IBM Power System AC922 con CPU POWER9, i server per l'intelligenza artificiale

IBM Power System AC922 con CPU POWER9, i server per l'intelligenza artificiale

IBM ha annunciato il lancio dei nuovi server Power System AC922, dotati di processori POWER9 che arrivano ad avere 22 core per un totale di 88 thread. Grande enfasi sull'I/O per applicazioni specifiche, come il machine learning

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 12:21 nel canale Server e Workstation
IBMPower
 

IBM ha annunciato l'avvio della commercializzazione dei propri processori POWER9 e dei primi server già predisposti per tali CPU. I nuovi IBM Power System AC922 utilizzano processori dotati di 22 core, ciascuno con 4 thread per un totale di 88 thread. I sistemi sono pensati per l'impiego in ambiti che richiedono un grande thoughput, come il machine learning e i database.

Il processore impiegato sul modello di punta della gamma IBM Power System AC922 è pensato specificamente per eseguire Linux, con multithreading a quattro vie (SMT4) e frequenze operative fino a 3,3 GHz. Una versione pensata per AIX e System i che arriverà nel corso del secondo trimestre del 2018, con multithreading a 8 vie (SMT8), virtualizzazione PowerVM e un massimo di 12 core - e, con ogni probabilità, frequenze di clock superiori.

In termini di potenza bruta i nuovi sistemi di IBM non mirano a competere con i concorrenti a marchio Intel; tuttavia, l'azienda mira a guadagnare una fetta consistente del mercato che guarda ad applicazioni di machine learning e di database accelerato. Questo è possibile grazie alla grande flessibilità della famiglia POWER9 in termini di tecnologie I/O: sono infatti supportati PCI-Express 4.0, NVLink 2.0 e OpenCAPI.

Lo standard PCIe 4.0 fornisce una banda di 16 gigatransfer al secondo, ovvero il doppio rispetto all'attuale PCIe 3.0. NVLink 2.0, invece, è un bus proprietario sviluppato da NVIDIA per le sue GPU e in grado di fornire banda fino a 25 Gbps. OpenCAPI, invece, è un'interfaccia hardware per collegare acceleratori come ASIC e FPGA. Nel complesso, le tre tecnologie permettono di ottenere una flessibilità notevole in termini di espandibilità e di coprocessori disponibiliper eseguire al meglio carichi di lavoro specifici.

IBM Power System AC922

IBM punta, per sua stessa ammissione, a diventare leader in un settore ancora nascente e in fase di assestamento sotto tutti i punti di vista, ovvero il settore dei server specializzati nel trattare carichi di lavoro di intelligenza artificiale.

Gli IBM Power System AC922 saranno disponibili sia in versione raffreddata ad aria che con raffreddamento a liquido. Nel caso del raffreddamento ad aria saranno disponibili da 16 a 20 core, con frequenze tra 2,25 GHz a 3,12 GHz, cui potranno essere abbinate da due a quattro GPU NVIDIA Volta V100. I sistemi raffreddati a liquido, invece, potranno avere da 18 a 22 core (con frequenze tra i 2,55 GHz e i 3,3 GHz) e due o quattro schede NVIDIA V100.

Ciascuna coppia di core ha 10 MB di cache L3 condivisa, con 512 KB di cache privata per ciascun core. La RAM utilizzabile è di tipo DDR4 e opera a 2666 MHz, con quantitativi inclusi tra 8 GB e 128 GB per banco per un totale di 8 banchi per processore. A livello di sistema, quindi, saranno disponibili fino a 1024 GB di memoria per processore.

Come riporta Network World, poi, non saranno disponibili solo sistemi creati dalla stessa IBM con processori POWER9: anche Google e Rackspace sono al lavoro su un sistema che sarà, però, annunciato in futuro.

Il periodo sembra essere particolarmente ricco di novità per le architetture non-x86, con - tra le altre cose - Western Digital che ha annunciato l'impiego dell'architettura RISC-V per i propri prodotti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^