Nuove prove sulla vita extra-terrestre nel nostro Sistema Solare, tra i ghiacci di Encelado

Nuove prove sulla vita extra-terrestre nel nostro Sistema Solare, tra i ghiacci di Encelado

Un gruppo di ricercatori ha rinvenuto tracce di molecole organiche complesse all'interno dei dati ricavati da Cassini nel passaggio su Encelado e l'Anello E di Saturno

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications un gruppo di ricercatori ha scoperto alcune molecole organiche complesse provenire dai dati raccolti da Cassini su Encelado, uno dei satelliti di Saturno considerato come uno dei corpi del Sistema Solare capaci di ospitare la vita. La scoperta delle nuove molecole potrebbe rappresentare una nuova prova circa la possibilità di vita extra-terrestre in pianeti non così proibitivi da raggiungere, ma gli stessi scienziati alla base della scoperta hanno invitato a frenare gli entusiasmi.

Encelado è la sesta luna di Saturno in termini di dimensioni, ed è molto piccola avendo un diametro di soli 505 chilometri. Nel 2005 la sonda Cassini ha rivelato alcune perdite di vapore acqueo e particelle di ghiaccio fuoriuscire dalla spessa crosta ghiacciata del satellite e, visto che sulla Terra la vita si può formare ovunque ci sia acqua, quanto rinvenuto da Cassini potrebbe essere una timida prova del fatto che anche su Encelado potrebbe esserci la vita. In precedenza, però, sono stati rivelati solo composti organici semplici dal satellite, ma adesso la situazione è diversa.

Se i composti analizzati prima avevano solamente cinque atomi di carbonio, quelli rivelati in seguito ai nuovi studi hanno anche oltre 15 atomi di carbonio. Frank Postberg, uno degli scienziati alla base della scoperta, ha rivelato che "è la prima volta che vengono rivelati composti organici complessi da un mondo d'acqua extraterrestre". Gli scienziati hanno analizzato alcuni dati che Cassini ha raccolto passando sopra uno dei geyser su Encelado e nei pressi dell'Anello E di Saturno, il quale cresce anche grazie al vulcanismo ghiacciato del satellite.

All'interno dei grani di ghiaccio sono stati individuati materiali organici complessi che, secondo i ricercatori, si sono formati all'interno del nucleo più caldo del pianeta riuscendo a fuoriuscire attraverso i geyser analizzati da Cassini. Secondo Postberg, però, la maggior parte delle molecole organiche sono state rilevate sui grani di ghiaccio provenienti dall'Anello E, e quindi potrebbero essere prodotti non da Encelado, ma da reazioni chimiche formatesi nello spazio per mezzo degli effetti provocati dalla luce solare. È comunque da segnalare che la maggior parte del materiale organico è stato trovato nella parte più giovane dell'anello, quella più vicina ad Encelado, che non in quella esterna distante dal satellite.

Abbiamo trovato la vita all'interno del Sistema Solare? Purtroppo le deduzioni compiute nella ricerca ci dicono solo che Encelado è, in base alle nostre conoscenze, il posto da guardare con più attenzione nello spazio più vicino per la ricerca della vita extra-terrestre. Postberg ha comunque dichiarato che "non c'è un altro pianeta acquoso potenzialmente abitabile così facile da essere analizzato da una missione spaziale come Encelado", anche se l'ESA ha già pianificato due missioni per saperne di più sui satelliti di Giove Europa e Ganimede, che hanno anch'essi oceani sommersi. Le missioni, che secondo i piani verranno avviate nel 2022, avranno l'obiettivo di verificare le loro condizioni di abitabilità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
devilred01 Luglio 2018, 09:59 #1
si continua a sfondare una porta aperta, pensare di essere gli unici nell'universo e nella sua vastita' e' da stupidi ma soprattutto sarebbe uno spreco di spazio. cercare a tutti i costi forme di vita che ci somigliano e' il piu' grande errore che si possa commettere, credo che tutte le forme di vita intelligenti si siano evolute da altre specie e non credo che il resto dell'universo sia diverso. purtroppo siamo ancora tanti piccoli, se non cominciamo a esplorare nel vero senso della parola non metteremo mai la parola fine ai nostri "dubbi". queste scoperte non fanno che confermare che la vita nell'universo ci sia e non credo siano poche.
songohan01 Luglio 2018, 12:09 #2
Originariamente inviato da: devilred
cercare a tutti i costi forme di vita che ci somigliano e' il piu' grande errore che si possa commettere.


