Ikena protegge il copyright analizzando il movimento

Ikena protegge il copyright analizzando il movimento

Per contrastare la diffusione di video coperti da diritto d'autore è stato sviluppato Ikena che analizza il movimento presente nelle scene

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 15:09 nel canale Software
 

La crescente disponibilità di contenuti video online e la diffusioni di sistemi quali YouTube o soluzioni simili ha fatto emergere in maniera preponderante alcune interessanti problematiche legate al copyright. Da una parte sono idealmente schierate le major, le case di produzione e chi rivendica di fatto propri diritti mentre in posizione diametralmente opposta si collocano gli utenti che, ovviamente, intendono salvaguardare la propria libertà e le nuove possibilità offerte dagli innovativi sistemi di video sharing.

In un mondo ideale il raggiungimento di un equilibrio sarebbe cosa facile ma purtroppo c'è sempre chi è propenso, più o meno consapevolmente, a compiere l'illecito. I gestori dei sistemi di video sharing si trovano quindi costretti a porre rimedio, a vigilare sui contenuti ed elaborare sistemi capaci di tutelare, qualora presenti i diritti d'autore.

In questo emergente settore una soluzione interessante è stata sviluppata da MotionDSP e viene denominata Ikena. Al contrario di altre soluzioni ad oggi disponibili Ikena non si affida ad analisi cromatiche ma pone la propria attenzione sul movimento presente nelle immagini stesse.

Ikena è in grado di generare un hash partendo dalle immagini in movimento di un flusso video e confronta tale risultato con una library. L'archivio contiene gli Hash di contenuti protetti da copyright e qualora il confronto con il video in esame avesse esito positivivo Ikena segnalerebbe la violazione. Stando alle dichiarazioni riportate da MotionDSP e segnalata da ArsTechnica.com il numero di falsi positivi di questo sistema sarebbe decisamente inferiore a quello di altri strumenti basati su analisi del coloro o della qualità di immagine.

Per funzionare nel migliore dei modi questo sistema richiede la collaborazione delle major stesse. Ciò è indispensabile per creare un consistente database da utilizzare per i confronti. I gestori dei sistemi di video sharing potrebbero utilizzare Ikena al fine di verificare tutti i contenuti video condivisi dagli utenti; questo permetterebbe loro di evitare i ben noti problemi legati in cui recentemente sono rimasti coinvolti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lev1athan15 Marzo 2007, 15:20 #1
Lol, avevo letto Ikea... Sarà, ma nn c'ho capito molto
Praetorian15 Marzo 2007, 15:37 #2
e se io realizzo una parodia fatta bene di un film con amici, rispettando scene colori e azioni, e la uppo su youtube sto video me lo bloccano? -.-
DeMonViTo15 Marzo 2007, 15:40 #3
In teoria la parodia non puoi farla se usi le immagini del film che sono coperte da copyright...

ligabuz15 Marzo 2007, 15:41 #4
Praticamente confronta i movimenti di un determinato video con una libreria di video protetti da diritti d'autore ( tutto tramite hash=identificatore univoco ) e se c'è corrispondenza segnala.
Praetorian15 Marzo 2007, 15:51 #5
demonvito se la faccio a casa mia la scena mica sto violando qualche copyright......
BrightSoul15 Marzo 2007, 16:05 #6
Si ma, praetorian, che probabilità ci sono che il tuo film amatoriale rispetti ampiezza e tempismo di OGNI movimento del film originale?
La stessa di trovare un hash uguale per due contenuti differenti...
Giallo7715 Marzo 2007, 16:14 #7
Ma Scusatemi tanto, questa baracca qui funziona qualora si usasse lo streaming come mezzo di diffusione, alla luce di ciò volete dirmi che un contenuto, sia esso in alta definizione o no, viene propagato (dai pirati) via YouTube o qualche mezzo simile? (forse nel 2050 quando connessioni a internet da 1 Gbit saranno accessibili a tutti a prezzi modici).
Tutti sappiamo benissimo come fa la pirateria a nuovere nelle tasche delle Major e sicuramente lo streaming non è neanche lontanamente un mezzo utile in ambito pro-pirateria.

Come dicevano "I Tre Tre" (Drive in): A Me, Me pare na strunzata!
Per stroncare la pirateria si deve entrare nelle case (in senso largo) della gente, mettere prepotentemente mani, occhi e orecchie violando la privacy, avete mai visto il film "Nemico Publico"?
SuperSandro15 Marzo 2007, 17:32 #8

Non può funzionare. Possibile che non ci hanno pensato?

1) Prendete un filmato protetto da copyright.

2) Con un *qualsiasi* editor (Magix, Adobe, Pinnacle...) applicate l'effetto zoom in una percentuale ridottissma, tipo 99% (o altro qualsiasi effetto, per esempio un leggero incremento del rosso o del blu) in modo da renderlo leggermente diverso dall'originale.

3) Create il nuovo file MPEG (o AVI o altro formato).

4) Il codice hash risulterà drasticamente diverso dall'originale e sfuggirà all'identificazione.

O no?
Redvex15 Marzo 2007, 17:39 #9
Ma se han appena detto che confronta i movimenti e non i colori o roba simile. Magari lo si potrebbe modificare inserendo scene d'apertura e intermezzo
SuperSandro15 Marzo 2007, 17:43 #10

Sarà dura...

Sì, va bè, come diavolo possono confrontare i movimenti se c'è un effetto Zoom? Dovrebbero creare modelli vettoriali da cui estrapolare angoli, spostamenti e altro...

Comunque, come hai detto giustamente, basta inserire una scena d'apertura oppure "allungare" o "accorciare" artificialmente (di pochissimo) il numero di fotogrammi al secondo.

.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^