa dell'atterraggio del lander NASA InSight sul suolo marziano aprendo così una nuova campagna di esplorazione. Ma prima di entrare nel "vivo" della missione, la sonda sta cercando il miglior luogo attorno al sito dell'atterraggio per sistemare la strumentazione grazie al braccio robotico. Ed è proprio qui che NASA InSight ha registrato il vento marziano.

NASA InSight Sound Wind

La sonda è dotata quindi di un microfono? No. La registrazione è avvenuta per vie indirette ma è comunque una buona approssimazione di ciò che è il vento su Marte. Quelle che sono state catturate da NASA InSight sono le vibrazioni del vento che aveva una velocità compresa tra i 5 m/s e i 7 m/s nella giornata dell'1 Dicembre (con una direzione che andava da nord-ovest a sud-est).

Bruce Banerdt (dirigente che segue le operazioni di InSight al JPL della NASA) ha dichiarato che catturare questo "audio" non era in realtà stato pianificato ma essendo la missione un modo per fare misurazioni su Marte, questo ha compreso anche registrare onde sonore.

Il sensore di pressione dell'aria all'interno del lander e un sismometro che si trova attualmente sulla zona superiore di InSight hanno collaborato alla registrazione delle vibrazioni. Il primo fa parte del sottosistema del sensore di carico utile ausiliario (APSS) che è pensato per raccogliere dati meteorologici e ha registrato le vibrazioni aeree.

Il secondo invece ha registrato le vibrazioni causate dal vento sui pannelli solari della sonda. Come ricorda la NASA, in questa parte della missione il sismografo può ancora registrare le vibrazioni della sonda mentre successivamente, quando sarà sul suolo di Marte, non potrà più farlo. Questo succederà tra qualche settimana quando il braccio robotico lo posizionerà a terra e lo coprirà con una cupola per proteggerlo dal vento e dagli sbalzi di temperatura.

L'audio grezzo registrato da APSS è di circa 10 Hertz e non è quindi udibile direttamente dall'orecchio umano. I tecnici della NASA hanno quindi previsto un video più alto di due ottave in grado di essere ascoltato. Per avere dei microfoni veri e propri su Marte bisognerà aspettare la missione NASA Mars 2020 che ne avrà due all'interno della sua dotazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mparlav10 Dicembre 2018, 12:12 #1
Mi auguro che non debbano sperimentare con venti di 20-30 m/s, con quelli si che i pannelli verrebbero messi a dura prova.
zyrquel10 Dicembre 2018, 13:06 #2
solo se c'è matt damon nei paraggi l'aria marziana è in realtà così rarefatta che venti così veloci sono meno potenti di quanto sembri
JoJo10 Dicembre 2018, 13:12 #3
I segnali arrivano da Marte alle terra in "ben" 8 minuti mentre Hardware Upgrade ci mette "solo" 3 giorni a dare una notizia. Ormai abbiamo sentito anche i gabbiani oltre al vento.
keroro.9010 Dicembre 2018, 14:58 #4
Originariamente inviato da: Mparlav
Mi auguro che non debbano sperimentare con venti di 20-30 m/s, con quelli si che i pannelli verrebbero messi a dura prova.


Il problema più grande sono i detriti, ma sono comunque dififcili da sollevare considerando che la densità dell'aria su Marte è bassissima....
Juanito.8210 Dicembre 2018, 20:36 #5
Originariamente inviato da: Mparlav
Mi auguro che non debbano sperimentare con venti di 20-30 m/s, con quelli si che i pannelli verrebbero messi a dura prova.


durante le tempeste supera abbondantemente i 100m/s, ma senza pressione atmosferica (1% scarso di quella terrestre) è una leggera brezza, il problema è la sabbia
Mparlav11 Dicembre 2018, 09:33 #6
Originariamente inviato da: zyrquel
solo se c'è matt damon nei paraggi l'aria marziana è in realtà così rarefatta che venti così veloci sono meno potenti di quanto sembri


Originariamente inviato da: keroro.90
Il problema più grande sono i detriti, ma sono comunque dififcili da sollevare considerando che la densità dell'aria su Marte è bassissima....


Originariamente inviato da: Juanito.82
durante le tempeste supera abbondantemente i 100m/s, ma senza pressione atmosferica (1% scarso di quella terrestre) è una leggera brezza, il problema è la sabbia


Sono stato poco chiaro nel mio commento.

E' vero che la pressione dell'aria è 1/100 di quella terrestre, ma la gravità è anche 1/3, quindi i granelli di sabbia si sollevano più facilmente a parità di velocità del vento e restano in aria più a lungo "infilandosi" praticamente ovunque.
Ad "occhio", i pannelli solari dovrebbero essere una delle componenti più fragili (al di là della scarsa produzione elettrica quando sono "oscurati" dalla sabbia sollevata).

C'è l'esperienza con Opportunity in mezzo alla tempesta di sabbia, giusto pochi mesi fa'.
emiliano8417 Dicembre 2018, 16:47 #7
Originariamente inviato da: JoJo
I segnali arrivano da Marte alle terra in "ben" 8 minuti mentre Hardware Upgrade ci mette "solo" 3 giorni a dare una notizia. Ormai abbiamo sentito anche i gabbiani oltre al vento.




ormai conservo HWU solo per i commenti, le news le leggo da altre fonti

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^