Virgin Galactic vola a 82,68km dalla superficie terrestre. Ma può essere definito spazio?

Virgin Galactic vola a 82,68km dalla superficie terrestre. Ma può essere definito spazio?

Virgin Galactic è riuscita a raggiungere un'altitudine di 82,68 chilometri dal livello del mare con la sua VSS Unity. Ma è sufficiente per definire il volo come un viaggio nello spazio?

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

L'ultimo successo di Virgin Galactic rappresenta una tappa importante nel percorso della compagnia per trasportare la gente comune sullo spazio, ma forse non quella definitiva. Lo scorso martedì l'azienda è riuscita a far decollare White Knight Two con la navicella VSS Unity all'interno della missione più estrema sin dalla nascita nel 2004. La compagnia ha raggiunto un'altitudine di 82,68 chilometri raggiungendo la velocità Mach 2.9 (circa 3.550 km/h).

Il velivolo è stato pilotato da Mark Stucky e C.J. Sturckow, che hanno registrato il record per Virgin Galactic con l'obiettivo di portare i primi turisti nello spazio già nel 2019. Per riuscire nell'impresa l'azienda ha impiegato 14 anni, partendo sostanzialmente da "zero" in termini di competenze. L'altitudine raggiunta martedì, tuttavia, rappresenta un successo parziale, con l'impresa che è stata sensibilmente più semplice rispetto a quella necessaria per realizzare un volo orbitale.

L'energia necessaria per raggiungere un'orbita attorno alla Terra (ovvero quando il velivolo rimane in caduta libera attorno al pianeta, senza mai raggiungerlo) infatti è di circa 32 volte superiore rispetto a quella necessaria per un volo parabolico con l'apice a circa 100 km d'altitudine. Il successo di martedì, quindi, potrebbe infatti non definire l'abilità della compagnia di realizzare voli commerciali per portare una ciurma di utenti non preparati nello spazio.

A che altezza, infatti, si può definire spazio? A livello esperienziale ovviamente non c'è un confine netto, una linea di demarcazione netta che separa la Terra dallo spazio, tuttavia di solito si sfrutta la "Linea Karman" come convenzione per definire l'inizio dello spazio. Si trova ad un'altezza di 100 km dal livello del mare, anche se la World Air Sports Federation (FAI) sta comunque pensando di abbassare il limite a 80 km per via di alcune motivazioni di stampo scientifico.

Virgin Galactic è una compagnia privata e può dichiarare i limiti dello spazio a qualsiasi altitudine, e pertanto può dichiarare "astronauti" i suoi clienti paganti anche se volano ad un'altezza di "solo" 80 km. E siamo certi che chi spenderà 250 mila dollari per effettuare il volo attorno alla Terra ambirà alla definizione di astronauta, anche dopo aver effettuato un volo solo suborbitale. Una risposta netta, quindi, non c'è, ma siamo sicuri che Virgin Galactic ne offrirà una piuttosto convincente per portare i suoi nuovi clienti ad affrontare l'impresa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
radeon_snorky16 Dicembre 2018, 09:21 #1
fuffa... senza se e senza ma!
oltre i 100km e bon
macker116 Dicembre 2018, 09:22 #2

No

NO
tallines16 Dicembre 2018, 09:33 #3
La risposta è > No

Perchè No ? > Click
zyrquel16 Dicembre 2018, 10:38 #4
io sapevo che il limite di 82km e spicci era già in uso dalle forze armate americane per definire gli "astronauti", non mi pare proprio sia un'invenzione della virgin

che poi la linea di karman, ma pure più in alto se volete, sarebbe un "confine" più adatto mi pare cosa buona e giusta
VITRIOL16 Dicembre 2018, 11:33 #5
Su questo argomento segnalo l'approfondimento del sempre ottimo Adrian Fartade postato questa mattina sul suo canale YT link4universe
sbudellaman16 Dicembre 2018, 12:24 #6
Secondo me dire che lo spazio è raggiunto a 80 o 100km significa ben poco... se non sei in orbita, nel giro di poco precipiterai a terra.
L'impresa vera sarebbe raggiungere un volo orbitale, quindi svolazzare tranquillamente sopra la terra senza ricadere per via della gravità... il vero problema in tal caso non è solo l'altezza, ma raggiungere la velocità di fuga.
Nurgiachi16 Dicembre 2018, 15:01 #7
Originariamente inviato da: sbudellaman
Secondo me dire che lo spazio è raggiunto a 80 o 100km significa ben poco... se non sei in orbita, nel giro di poco precipiterai a terra.
L'impresa vera sarebbe raggiungere un volo orbitale, quindi svolazzare tranquillamente sopra la terra senza ricadere per via della gravità... il vero problema in tal caso non è solo l'altezza, ma raggiungere la velocità di fuga.

