Open Compute Project: da Facebook un nuovo concetto di datacenter

Open Compute Project: da Facebook un nuovo concetto di datacenter

Il popolare social network presenta il proprio progetto per la realizzazione di data center più efficienti, meno costosi e più sostenibili

di pubblicata il , alle 09:37 nel canale Server e Workstation
Facebook
 

Facebook, in occasione di un evento presso i propri quartier generali, ha presentato un nuovo approccio al mondo server con il lancio di Open Compute Project. Lo scopo del progetto è quello di definire una serie di specifiche e best practices per realizzare datacenter efficienti, meno costosi e più sostenibili.

Da circa un anno Facebook ha costruito un datacenter presso Prineville, in Oregon, impiegando server realizzati secondo una nuova concezione: rispetto a soluzioni tradizionali i nuovi server sono costruiti con il 22% in meno di materiali, grazie alla rimozione di parti non necessarie, all'implementazione di sistemi di ritenzione "screwless" e senza l'impiego di rifiniture estetiche.

Quanta si è occupata della realizzazione delle schede madri, che saranno disponibili sia per implementazioni AMD Opteron 6100 con 24 slot DIMM per la memoria, sia per implementazioni Intel Xeon 5500 o 5600 con 18 slot DIMM. Ciascun server impiega alimentatori con un'efficienza energetica del 95%.

Nel complesso il datacenter costruito da Facebook ha mostrato un'efficienza maggiore del 38% ed un costo del 24% in meno per assolvere ai medesimi impieghi di un datacenter costruito in maniera tradizionale. Facebook ha registrato un PUE (power usage effectiveness) pari a 1,073, laddove la media dell'industria è di 1,51. In altri termini significa che il 93% dell'energia fornita dalla rete di alimentazione viene impiegata effettivamente nei server Open Compute.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor08 Aprile 2011, 09:39 #1
mica male!
baruk08 Aprile 2011, 09:48 #2
Dal punto di vista efficenza energetica, è un dato notevole... sarei curioso di sapere il PUE di Google.
ercole6908 Aprile 2011, 11:00 #3
Originariamente inviato da: baruk
Dal punto di vista efficenza energetica, è un dato notevole... sarei curioso di sapere il PUE di Google.


Nel 2009 avevano raggiunto 1,12 ma sicuramente hanno migliorato con le nuove CPU
(http://www.datacenterknowledge.com/...es-extreme-pue/)
ercole6908 Aprile 2011, 11:06 #4
Originariamente inviato da: ercole69
Nel 2009 avevano raggiunto 1,12 ma sicuramente hanno migliorato con le nuove CPU
(http://www.datacenterknowledge.com/...es-extreme-pue/)


Ho trovato i dati aggiornati: http://www.google.com/corporate/dat...asurements.html
Sono a 1.10 a fine 2010

Certo che 1,07 è davvero un numero basso: in quel 0,07 ci entrano impianti di raffreddamento, luci e servizi accessori. Hanno fatto davvero miracoli.
baruk08 Aprile 2011, 11:53 #5
Originariamente inviato da: ercole69
Ho trovato i dati aggiornati: http://www.google.com/corporate/dat...asurements.html
Sono a 1.10 a fine 2010

Certo che 1,07 è davvero un numero basso: in quel 0,07 ci entrano impianti di raffreddamento, luci e servizi accessori. Hanno fatto davvero miracoli.


In effetti è la parte raffreddamento che mi sembra elevata... sicuri che sia compresa nel conteggio?
JackZR08 Aprile 2011, 13:41 #6
Il fatto che venga da facebook fa pensare visto che il sito è fatto coi piedi e inquinano come non pochi.
ercole6908 Aprile 2011, 14:33 #7
Originariamente inviato da: JackZR
Il fatto che venga da facebook fa pensare visto che il sito è fatto coi piedi e inquinano come non pochi.


Questo non centra con l'efficienza misurata. Che poi io per ottenere un certo risultato faccia girare un programma su un Atom e un altro usi un algoritmo meno efficiente che usa un 6 core per ottenere lo stesso risultato questo è un altro discorso.
Più che il PUE sarebbe interessante vedere l'assorbimento totale del datacenter (anche se con applicativi diversi i server si comportano in modo molto diverso).
jj.69kt08 Aprile 2011, 14:54 #8

beh..

.. "PUE calculated at full load over an 8 hour period during the commissioning stage in December 2010. We expect our PUE to fluctuate over time and will report it on a quarterly basis."

Comunque di raffreddamento in dicembre ne hanno poco da fare, basta aprire una finestra.. XD O comunque basta far entrare l'aria filtrata dall'esterno.. E vedi che si raffredda..
Baboo8508 Aprile 2011, 21:22 #9
+38% efficienza, -24% costi, -99% sicurezza.

Be' quest'ultimo non c'entra con l'hardware... Ma e' comunque da tenere conto.

Originariamente inviato da: jj.69kt
.. "PUE calculated at full load over an 8 hour period during the commissioning stage in December 2010. We expect our PUE to fluctuate over time and will report it on a quarterly basis."

Comunque di raffreddamento in dicembre ne hanno poco da fare, basta aprire una finestra.. XD O comunque basta far entrare l'aria filtrata dall'esterno.. E vedi che si raffredda..


Seee, certo. Sei mai entrato in una sala server, di medie aziende? A quelle piccole basta un server che faccia da backup della posta e di alcuni dati, ma se gia' hai un armadio pieno di server rack, se non gli butti ALMENO un condizionatore a palla dentro ti salta qualcosa...

Da noi, prima del mio arrivo che era senza (i grandi capi furbi), piu' volte sono saltati componenti e hard disk perche' soprattutto in estate nella sola stanza c'erano 50 gradi, il mio amico IT entrava a fare la sauna...
argent8809 Aprile 2011, 00:55 #10
Efficenza energetica 95%, Greenpeace approva almeno in parte.
Vorrei sapere la differenza di prezzo con la soluzione normale, anche se in un periodo di tempo sufficientemente lungo a meno di rotture, dovute in via teorica anche alla concezione del datacenter, potrebbe ammortarsi e divenire guadagno..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^