NASA, ufficiale: ecco i nomi delle compagnie che competeranno per andare sulla Luna

NASA, ufficiale: ecco i nomi delle compagnie che competeranno per andare sulla Luna

Le nove compagnie segnalate dalla NASA lo scorso giovedì competono adesso per partecipare alle missioni di invio di piccoli lander sulla superficie lunare

di pubblicata il , alle 18:21 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Giovedì la NASA ha annunciato che collaborerà con nove realtà aerospaziali americane per inviare piccoli lander robotici sulla Luna, iniziando la prima fase di un lungo piano pluriennale che ha il fine ultimo di mandare ancora una volta l'essere umano sulla superficie del satellite. Le compagnie fanno adesso parte di un programma di selezione per ottenere gli investimenti della NASA, con il fine di produrre lander che verranno impiegati per spedire piccoli carichi sulla Luna, contenenti attrezzature e altro materiale scientifico per eseguire test ed esperimenti.

L'annuncio ufficiale è stato compiuto durante una conferenza stampa tenuta da Jim Bridenstine, che ha rivelato i prossimi step necessari per ritornare con proficuità sul suolo lunare. All'interno di questi avranno un ruolo chiave alcune delle nove aziende segnalate: Lockheed Martin, Astrobotic, Moon Express, Masten Space Systems, Deep Space Systems, Draper, Firefly Aerospace, Intuitive Machines, Orbit Beyond. È certamente da segnalare che alcune di queste sono piccole realtà che non hanno mai inviato nulla nello spazio, e sono pesanti i nomi degli assenti.

Non troviamo fra le realtà scelte nomi imponenti come SpaceX di Elon Musk e Blue Origin di Jeff Bezos, nonostante i due amministratori avessero in precedenza mostrato interesse nel programma. Le collaborazioni faranno parte del CLPS, Commercial Lunar Payload Services, con cui si intende mandare sulla Luna piccoli carichi di circa 10 kg ciascuno. Attraverso la strumentazione la NASA intende scoprire nuovi dettagli sulle risorse presenti sul satellite, e se ci sia la possibilità di ricavare combustibili o altre sostanze che potrebbero rendere più facili le missioni lunari future.

Studiare la Luna potrebbe consentirci inoltre di scoprire qualche dettaglio in più sull'Universo e la sua storia, con il CLPS che potrebbe fare da apripista per una nuova era dell'esplorazione spaziale e delle missioni umane in ambienti extraterrestri. Immaginando i risvolti nel medio periodo, invece, CLPS è prima di tutto il passo iniziale per consentire alla NASA di creare le condizioni per una presenza duratura e sostenibile dell'uomo sul satellite. La missione ad oggi appare abbastanza lung e complessa, e saranno necessari diversi anni per il suo completamento.

Nei prossimi dieci anni l'Agenzia spaziale USA dovrebbe riuscire a inviare una stazione in orbita attorno alla Luna, chiamata Gateway, che avrà lo scopo di semplificare i viaggi da e verso la superficie del satellite. Allo stesso tempo saranno le compagnie private con cui verrà consolidato il rapporto di collaborazione ad occuparsi dei lander, inizialmente per inviare e ricevere piccoli carichi, poi per fare lo stesso con astronauti in carne ed ossa. I primi lander più piccoli saranno infatti un campo di prova per consentire, un giorno, di costruire varianti più grandi e capaci.

L'intero investimento della NASA per il programma di collaborazione è di circa 2,6 miliardi di dollari, e già sono nate alcune collaborazioni fra organizzazioni per vincere il premio e fornire la tecnologia migliore per i piccoli lander. Draper, ad esempio, ha stretto accordi con ispace, General Atomics e Spaceflight Industries, mentre Moon Express si unirà a Sierra Nevada Corporation, NanoRacks, Paragon Space Development Corporation e Odyssey Space Research. Non tutte le nove realtà supereranno le selezioni iniziali, tuttavia la NASA non vuole spaventare i partecipanti.

Un test andato male non significherà aver perso la gara, come ha specificato lo stesso Bridenstine durante l'annuncio ufficiale: "Il nostro obiettivo è imparare tutto quello che possiamo imparare, ed aiutare questo settore nascente a svilupparsi qui negli Stati Uniti".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
le_mie_parole30 Novembre 2018, 18:28 #1
mi sa che sulla luna arriverà prima space x che loro, cmq qui si parla solo di investimenti per il sistema di trasporto mica per il lancio, sarebbe assurdo partire da zero… con space x che è già a eoni luce avanti
icoborg30 Novembre 2018, 18:29 #2
il 90% sembrano fondate da appassionati di scifi...

punto su firefly
zyrquel30 Novembre 2018, 18:38 #3
non che non mi fidi, ma non fido :-D
altrove ho letto che queste compagnie si occuperebbero dei lander ed apparecchi scientifici vari, insomma il payload dei razzi che anche spacex e blue origin potrebbero aiutare a costruire o fornire direttamente, quale versione è la più attendibile?
Brizius7830 Novembre 2018, 19:53 #4
Mi sembra un concorso all'italiana
dove il candita in questo caso Lockheed Martin è già stato prescelto
è gli altri fanno solo numero\presenza
icoborg30 Novembre 2018, 20:23 #5
impregilo?
dr-omega01 Dicembre 2018, 00:06 #6
Non trovo la "Weyland-Yutani".
ronx01 Dicembre 2018, 18:05 #7
Tra poco comprerà tutte le altre 9 compagnie
alexfri01 Dicembre 2018, 23:20 #8
Originariamente inviato da: Brizius78
Mi sembra un concorso all'italiana
dove il candita in questo caso Lockheed Martin è già stato prescelto
è gli altri fanno solo numero\presenza


Quoto e straquoto, la Lockheed Martin é una di quelle aziende abituate a lavorare nei progetti segreti "senza limiti di budget", da decenni. Va bene che siamo nell'era della disinformazione spettacolaristica, ma paragonare la Lockheed Martin alla Space-X é come paragonare la CNN con uno Youtuber... Mandare pupazzi su automobili in orbita "certa gente" lo faceva gia CINQUANTA anni fa... e con altre scale oltretutto.
amigafever02 Dicembre 2018, 16:41 #9

Illusione

Ma Basta svegliatevi, non potete andare sulla luna e nemmeno su marte, il pianeta terra è schermato nessuna astronave puo uscire, le fasce di van allen sono li, e la nasa deve inziare a non usare i programmi di raytracing e smetterela di intascare millioni di dollari per tenere nel'ignoranza gran parte dell'umanità.
icoborg02 Dicembre 2018, 19:09 #10
robba bona robba bona

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^