LibreOffice sbarca sul Microsoft Store, ma non è ufficiale

LibreOffice sbarca sul Microsoft Store, ma non è ufficiale

LibreOffice è arrivato sul Microsoft Store. Il problema è che non si tratta di una mossa ufficiale della Document Foundation, che sta ora valutando la liceità di questa mossa in base alla licenza

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Software
 

LibreOffice, la suite di programmi da ufficio open source e gratuita, è finalmente sbarcato sul Microsoft Store - o quasi. Il software è infatti effettivamente disponibile sul Microsoft Store, ma non si tratterebbe di una versione caricata dalla Document Foundation che gestisce il progetto.

A caricare LibreOffice sul Microsoft Store è infatti stata una terza parte, che si firma come ".net", avanzando altresì la richiesta di 2,99€ per poter installare il software.

La Document Foundation ha confermato di essere a conoscenza della situazione e di non avere alcuna relazione con chi ha inserito il software sul Microsoft Store. Al momento la Fondazione sta valutando se quest'azione rispetti i termini della licenza di LibreOffice, risultando quindi lecita, oppure se li violi e richieda quindi la rimozione coatta.

Va notato, però, che è possibile altresì scaricare la "versione di prova", che è completamente funzionante e senza termini di tempo: stando alle parole di ".net", il pagamento sarebbe una forma di donazione e nulla più, senza essere pertanto necessario.

Ulteriori aggiornamenti sono previsti per i prossimi giorni, come riporta Neowin.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giuliop24 Luglio 2018, 14:23 #1
Wow, proprio attentissimi in Microsoft a quello che finisce sullo Store...
nickname8824 Luglio 2018, 15:35 #2
Originariamente inviato da: giuliop
Wow, proprio attentissimi in Microsoft a quello che finisce sullo Store...
Capisco per per chi usa Apple lo store è una realtà differente ma su Windows quasi nessuno se lo filo.
Comunque sia sempre meglio di chi invece sullo store ha ben pochi applicativi.
giuliop24 Luglio 2018, 16:37 #3
Originariamente inviato da: nickname88
Capisco per per chi usa Apple lo store è una realtà differente ma su Windows quasi nessuno se lo filo.
Comunque sia sempre meglio di chi invece sullo store ha ben pochi applicativi.


ll discorso è che uno dei vantaggi (forse anche quello principale) del Windows Store avrebbe dovuto essere il controllo sulle applicazioni (serratissimo, a dir di alcuni), e se i controlli sono a questo livello (che è invece praticamente zero) il già poco usato Store diventa non solo inutile ma anche potenzialmente dannoso, e l'effetto - contrario a quello originale - è quello di indirizzare gli utenti verso altri siti che sono indubbiamente più affidabili; come il sito ufficiale di LibreOffice, in questo caso.
AlPaBo24 Luglio 2018, 17:44 #4
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: https://pro.hwupgrade.it/news/softw...iale_77212.html

LibreOffice è arrivato sul Microsoft Store. Il problema è che non si tratta di una mossa ufficiale della Document Foundation, che sta ora valutando la liceità di questa mossa in base alla licenza

Click sul link per visualizzare la notizia.

Originariamente inviato da: giuliop
Wow, proprio attentissimi in Microsoft a quello che finisce sullo Store...


Quindi, neppure la fondazione ha deciso se la mossa è lecita o no, ma Microsoft avrebbe comunque dovuto cancellarlo. In base a cosa?
Contiene virus? No.
Viola i diritti d'autore? Non si sa.
Stai cercando una scusa per parlare male di Microsoft a tutti i costi? Ah, già, forse questo.
giuliop24 Luglio 2018, 18:43 #5
Originariamente inviato da: AlPaBo
Quindi, neppure la fondazione ha deciso se la mossa è lecita o no, ma Microsoft avrebbe comunque dovuto cancellarlo. In base a cosa?


In base al fatto che LibreOffice è notoriamente un software gratuito, e ll fatto che si cerchi di farlo pagare è già qualcosa che puzza: cosa che è lecito aspettarsi - se qualcuno controlla qualcosa.
E non cancellarlo: non approvarlo, visto che si suppone che i controlli sullo Store siano strettissimi.

Originariamente inviato da: AlPaBo
Contiene virus? No.


E chi lo dice, tu? Per quale motivo dovremmo supporre che il software sia stato controllato in qualche modo, se mancano ii controllo basilari su un software così noto?

Originariamente inviato da: AlPaBo
Viola i diritti d'autore? Non si sa.


Quindi mettiamo tutta la spazzatura che arriva, e poi controlliamo se è lecita o meno? Sarebbe questo la modalità di controllo dello Store per avere applicazioni "sicure"?

