Repository GitHub privati illimitati ora gratuiti per tutti gli utenti

Repository GitHub privati illimitati ora gratuiti per tutti gli utenti

GitHub annuncia un cambiamento semplce ma sostanziale nella propria offerta: l'azienda offrirà ora la possibilità per chiunque di creare un numero illimitato di repository privati

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Software
 

GitHub, tramite l'amministratore delegato Nat Friedman, ha annunciato che permetterà d'ora in poi a tutti gli utenti di creare un numero illimitato di repository privati. La novità è significativa, dal momento che tale possibilità era prima riservata solo agli utenti paganti.

La possibilità di creare repository privati per chiunque, con il solo limite di tre collaboratori massimi, apre a GitHub un numero più elevato di possibili utenti interessati al servizio, ma che preferiscono non rendere il proprio codice accessibile al pubblico. In questo campo dunque GitHub si allinea alla concorrenza, principalmente costituita da BitBucket di Atlassian.

Difficile stimare l'impatto di questa scelta: da un lato, GitHub potrebbe vedere un numero magiore di progetti e utenti operare sulla piattaforma; dall'altro, alcuni progetti finora accessibili potrebbero esser resi privati - una perdita per la comunità, che non potrà più ispirarsi a tali progetti.

Un ulteriore cambiamento apportato riguarda l'offerta per l'utenza aziendale: GitHub Enterprise riunirà ora sotto uno stesso prodotto sia GitHub Enterprise Cloud che GitHub Enterprise Server  (precedentemente noti come GitHub Business Cloud e GitHub Enterprise).

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GTKM09 Gennaio 2019, 22:26 #1
Io uso Bitbucket proprio per la possibilità di avere repository privati gratuitamente. Ottima notizia.
Phoenix Fire09 Gennaio 2019, 22:59 #2
il web si è riempito di meme a tal proposito, la notizia l'ho appresa da li prima che da qui, bah

tornando IT, ottima notizia, parto io col flame
"dove sono gli hater di ms? Guardate che bravi "
emiliano8410 Gennaio 2019, 07:47 #3
non mi meraviglio visto che su azure devops (ex visual studio team services) lo sono sempre stati, insieme a CI/CD e tanto altro... gratis fino a 5 progetti e 5 collaboratori per progetto
jepessen10 Gennaio 2019, 10:25 #4
Ho sempre utilizzato Azure Devops (prima Visual Studio Online) per gestire i miei progetti privati. Hanno semplicemente uniformato la scelta, magari anche per venire incontro a chi preferisce repository privati hostati su altre piattaforme come bitbucket.

Ho appena provato a fare un repository privato, e come mi aspettavo ci sono restrizioni analoghe a devops, come ad esempio il numero di collaboratori limitato, che su github e' pari a tre. Mancano delle cose, come le Wikis e le Pages, che puoi ottenere se paghi (o rendi il repository pubblico).

In definitiva quindi non mi pare di vedere niente di stravolto rispetto a quanto gia' facevano con il loro altro sistema; puoi avere un repository privato e limitato per progetti personali, se lo usi per lavoro allora il servizio e' limitato e devi pagare per poter accedere a tutte le funzionalita'.

Mi sembra un buon compromesso, ma personalmente se dovessi pagare un servizio preferirei di gran lunga utilizzare Azure Devops, che ha una barcata di funzionalita' in piu', come il continue delivering, una gestione seria delle issue, Kanban, automated testing etc etc...
emiliano8410 Gennaio 2019, 10:29 #5
Originariamente inviato da: jepessen
Ho sempre utilizzato Azure Devops (prima Visual Studio Online) per gestire i miei progetti privati. Hanno semplicemente uniformato la scelta, magari anche per venire incontro a chi preferisce repository privati hostati su altre piattaforme come bitbucket.

Ho appena provato a fare un repository privato, e come mi aspettavo ci sono restrizioni analoghe a devops, come ad esempio il numero di collaboratori limitato, che su github e' pari a tre. Mancano delle cose, come le Wikis e le Pages, che puoi ottenere se paghi (o rendi il repository pubblico).

In definitiva quindi non mi pare di vedere niente di stravolto rispetto a quanto gia' facevano con il loro altro sistema; puoi avere un repository privato e limitato per progetti personali, se lo usi per lavoro allora il servizio e' limitato e devi pagare per poter accedere a tutte le funzionalita'.

