Prima assoluta: il ritratto di Edmond de Belamy, fatto dalla AI, venduto da Christie's a 432500 Dollari

Prima assoluta: il ritratto di Edmond de Belamy, fatto dalla AI, venduto da Christie's a 432500 Dollari

Arte creata dalla AI? Sembra di sì, stando ai 432500 Dollari pagati da un collezionista anonimo per la prima opera d'arte proposta nella celebre asta Christie's, quando ci si attendeva al massimo un prezzo di 10000 Dollari. Ecco alcuni dettagli della vicenda

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Scienza e tecnologia
 

L'intelligenza artificiale entra ufficialmente nel mondo dell'arte, passando tra l'altro dalla porta principale. La celebre casa d'arte Christie's ha battuto a ben 432500 Dollari il "Ritratto di Edmond de Belamy", esposto in una bella cornice dorata di stile classico con tanto di firma dell'autore:

L'autore è infatti un algoritmo utilizzato in un ambizioso progetto di intelligenza artificiale, AI, creato da tre francesi facenti parte del collettivo parigino Obvious.  Hugo Caselles-Dupré, Pierre Fautrel e Gauthier Vernier (un esperto di AI, gli altri due di finanza) sono tre venticinquenni prima di tutto amici di infanzia, accomunati anche dalla passione per l'esplorazione di nuovi processi creativi. Nessuno ha precedenti nel mondo dell'arte, ma possiamo dire che la loro prima volta è andata veramente alla grande.


Il quadro venduto da Christie's

Per quel che sappiamo, l'algoritmo opera in due momenti differenti, definiti uno generatore e l'altro discriminatore. A monte c'è un blocco di 15000 ritratti dipinti nell'arco di 6 secoli, con la quale la macchina "apprende" una serie molto vasta di particolari, stili e altri dettagli purtroppo non resi noti. Il generatore quindi provvede a creare una o più serie di quadri/immagini in base a quello che ha appreso, mentre il discriminatore analizza le differenze fra quanto creato dalla macchina e i quadri reali andando un po' a correggere il tiro. Lo scopo del gruppo è stato quello di ingannare, per certi versi, il discriminatore, facendogli credere che l'immagine generata fosse lei stessa reale. Il risultato quindi, con una buona approssimazione ma comunque stupefacente per certi versi, è il prodotto generato dalla macchina.

Ovviamente entusiasmi e polemiche fanno parte di tutte le novità, specie se controverse come queste. Si potrà affermare che non è vera arte, ma si dice lo stesso anche di altre opere che sono create dall'uomo, specie fra quella moderna. Senza dubbio però è un esempio di quello che la AI può fare, nel quale intravedere sicuramente qualcosa che non è, ma assomiglia decisamente a un processo creativo. La pensa così l'anonimo compratore che, non presente in sala ma operando da smartphone da qualche parte nel mondo, si è aggiudicato un'opera che senza dubbio entrerà nella storia.

Troppo presto per parlare di un nuovo filone, ovviamente. Quello che possiamo dire però che il trio ha chiesto alla macchina di creare proprio una famiglia immaginaria, di cui Edmond de Belamy (ovviamente mai esistito) è l'ultimo discendente.

A dir la verità, limitandosi al livello estetico, anche altre opere sono sicuramente interessanti, motivo per cui non stupirebbe vedere all'asta anche i ritratti degli altri componenti della famiglia inventata dalla AI.

Un'altra considerazione da fare è che l'intelligenza artificiale, in questo caso, è applicata in modo decisamente efficace rispetto ad altri casi, dove di fatto non è che un processo di ottimizzazione, quando va bene. Qui siamo di fronte ad una creazione vera e propria dopo aver appreso lo stile di quadri simili, ma non certo identici. C'è di che pensare, senza dubbio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
niky8929 Ottobre 2018, 12:55 #1
Money laundering
LORENZ029 Ottobre 2018, 13:25 #2
In tutto l'articolo non si parla di come sia stato realizzato il quadro: olio su tela, pastello, stampa, ecc? Lo ha fatto un braccio robotico usando colori reali oppure é frutto di un bitmap con Photoshop generato da questa "mirabolante" AI?!

La realtá é sempre più vicina ai libri di Asimov, ma se leggerli era molto piacevole, viverla comincio a pensare lo sia un po' meno...
MiKeLezZ29 Ottobre 2018, 13:30 #3
Una schifezza immonda in cui non ci spenderei 10 euro. Opera senza alcun valore intrinseco in quanto riproducibile all'infinito. Niky89 ha riassunto molto bene.
geppiwear29 Ottobre 2018, 13:34 #4

Visto da poco a teatro We Will Rock You

Terribile constatare come sembri che ci stiamo dirigendo a grandi passi verso il mondo distopico descritto in quell'opera teatrale (lì era la musica)...
dwfgerw29 Ottobre 2018, 13:43 #5
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Una schifezza immonda in cui non ci spenderei 10 euro. Opera senza alcun valore intrinseco in quanto riproducibile all'infinito. Niky89 ha riassunto molto bene.


tu non ci spenderesti, ma noi siamo solo utenti che hanno tempo da perdere qui.. C'e' gente la fuori che ha denaro da investire.. questo prima bozza al mondo fatta da un calcolatore, potrebbe valere 0 come potrebbe valere una cifra a 9 zeri tra 50 anni..
demon7729 Ottobre 2018, 13:57 #6
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Una schifezza immonda in cui non ci spenderei 10 euro. Opera senza alcun valore intrinseco in quanto riproducibile all'infinito. Niky89 ha riassunto molto bene.


Non tiriamo conclusioni affrettate. Non è che sono tutti str*nzi eh.