Più che forza di gravità si parla di attrito con l'atmosfera, questa ti rallenta e ti fa ricadere sulla Terra. Quindi, secondo il tuo ragionamento, la Stazione Spaziale Internazionale a 400km di altezza non è nello spazio perché è costretta ad accendere periodicamente i suoi motori per non ricadere.
Originariamente inviato da: tallines
La risposta è > No
Perchè No ? > Click

Nel tuo stesso link: "Gli Stati Uniti designano come astronauti le persone che viaggiano al di sopra di 80 km"
È una convenzione su di un qualcosa di astratto, anche chissene importa!
Originariamente inviato da: VITRIOL
Su questo argomento segnalo l'approfondimento del sempre ottimo Adrian Fartade postato questa mattina sul suo canale YT link4universe

Concordo, invece che star lì a contare i centimetri in maniera morbosa, guardatevi Adrian e siate entusiasti di questo nuovo traguardo.
VITRIOL16 Dicembre 2018, 15:01 #8
Originariamente inviato da: sbudellaman
L'impresa vera sarebbe raggiungere un volo orbitale, quindi svolazzare tranquillamente sopra la terra senza ricadere per via della gravità...


Se guardi il video di Fartade spiega che anche la ISS, che è considerata indubbiamente in orbita, è anch'essa dotata di propulsori per correggerne il decadimento. L'attrito con l'atmosfera c'è anche per la ISS e, pure essendo molto piccolo, necessita ogni tanto di compensazione coi propulsori.
Amon-Ra16 Dicembre 2018, 17:19 #9
quale sarebbe l'altezza in cui dovrebbe stare un satellite senza cadere senza usare correzioni? diciamo per qualche centinaia di migliaia di anni? esiste? o deve essere enorme per durare piu di qualche centinaio d'anni?
sbudellaman16 Dicembre 2018, 17:24 #10
Originariamente inviato da: Nurgiachi
Più che forza di gravità si parla di attrito con l'atmosfera, questa ti rallenta e ti fa ricadere sulla Terra. Quindi, secondo il tuo ragionamento, la Stazione Spaziale Internazionale a 400km di altezza non è nello spazio perché è costretta ad accendere periodicamente i suoi motori per non ricadere.


Guarda che anche in totale assenza di attrito la ISS precipiterebbe se non avesse una velocità superiore a quella di fuga (è per questo che viaggia a 28000km/h o quel che è... non è che orbiti solo perchè sei particolarmente in alto...
Che poi l'attrito faccia la sua parte anche a 400km di altezza non lo metto in dubbio, la differenza però è che se ti trovi a 400km di altezza e non hai una velocità superiore a quella di fuga ricadrai nel giro di pochissimo. Se invece stai realmente orbitando, puoi "svolazzare tranquillamente" nel senso che per ricadere rallentato dall'attrito impieghi un sacco di tempo. Poi vabbè, la ISS è enorme e quindi immagino che l'attrito per lei sia particolarmente importante anche se l'atmosfera li è minima.
Io ho detto "senza ricadere per via della gravità", ed infatti se sei in orbita non ricadi per la gravità ma semmai perchè l'attrito ti rallenta togliendoti la velocità di fuga.
E comunque io non ho detto "sei nello spazio SE vai in orbita", io ho detto che secondo me la vera impresa sarebbe entrare in orbita perchè dire "sono nello spazio a 100km, un metro più sotto no" ha poco senso.

Originariamente inviato da: VITRIOL]Se guardi il video di Fartade spiega che anche la ISS, che è
come sopra

[QUOTE=Amon-Ra]quale sarebbe l'altezza in cui dovrebbe stare un satellite senza cadere senza usare correzioni? diciamo per qualche centinaia di migliaia di anni? esiste? o deve essere enorme per durare piu di qualche centinaio d'anni?

Mi sembra di ricordare che satelliti in orbita MEO (che va dai 2000km ai 35000km di altitudine) possano permanere anche per centinaia di anni (migliaia non saprei)... SE appunto sono in orbita. Se invece li poni semplicemente a quella distanza senza dare velocità adeguata, ovviamente cadranno come sassi nel giro di poco

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^