Ultima Thule: ecco una nuova immagine da New Horizons

Ultima Thule: ecco una nuova immagine da New Horizons

Ultima Thule, l'oggetto che si trova nella fascia di Kuiper e che è stato sorvolato l'1 Gennaio 2019 da New Horizons ha ora un volto ancora più definito. Ecco l'ultima immagine ad alta risoluzione pubblicata dalla NASA.

di pubblicata il , alle 18:11 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Avrete sicuramente sentito parlare di Ultima Thule, chiamato anche 2014 MU69. Si tratta di un oggetto della fascia di Kuiper che è stato sorvolato dalla sonda New Horizons mostrandoci le prime immagini chiare e definite all'inizio di questo mese.

Ma come abbiamo avuto modo di scrivere, viste le distanze elevatissime, la velocità di download è decisamente molto limitata (circa 700 bit/s). Questo comporterà che nonostante il sorvolo sia finito da tempo, i dati arriveranno per i prossimi mesi. Questo permetterà agli scienziati (e anche agli appassionati) di studiare un sistema così particolare come Ultima Thule.

Ultima Thule HD image

L'ultima immagine rilasciata dalla NASA fa parte di quelle scattate durante l'approccio dell'1 Gennaio 2019 ed è attualmente la più chiara che abbiamo a disposione. Come già confermato in passato, Ultima Thule è un sistema composto da due unità di dimensioni leggermente diverse unite al centro da una zona più stretta (che ricorda anche la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko).

La fotografia è stata ripresa con la fotocamera MVIC (acronimo di Multicolor Visible Imaging Camera) che fa parte di Ralph, altro strumento che si trova su New Horizons. La distanza dalla quale è stata ripresa è 6700 chilometri (considerando che Ultima Thule ha dimensioni di circa 31 chilometri). La risoluzione è pari a 135 metri/pixel e la trasmissione è avvenuta il 18 Gennaio.

Come hanno osservato gli scienziati, si può notare che su Ultima Thule esistono zone depresse di circa 700 metri di diametro mentre quella più grande ha un diametro di 7 chilometri. Quali siano i processi coinvolti nella generazione di quelle strutture è ancora ignoto, potrebbero essere da impatto o da collasso (per esempio).

La zona più stretta che unisce i due sferoidi è risultata essere una delle zone più "brillanti" di Ultima Thule facendo presumere una struttura di materiale differente dal resto. Nelle prossime settimane dovrebbero arrivare ulteriori immagini ancora a più alta risoluzione e a colori che sveleranno altri misteri di questo "sasso".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
+Benito+27 Gennaio 2019, 20:02 #2
Ci vorranno ancora circa 20 mesi perchè tutti i dati vengano scaricati, anche in funzione del tipo di controllo di assetto che si potrà ottenere. In modalità spin stabilized non devono essere alimentati i riscaldatori dei thrusters e possono quindi essere alimentati entrambi i transponders (cosa che sta avvenendo ora)
itasterix29 Gennaio 2019, 08:23 #3

un caciocavallo

uguale !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^