Innanzitutto bisogna vedere come esattamente è stata realizzata l'opera in questione.
Perchè se la ha effettivamente realizzata una AI partendo da informazioni diverse non parliamo nè di un'opera riproducibile all'infinito nè tantomeno di una immagine a cui sono applicati filtri a uso photoshop.
Si tratterebbe invece di un'opera d'arte unica che ha la peculiarità di essere la prima ad essere realizzata da una intelligenza artificilale.

Il suo valore è dato da ciò che rappresenta, non quello che è in se.
Esattamente come un apple I o la fotocamera usata per le foto sulla Luna.

Che poi uno la abbia acquistata per pura speculazione è plausibile.
Titanox229 Ottobre 2018, 14:03 #7
Bellamy è quello di one piece
MiKeLezZ29 Ottobre 2018, 14:11 #8
Originariamente inviato da: demon77
Non tiriamo conclusioni affrettate. Non è che sono tutti str*nzi eh.

Innanzitutto bisogna vedere come esattamente è stata realizzata l'opera in questione.
Perchè se la ha effettivamente realizzata una AI partendo da informazioni diverse non parliamo nè di un'opera riproducibile all'infinito nè tantomeno di una immagine a cui sono applicati filtri a uso photoshop.
Si tratterebbe invece di un'opera d'arte unica che ha la peculiarità di essere la prima ad essere realizzata da una intelligenza artificilale.

Il suo valore è dato da ciò che rappresenta, non quello che è in se.
Esattamente come un apple I o la fotocamera usata per le foto sulla Luna.

Che poi uno la abbia acquistata per pura speculazione è plausibile.
Il mio pensiero è che il tutto non sia altro che una truffa perpetrata sull'onda della moda dell'"intelligenza artificiale". Poi non so dire se sia una scusa per riciclare denaro oppure se i due tipi abbiano fregato il riccone di turno.

Il termine "intelligenza artificiale" è abusato ed usato immotivatamente.

E' stato creato un database di immagini scannerizzate di ritratti. Quindi un algoritmo le ha combinate assieme, cercando di creare un'immagine che essa stessa potesse sembrare un ritratto. Nell'immagine si vede lo "spaciugamento" dato dallo strumento "clone" di photoshop. E' ovviamente un'immagine bitmap che poi è stata stampata, quindi volendo ne possono creare altre 18'000 tutte uguali. Il che elimina la "rarità".

Io in questo ritratto non vedo alcuna espressione di intelligenza artificiale. E' il risultato di un algoritmo fatto eseguire da una macchina sotto il pieno controllo umano, usando come input dei dati forniti dall'uomo. In output vi è una combinazione più o meno riuscita dei dati di input.

Darei moltissimo più valore a una stessa opera creata da un delfino. Quello sì che sarebbe un pezzo unico, inimitabile e creato da un'altra intelligenza, diversa dalla nostra. Chissà poi cosa riuscirebbe a dipingere. Una medusa come la vede lui? Il sottocosta? Già solo comprendere cosa vorrebbe mostrarci sarebbe emozionante.
cignox129 Ottobre 2018, 14:16 #9
Personalmente, non attribuiró MAI il titolo di arte ad un prodotto realizzato da una macchina. Perché se é anche vero che definire l'arte é sempre stato difficilissimo se non impossibile, é anche vero che l'Arte (con la A maiuscola) puó essere sempre ricondotta ad una intima, quasi spirituale necessitá umana, legata alle sue passioni e paure, le sue conoscenze ed ignoranze, le sue virtú e i suoi difetti e la ricerca e la curiositá.

Questo non significa che non abbia valore: io stesso, affascinato dai frattali, ho sviluppato anni fa un piccolo tool per il rendering di alcuni di essi e ammiro anche la tecnologia dietro a l'opera di cui si parla. Cosí come riconosco che, potendo crescere in valore, c'é chi ci investe.

Opera, illustrazione, immagine, rendering. Ma non arte.
demon7729 Ottobre 2018, 14:32 #10
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Il mio pensiero è che il tutto non sia altro che una truffa perpetrata sull'onda della moda dell'"intelligenza artificiale". Poi non so dire se sia una scusa per riciclare denaro oppure se i due tipi abbiano fregato il riccone di turno.

Il termine "intelligenza artificiale" è abusato ed usato immotivatamente.

E' stato creato un database di immagini scannerizzate di ritratti. Quindi un algoritmo le ha combinate assieme, cercando di creare un'immagine che essa stessa potesse sembrare un ritratto. Nell'immagine si vede lo "spaciugamento" dato dallo strumento "clone" di photoshop. E' ovviamente un'immagine bitmap che poi è stata stampata, quindi volendo ne possono creare altre 18'000 tutte uguali. Il che elimina la "rarità".

Io in questo ritratto non vedo alcuna espressione di intelligenza artificiale. E' il risultato di un algoritmo fatto eseguire da una macchina sotto il pieno controllo umano, usando come input dei dati forniti dall'uomo. In output vi è una combinazione più o meno riuscita dei dati di input.

Darei moltissimo più valore a una stessa opera creata da un delfino. Quello sì che sarebbe un pezzo unico, inimitabile e creato da un'altra intelligenza, diversa dalla nostra. Chissà poi cosa riuscirebbe a dipingere. Una medusa come la vede lui? Il sottocosta? Già solo comprendere cosa vorrebbe mostrarci sarebbe emozionante.


Questo non è specificato. Non lo so.
Se fosse come dici però sarebbe molto stupido spenderci sopra 400K e passa dollari.. e mi pare assurdo pensare che ci sia in giro qualche idiota che ti da una paccata di soldi per una stampa da quattro soldi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^