SpaceX costruirà a Los Angeles la fabbrica del BFR per andare su Marte

SpaceX costruirà a Los Angeles la fabbrica del BFR per andare su Marte

SpaceX costruirà a Los Angeles una fabbrica per la produzione di "vascelli per il trasporto commerciale": è praticamente certo che voglia produrre il razzo BFR per andare verso Marte

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

Circa 73.000 metri quadrati "per la costruzione e la messa in opera di una fabbrica per produrre grandi vascelli per il trasporto commerciale". Questa descrizione potrebbe non dire nulla, ma dal momento che riguarda SpaceX non può non far venire in mente il Big Falcon Rocket, o BFR. SpaceX avrebbe intenzione di avviarne la produzione vicino Los Angeles.

Tra le attività che saranno portate avanti nella nuova struttura figurano "la ricerca e lo sviluppo di vascelli da trasporto e includeranno probabilmente procedure di produzione generiche come saldatura, essiccazione di materiali compositi, pulitura, verniciatura e assemblaggio".

SpaceX BFR

Il Big Falcon Rocket è un progetto ambizioso e dalle dimensioni imponenti: alto 106 metri e con 9 metri di diametro, costituirà la spina dorsale del progetto di colonizzazione di Marte di SpaceX. Le sue dimensioni fanno sì che sia estremamente difficile trasportarlo via terra, nonostante sia effettivamente diviso in booster e navicella, pertanto la struttura che servirà a produrlo sarà costruita in riva all'Oceano Pacifico, da dove potrà essere caricato su navi e trasportato verso il sito di lancio.

Come scrive Ars Technica, SpaceX non ha voluto confermare che si tratti proprio della struttura dove verrà prodotto il BFR, ma ha confermato che ha affittato per 10 anni il terreno, con possibilità di proroga per ulteriori due periodi di 10 anni.

È probabile che i primi test della navicella avvengano in Texas nel corso del prossimo anno, mentre il sistema completo dovrà attendere ancora del tempo prima di diventare pienamente operativo.

I progetti per la navicella includono fino a 40 cabine, aree comuni, magazzini e un'area schermata contro le tempeste solari nel caso di una missione al di fuori della protezione della Terra (ad esempio, in un viaggio verso Marte).

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen21 Marzo 2018, 11:36 #1
Son contento che ci sia gente che si e' fatta i soldi che non pensa solo a tenerseli per se ma pensa anche a fare qualcosa di innovativo e rischioso. Non dico che non pensi ad un rientro economico, ma difficilmente certi avanzamenti tecnologici possono essere effettuati con la ricerca "pubblica" (lessi NASA ed ESA), fra problemi di bilancio e inerzia del pubblico...
marcram21 Marzo 2018, 11:59 #2
Originariamente inviato da: jepessen
Son contento che ci sia gente che si e' fatta i soldi che non pensa solo a tenerseli per se ma pensa anche a fare qualcosa di innovativo e rischioso. Non dico che non pensi ad un rientro economico, ma difficilmente certi avanzamenti tecnologici possono essere effettuati con la ricerca "pubblica" (lessi NASA ed ESA), fra problemi di bilancio e inerzia del pubblico...


Concordo in toto.
LMCH21 Marzo 2018, 12:23 #3
La cosa ha molto senso, più facile trasportare il tutto via nave con il minimo di spostamenti su trasporti eccezionali (o magari con il carico/scarico diretto su chiatte), riducendo quindi anche costi e tempistiche di trasporto.
Lampetto21 Marzo 2018, 12:51 #4
Originariamente inviato da: LMCH
La cosa ha molto senso, più facile trasportare il tutto via nave con il minimo di spostamenti su trasporti eccezionali (o magari con il carico/scarico diretto su chiatte), riducendo quindi anche costi e tempistiche di trasporto.


Esattamente, lo penso anche io
Opteranium21 Marzo 2018, 13:33 #5
Big F*cking Rocket... il nome giusto per un c*zzo enorme come quello
RaZoR9321 Marzo 2018, 13:48 #6
Originariamente inviato da: LMCH
La cosa ha molto senso, più facile trasportare il tutto via nave con il minimo di spostamenti su trasporti eccezionali (o magari con il carico/scarico diretto su chiatte), riducendo quindi anche costi e tempistiche di trasporto.
Non che ci siano molte alternative! Trasporto aereo è completamente impossibile e anche via stradale sarebbe inattuabile con un core da 9 metri di diametro.

Il Porto di LA ha molto senso dato che il quartier generale di SpaceX è a circa 20km di distanza.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^