Calxeda EnergyCore, Server-on-a-Chip su core ARM

Calxeda EnergyCore, Server-on-a-Chip su core ARM

1,5 watt: è questo il consumo della nuova soluzione integrata presentata dal Calxeda, che andrà preso ad equipaggiare numerosi sistemi server

di pubblicata il , alle 10:14 nel canale Server e Workstation
ARM
 

Calxeda ha annunciato oggi EnergyCore, la nuova soluzione Server-on-a-Chip basata su core ARM. La caratteristica peculiare di questa soluzione è il consumo: i dati forniti dalla compagnia parlano di appena 1,5 watt, consegnando al processore il primato della soluzione a minor consumo in ambito server.

Barry Evans, CEO e cofondatore di Calxeda, ha commentato: "Tutte le stelle si allineano: il business web 2.0 guidato dalle informazioni, il software open source portabile, il consumo energetico a livelli di crisi e la nascita di una nuova famiglia di processori ARM con prestazioni di classe server. Crediamo che sia l'alba di una nuova era di server efficienti e oggi introduciamo un'architettura di fondamento che permetterà di arrivare a questo punto di rottura. Siamo orgogliosi di annunciare i processori Calxeda EnergyCore, e siamo entusiasti di vedere quanti partner ci stanno supportando in questo viaggio".

Le soluzioni EnergyCore ECX-1000 comprendono fino a quattro core ARM Cortex-A9 che operano a frequenze da 1,1GHz a 1,4GHz e sono provvisti, per ciascun core, di 32KB di cache di primo livelo per istruzioni e di un pari quantitativo per i dati. La cache di secondo livello è di 4MB con ECC. Il controller memoria è integrato e supporta memorie DDR3 e DDR3L. All'interno del SoC si trova EnergyCore Fabric Switch, uno switch da 80Gb con cinque canali 10Gb interni e tre canali 10Gb esterni, in grado di supportare la connessione di 4096 nodi.

Sul fronte delle interfacce troviamo quattro controller integrati Gen2 PCI Express e un controller integrato Gen1 PCI Express. Per ciò che concerne le interfacce di rete il SoC supporta connettivtà Ethernet a 1Gb e a 10Gb, mentre sul fronte dello storage troviamo un controller in grado di supportare fino a cinque dischi SATA a 1,5Gb/s o a 3,0Gb/s.

L'impiego delle nuove soluzioni SoC EnergyCore di Calxeda permettono ai system integrator di realizzare nodi server completi e pienamente funzionanti in grado di consumare 5 watt, comprensivi di 4GB di memoria ECC e unità di storage SSD da elevata capienza. Maggiori informazioni sulle nuove soluzioni SoC EnergyCore sono disponibili a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bonzoxxx02 Novembre 2011, 10:29 #1
mica male.. così si andrebbero a risolvere 2 grossi problemi legati all'abito server computing: consumi e dissipazione.

ottimi secondo me, vediamo come potrebbero venire impiegati e come si comporteranno
frankie02 Novembre 2011, 13:27 #2
Anche perchè non per tutti i server serve potenza pura.
Per inviare e ricevere mail potrebbe essere l'ideale e in un ottica di cambiamento con unità più efficienti potrebbe essere un buon prodotto.
Donbabbeo02 Novembre 2011, 13:59 #3
Chissà quale sarà il costo, potrebbe essere una soluzione validissima anche in ambito domestico, non ho mai acquistato Atom o simili proprio perchè ritengo che i 20 W che richiedono siano un'esagerazione, queste soluzioni potrebbero essere proprio una manna...
ArteTetra02 Novembre 2011, 22:06 #4
Impressionante.
Resta solo il problema software, esistono già SO e programmi da server per architettura ARM?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^