Non tutti la pensano cosi. Un noto genetista tempo fa disse che agli stessi problemi di ingegneria, Madre Natura deve trovare le stesse soluzioni. Questo perchè tutte le osservazioni dimostrano che l'universo, su grande scala, è isotropo in ogni direzione e che, fino a prova a contraria, le leggi della fisica sono invarianti sia nello spazio che nel tempo.
Bivvoz01 Luglio 2018, 12:44 #3
Originariamente inviato da: songohan
Non tutti la pensano cosi. Un noto genetista tempo fa disse che agli stessi problemi di ingegneria, Madre Natura deve trovare le stesse risposte. Questo perchè tutte le osservazioni dimostrano che l'universo, su grande scala, è isotropo in ogni direzione e che, fino a prova a contraria, le leggi della fisica sono invarianti sia nello spazio che nel tempo.


Senza contare la panspermia che a livello locale del sistema solare è sicuramente valida.
aleardo01 Luglio 2018, 13:15 #4
Più che di prove, sarebbe più corretto parlare di labili indizi, dal momento che la presenza di molecole organiche complesse di per sé non equivale affatto a alla presenza di vita.
marcram01 Luglio 2018, 13:29 #5
Originariamente inviato da: songohan
Non tutti la pensano cosi. Un noto genetista tempo fa disse che agli stessi problemi di ingegneria, Madre Natura deve trovare le stesse soluzioni. Questo perchè tutte le osservazioni dimostrano che l'universo, su grande scala, è isotropo in ogni direzione e che, fino a prova a contraria, le leggi della fisica sono invarianti sia nello spazio che nel tempo.


Ma nella realtà non è così! Agli stessi problemi, la natura ha trovato soluzioni diverse...
C'è chi nuota con le pinne, chi con pompe d'acqua, chi serpeggiando... Chi cammina su due zampe, chi su quattro, chi su cento, chi striscia, e chi rotola...
E qui parliamo di soluzioni diverse per le stesse condizioni... figuriamoci quando le condizioni sono diverse!
Bivvoz01 Luglio 2018, 13:41 #6
Originariamente inviato da: marcram
Ma nella realtà non è così! Agli stessi problemi, la natura ha trovato soluzioni diverse...
C'è chi nuota con le pinne, chi con pompe d'acqua, chi serpeggiando... Chi cammina su due zampe, chi su quattro, chi su cento, chi striscia, e chi rotola...
E qui parliamo di soluzioni diverse per le stesse condizioni... figuriamoci quando le condizioni sono diverse!


Ma la base chimica è sempre la stessa.
marcram01 Luglio 2018, 14:10 #7
Originariamente inviato da: Bivvoz
Ma la base chimica è sempre la stessa.


Ma perché anche la base di partenza è la stessa.
Se dovessi partire da una base differente, isolata, allora probabilmente anche il risultato finale sarebbe differente.
Cambiamo elementi chimici, gravità, temperatura, radiazioni... Anche supponendo che le leggi fisiche rimangano le stesse (e non è così sicuro), che tipo di vita potrebbe svilupparsi?
Insert coin01 Luglio 2018, 17:56 #8
Originariamente inviato da: songohan
Non tutti la pensano cosi. Un noto genetista tempo fa disse che agli stessi problemi di ingegneria, Madre Natura deve trovare le stesse soluzioni. Questo perchè tutte le osservazioni dimostrano che l'universo, su grande scala, è isotropo in ogni direzione e che, fino a prova a contraria, le leggi della fisica sono invarianti sia nello spazio che nel tempo.



Domanda da profano assoluto:
Significa che su un ipotetico mondo abitato esterno alla Terra potremmo/dovremmo trovare le stesse specie vegetali ed animali vissute o che vivono sulla Terra?
Bivvoz01 Luglio 2018, 19:00 #9
Originariamente inviato da: Insert coin
Domanda da profano assoluto:
Significa che su un ipotetico mondo abitato esterno alla Terra potremmo/dovremmo trovare le stesse specie vegetali ed animali vissute o che vivono sulla Terra?


No.
Ma qualcosa di basato sullo stesso principio chimico.

Ovviamente la vita si evolve diversamente in diverse condizioni di temperatura, pressione ed elementi, ma questo avviene anche sulla Terra no?
Prendiamo per esempio i pesci dei fondali marini; vivono in condizioni completamente diverse dalle nostre, condizioni in cui noi non potremmo vivere e noi non possiamo vivere nel loro ambiente ma siamo basati entrambi sulla stessa meccanica della vita, entrambi abbiamo cellule, dna, ecc. fatti allo stesso modo.

È possibile che esista la vita basata su altre cose ma è meno probabile.
Riccardo8202 Luglio 2018, 10:04 #10
finalmente tante persone intelligenti tutte insieme...

il thread più interessante che abbia letto da anni in questo sito..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^