Mi sembra un buon compromesso, ma personalmente se dovessi pagare un servizio preferirei di gran lunga utilizzare Azure Devops, che ha una barcata di funzionalita' in piu', come il continue delivering, una gestione seria delle issue, Kanban, automated testing etc etc...


anche la versione gratis di azure devops, offre di piu' di github free ... poi lo vedo tutto piu' integrato, per esempio github per il ci/cd devi andare su azure pipeline
GTKM10 Gennaio 2019, 11:37 #6
Mi vergogno a dirlo ma, solo adesso ho scoperto Azure DevOps. Davvero interessante.
jepessen10 Gennaio 2019, 11:40 #7
Originariamente inviato da: emiliano84
anche la versione gratis di azure devops, offre di piu' di github free ... poi lo vedo tutto piu' integrato, per esempio github per il ci/cd devi andare su azure pipeline


Eeehhhh ma Microzozz e' il male e fa skifo!!1!!1!1!!1 Pensa solo a li soldi!!!!

Invece tutti gli altri non pensano ai soldi, sono associazioni no profit che ti danno spazio di hosting per la gloria…

La verita' e' che Microsoft ha servizi migliori, e che I pincopallino qualsiasi che vogliono tutto aggratise vanno da altre parti perche' semplicemente non hanno l'intelligenza per capire certe cose. Chi caccia i soldi invece fa delle scelte ponderate ed e' per questo motivo che Azure e' molto quotato come servizio, con tutti gli altri, come appunto devops che personalmente reputo il migliore sulla piazza.

Fra I servizi gratuiti invece si sceglie quello che e' di moda, e Microsoft non lo e' secondo molti perche' ha avuto un passato closed source, quindi viva l'open perche' puoi avere le cose senza pagarle (figurati se la maggioranza contribuisce ai progetti, o anche solo sappia compilarli).

Poi a me ha fatto veramente ridere la migrazione dei repository su altri sistemi quando Microsoft ha acquisito GitHub.

Mi ricordo anche che si era scoperto che bitbucket era hostato su Azure, e appena scoperto si erano subito scusati e avevano detto che era solo una cosa temporanea e si erano messi in fretta e furia a passare al cloud di Google, come se:

[LIST=1]
[*] Google fosse un'associazione benefica no profit piu' buona di Microsoft
[*] Microsoft avesse acquisito GitHub per prendere la proprieta' di tutto il codice hostato e ODDIO usano il mio codice!!! Come se non fosse questo lo scopo dell'open source e dei repository pubblici.
[/LIST]

Infine guardi meglio e vedi che robetta come .NET e altre cose di poco conto sono open source e hostate proprio su GitHub, ma ehi, se e' Microsoft fa cagare!!! Loro fanno open source per profitto, non come gli altri! Google e' il bene perche' condivide il suo codice!!! Poi gli chiedi quali sono gli algoritmi del motore di ricerca, ad esempio, o rendere pubblico il codice di youtube, e magicamente non si puo' fare, ma se loro non rendono pubblico il codice del loro core va bene, se non lo rende pubblico Microsoft non va bene...

E ste guerre le fanno programmatori che dovrebbero avere un certo livello culturale, perche' non e' che programmi senza avere un background, ma probabilmente sbaglio e la colpa e' di tutti sti framework e linguaggi moderni, a partire da PHP, che fa sentire bimbiminkia scafati hacker perche' riescono a scrivere un <?php echo "Hello World!<p>"; ?>, ovviamente solamente utilizzando PHPStorm, sia mia che gli dai un fetentissimo editor come VIM o anche Visual Studio Code (pure lui open source e cross platform fra l'altro, ma e' Microsoft quindi fa schifo).
jepessen10 Gennaio 2019, 12:12 #8
Originariamente inviato da: GTKM
Mi vergogno a dirlo ma, solo adesso ho scoperto Azure DevOps. Davvero interessante.


Perche' vergognarsi.. quante cose mi metto a conoscere ogni giorno che se avessi saputo prima mi avrebbero risolto una barcata di problemi. Gli unici che pensano di sapere tutto sono gli ignoranti...
emiliano8410 Gennaio 2019, 12:32 #9
penso (libero di sbagliarmi) che i problemi possano essere stati principalmente 2:
- che schifo MS
- l'avere utilizzato precedentemente nomi come "visual studio online" e "visual studio team services", facendo pensare a servizi compatibili esclusivamente con tecnologie MS

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^