Un nuovo parco eolico darà energia al data centre Microsoft in Olanda

Un nuovo parco eolico darà energia al data centre Microsoft in Olanda

Microsoft ha annunciato l'avvio di un'iniziativa per dare energia al suo data centre olandese affidandosi ad un impianto eolico che sarà ampliato appositamente per rispondere alle esigenze del colosso americano

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 16:01 nel canale Scienza e tecnologia
Microsoft
 

Microsoft ha annunciato che farà affidamento su un parco eolico in Olanda per sostenere i consumi del suo data centre olandese. Il parco eolico, che è già esistente ma verrà espanso, produrrà fino a 180 megawatt di energia ed è situato a Nord di Amsterdam.

L'ampliamento avrà inizio nel 2018 e il complesso diventerà operativo nel corso del 2019; una volta completato, il parco eolico sarà il più grande a operare sulla terraferma nei Paesi Bassi. Il parco è collocato a fianco del data centre di Microsoft che serve prevalentemente l'Europa, il Medio Oriente e l'Africa.

La società olandese che opera il parco eolico, Nuon, pianifica di espanderlo ulteriormente per portare a 100 il numero di turbine e avere così una produzione di circa 1,3 miliardi di kWh.

Si tratta del secondo investimento europeo in energia eolica per Microsoft, che segue una simile iniziativa che vedrà la costruzione di un parco eolico in Irlanda. L'azienda aveva dichiarato il proprio impegno a utilizzare più del 50% di energia da rinnovabili per i propri data centre nel mondo entro la fine del prossimo anno e a passare la soglia del 60% entro l'inizio del prossimo decennio.

I consumi derivanti dai data centre sono in costante aumento, anche grazie all'avvento del paradigma della cloud, e utilizzare energia quanto più possibile pulita è vitale per contenere le emissioni di inquinanti e gas serra, vista la quantità di energia consumata. Nel 2015 si stima che i data centre nel mondo siano arrivati a consumare il 3% della produzione complessiva di energia, consumando circa 416,2 TWh - più del consumo stimato dell'intero Regno Unito, pari a 300 TWh.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

76 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bonzoxxx06 Novembre 2017, 16:27 #1
Da noi non si può fare, sono brutte

Disse un noto critico di arte.
Nautilu$06 Novembre 2017, 16:37 #2
mah..... più che altro tutto questo vento forse non c'è......
Ad esempio quelle installate sotto il Monte Velino, visibili passando sulla E80 verso Pescara... sono sempre ferme!!!
Seangel06 Novembre 2017, 16:38 #3
non capisco perché buttare soldi e spazio(ettari di terreno) in centrali eoliche quando basta una centrale nucleare per produrre tutta l'energia di cui si ha bisogno. Non capisco proprio perché tutto questo rifiuto per il nucleare. Bo. contenti loro contenti tutti
Bivvoz06 Novembre 2017, 16:42 #4
Originariamente inviato da: Seangel
non capisco perché buttare soldi e spazio(ettari di terreno) in centrali eoliche quando basta una centrale nucleare per produrre tutta l'energia di cui si ha bisogno. Non capisco proprio perché tutto questo rifiuto per il nucleare. Bo. contenti loro contenti tutti


Perché se si rompe una pala eolica non ti nascono figli con tre gambe e quattro braccia.
Micene.106 Novembre 2017, 16:46 #5
Originariamente inviato da: bonzoxxx
Da noi non si può fare, sono brutte

Disse un noto critico di arte.


in italia ci sono

anche su questo argomento, come su tutti gli argomenti, ci vuole equilibrio: metterle in posti non tutelati o preziosi da un punto di vista paesaggistico

ce la si puo fare
Micene.106 Novembre 2017, 16:47 #6
Originariamente inviato da: Seangel
non capisco perché buttare soldi e spazio(ettari di terreno) in centrali eoliche quando basta una centrale nucleare per produrre tutta l'energia di cui si ha bisogno. Non capisco proprio perché tutto questo rifiuto per il nucleare. Bo. contenti loro contenti tutti


vero, pero richiede investimenti enormi
e tempi incerti
e carburante nn infinito e pericoloso

le rinnovabili sono la risposta futura

chissa se vedrò invece la fusione nucleare
Bivvoz06 Novembre 2017, 16:48 #7
Originariamente inviato da: Micene.1
in italia ci sono

anche su questo argomento, come su tutti gli argomenti, ci vuole equilibrio: metterle in posti non tutelati o preziosi da un punto di vista paesaggistico

ce la si puo fare


O anche solo metterle in modo intelligente.
Se cominciamo a dire che non si possono mettere nei luoghi con panorami paesaggistici ci siamo giocati il 90% dell'Italia e nel restante 10% probabilmente non tira vento.
Micene.106 Novembre 2017, 16:50 #8
Originariamente inviato da: Bivvoz
O anche solo metterle in modo intelligente.
Se cominciamo a dire che non si possono mettere nei luoghi con panorami paesaggistici ci siamo giocati il 90% dell'Italia e nel restante 10% probabilmente non tira vento.


l'italia è un paese particolare...è un museo anche il suo paesaggio quindi è vero, è difficile piazzare le pale...pero qualche posto si trova...certo se nella valle dei templi o nei cstelli romani oppure sul lago di garda vedo una pala, direi che non è il massimo

personalmente trovo l'off shore davvero una ottima soluzione
zappy06 Novembre 2017, 16:59 #9
"180 megawatt di energia" non vuol dire niente
MW è una potenza, MWh è una energia...
zappy06 Novembre 2017, 17:01 #10
Originariamente inviato da: Seangel
non capisco perché buttare soldi e spazio(ettari di terreno) in centrali eoliche quando basta una centrale nucleare per produrre tutta l'energia di cui si ha bisogno. Non capisco proprio perché tutto questo rifiuto per il nucleare. Bo. contenti loro contenti tutti


io non capisco perchè certa gente crede ancora che il nucleare sia la bacchetta magica che risolve i problemi energetici.
a parte tutti i problemi che hanno, vai a contare gli ettari che occupa una centrale nucleare, annessi e connessi, poi ne riparliamo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^