Originariamente inviato da: AlPaBo
Stai cercando una scusa per parlare male di Microsoft a tutti i costi? Ah, già, forse questo.


O forse sei tu che stai cercando di difendere Microsoft a tutti i costi? D'altronde quando si ha la mentalità da stadio le possibilità che si vedono sono sempre e solo 2.
GmG24 Luglio 2018, 18:46 #6
Originariamente inviato da: AlPaBo
Quindi, neppure la fondazione ha deciso se la mossa è lecita o no, ma Microsoft avrebbe comunque dovuto cancellarlo. In base a cosa?
Contiene virus? No.
Viola i diritti d'autore? Non si sa.
Stai cercando una scusa per parlare male di Microsoft a tutti i costi? Ah, già, forse questo.


Usa il nome LibreOffice senza aver il benestare della fondazione.
Riceve donazioni che non vanno alla fondazione ma all'autore.

Già questo per me basta
s-y24 Luglio 2018, 19:12 #7
oggettivamente cmq non è semplice, da una parte devono tenere chiuso in modo da evitare abusi, dall'altra invogliare gli sviluppatori e la gente ad usarlo. sono due strategie contrapposte.

certamente questo caso non fa trapelare che il controllo sia capillare
matrix8324 Luglio 2018, 23:40 #8
Originariamente inviato da: giuliop
In base al fatto che LibreOffice è notoriamente un software gratuito, e ll fatto che si cerchi di farlo pagare è già qualcosa che puzza


Originariamente inviato da: GmG
Usa il nome LibreOffice senza aver il benestare della fondazione.
Riceve donazioni che non vanno alla fondazione ma all'autore.

Già questo per me basta


Non vuol dire nulla, un software opensource, specie con licenza di tipo GPL e similari, può benissimo essere rivenduto se si vuole. L'unico obbligo che hai è di rilasciare i sorgenti. E non devono manco essere donazioni, puoi benissimo farti pagare normalmente.

Cito dalla GPL:
La GPL mi permette di vendere copie del programma a scopo di lucro? (#DoesTheGPLAllowMoney)
Sì, la GPL permette a chiunque di farlo. Il diritto di vendere copie è parte della definizione di software libero. Salvo un caso particolare, non ci sono particolari vincoli sul prezzo. (L'unica eccezione riguarda l'offerta di fornire codice sorgente che deve essere necessariamente allegata per iscritto ad una distribuzione di eseguibili priva di sorgenti).

Se distribuisco software GPL a pagamento, devo anche renderlo disponibile pubblicamente in modo gratuito? (#DoesTheGPLRequireAvailabilityToPublic)
No. Tuttavia, se qualcuno paga per averne una copia, la GPL gli dà la libertà di renderlo pubblico, a pagamento o gratuitamente. Per esempio, qualcuno potrebbe pagarlo a voi e poi metterne a disposizione una copia su un sito web pubblico.

Se uso un programma che ho ottenuto sotto GNU GPL, sono autorizzato a modificare il codice sorgente in un nuovo programma e quindi a distribuire e vendere il nuovo programma? (#GPLCommercially)
Si è autorizzati a vendere copie del programma modificato, ma solo sotto i termini della GNU GPL. Così, per esempio, si deve rendere disponibile il codice sorgente agli utenti e loro devono essere autorizzati a ridistribuirlo e a modificarlo come descritto dalla GPL.


Libreoffice utilizza la MPL 2.0, che è una licenza copyleft, praticamente simile se non quasi identica alle GPL.
GmG24 Luglio 2018, 23:45 #9
Originariamente inviato da: matrix83
Non vuol dire nulla, un software opensource, specie con licenza di tipo GPL e similari, può benissimo essere rivenduto se si vuole. L'unico obbligo che hai è di rilasciare i sorgenti. E non devono manco essere donazioni, puoi benissimo farti pagare normalmente.

Cito dalla GPL:


Libreoffice utilizza la MPL 2.0, che è una licenza copyleft, praticamente simile se non quasi identica alle GPL.


Con lo stesso nome del software originale ?
matrix8325 Luglio 2018, 00:00 #10
Originariamente inviato da: GmG
Con lo stesso nome del software originale ?

Questo non l'ho cercato, non saprei. Ma qua non vedo commenti riguardo al nome, che eventualmente si cambia in due secondi, ma solo sul fatto che lo fanno pagare. Il che è perfettamente legale.
Credo che se il nome violasse qualcosa, la foundation non avrebbe detto che deve fare ricerche per capire se va bene. Immagino sappia a prescindere se il nome può essere usato o meno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^