Internet da 10 Mbps diventa un diritto legale nel Regno Unito

Internet da 10 Mbps diventa un diritto legale nel Regno Unito

Il Regno Unito renderà i 10 Mbps un diritto dei suoi cittadini, preferendo l'approccio normativo a un investimento di 600 milioni di sterline

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale TLC e Mobile
 

Negli scorsi anni il governo britannico ha cercato di offrire una soglia minima di banda per l'accesso ad internet all'interno della nazione e dopo ripetuti tentativi ha annunciato oggi di aver stabilito che una connessione a banda larga da almeno 10 Mbps sarà di diritto per legge per i residenti del Regno Unito. Il tutto dopo ripetuti tentativi e con il fine di assicurare "l'accesso alla banda larga ad alta velocità per l'intera nazione entro il 2020".

Classificando la connessione internet da 10 Mbps come un diritto legale, i cittadini britannici potranno chiedere ai provider internet una connessione da 10 Mbps a casa propria, a prescindere dall'ubicazione della residenza. Chi risiede nelle zone rurali avrà lo stesso diritto degli abitanti delle grandi città ad avere una connessione ad internet rapida, dettaglio che fa parte dell'Universal Service Obligation (USO) del paese.

Prima di imporre l'USO come normativa regale, il Regno Unito aveva considerato una proposta commerciale di BT in cui il provider prometteva un investimento di 600 milioni di sterline per portare la connessione ad internet da 10 Mbps nelle aree rurali, tuttavia il piano finale del governo è più radicato e concettuale. In una nota divulgata pubblicamente le Autorità politiche locali hanno spiegato i motivi della decisione.

"Sappiamo quanto sia importante l'accesso alla banda larga per i privati e le aziende e vogliamo che tutti possano beneficiare di una connessione veloce e affidabile", sono state le parole del Segretario per la Cultura Karen Bradley. "Siamo grati a BT per la loro proposta ma abbiamo deciso che solo un approccio normativo avrebbe reso la banda larga ad alta velocità una realtà per tutti, a prescindere da dove si lavori o si abiti".

Il governo UK crede inoltre che questa opzione consenta "una certezza soddisfacente e l'esecutività legale necessaria per garantire che l'accesso alla banda larga diventi una realtà per tutto il Regno Unito entro il 2020". È chiaro che la tecnologia è in continua evoluzione, e al pari passo degli avanzamenti nelle tecniche di connessione il limite minimo oggi imposto a 10 Mbps verrà rimaneggiato nel corso del tempo, se necessario.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco21 Dicembre 2017, 16:47 #1
Perche' il governo Italiano, invece di estorcere i soldi del canone RAI ai cittadini per mantenere quel carrozzone pubblico, non lo investe nell'infrastruttura a banda larga?
zappy21 Dicembre 2017, 16:53 #2
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Perche' il governo Italiano, invece di estorcere i soldi del canone RAI ai cittadini per mantenere quel carrozzone pubblico, non lo investe nell'infrastruttura a banda larga?


primo il "canone" non è RAI ma servizio pubblico. qualunque privato può candidarsi a fare il servizio pubblico e ricevere i soldi del canone. (è notizia recente che Cairo ci sta pensando)

secondo, lo stato italiano finanzia con alcuni miliardi i bandi infratel che porteranno 1Gbit FTTH a parecchie persone (100 volte + veloce di quanto faranno in UK).

invece di sparare ca##ate ed usare termini quali "estorsione", converrebbe tacere.
Sputafuoco Bill21 Dicembre 2017, 17:05 #3
Gran cavolata. Non esiste il diritto ad aver internet, così come non esiste il diritto al lavoro. Esiste il diritto di cercarlo, di crearlo, di accettarlo ma non è un atto dovuto che qualcuno ti deve dare per forza.
nickmot21 Dicembre 2017, 17:37 #4
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Gran cavolata. Non esiste il diritto ad aver internet, così come non esiste il diritto al lavoro. Esiste il diritto di cercarlo, di crearlo, di accettarlo ma non è un atto dovuto che qualcuno ti deve dare per forza.


Elettricità, acqua, telefono.
Tutta roba per la quale hai il DIRITTO di essere servito, questa legge semplicemente aggiorna l'elenco dei servizi considerati fondamentali aggiungendo una connessione dignitosa.

Non vedo come si possa essere contrari.
Mparlav21 Dicembre 2017, 17:39 #5
Posta in quei termini quella legge, sembra che chiunque ha sì diritto di ricevere un collegamento a 10Mbs ed il fornitore non può negarglielo, ma non dice quanto potrebbe costargli.
nickmot21 Dicembre 2017, 17:53 #6
Originariamente inviato da: Mparlav
Posta in quei termini quella legge, sembra che chiunque ha sì diritto di ricevere un collegamento a 10Mbs ed il fornitore non può negarglielo, ma non dice quanto potrebbe costargli.


Ma non pone nemmeno vincoli di tecnologia.

10Mbps in LTE, HSDPA o HyperLAN li porti abbastanza bene ovunque.
SpyroTSK21 Dicembre 2017, 22:59 #7
Originariamente inviato da: zappy
primo il "canone" non è RAI ma servizio pubblico. qualunque privato può candidarsi a fare il servizio pubblico e ricevere i soldi del canone. (è notizia recente che Cairo ci sta pensando)

https://it.wikipedia.org/wiki/Canon...e_delle_entrate

Originariamente inviato da: zappy
secondo, lo stato italiano finanzia con alcuni miliardi i bandi infratel che porteranno 1Gbit FTTH a parecchie persone (100 volte + veloce di quanto faranno in UK).

sì, bene, guarda bene la mappa e poi dimmi se non è l'ennesima presa per il culo.
http://openfiber.it/fibra-ottica/ar...ertura-infratel

Ci sono solo 6 regioni dove guarda caso tutti i puntini portano in grandi città.
Ma che caso!
edit: ah il tutto finirà nel 2022 salvo che finiscano i soldi prima per colpa di qualche dirigente con stipendio milionario che darà il lavoro a terzi quali parenti stretti o amici dei cugini della moglie dell'amico che per lavorare ha truccato il preventivo del concorso.*sarcasmo style* perché giustamente in italia funziona così. *sarcasmo style*

Originariamente inviato da: zappy
invece di sparare ca##ate ed usare termini quali "estorsione", converrebbe tacere.


Purtroppo bastava andare su google per evitare di scrivere altre fesserie.
Mparlav22 Dicembre 2017, 09:16 #8
Originariamente inviato da: nickmot
Ma non pone nemmeno vincoli di tecnologia.

10Mbps in LTE, HSDPA o HyperLAN li porti abbastanza bene ovunque.


Sì, tecnicamente parlando.
Se stessimo parlando solo del piccolo comune di qualche centinaio d'abitanti, il problema te lo devono risolvere, anche se costoso, ma almeno è spalmato tra più utenti.

Ma quando sei in mezzo alla campagna scozzese e non hai un collegamento in fibra o un ripetitore 4G (o 5G in futuro) a portata e ti dicono che per allacciarti in fibra serve un impianto ad hoc di qualche centinaio/migliaio di metri o un ripetitore in più, roba di qualche migliaio di £, se sei un'azienda puoi farlo, ma un privato, molto probabilmente no.
zappy22 Dicembre 2017, 09:29 #9
Originariamente inviato da: SpyroTSK
https://it.wikipedia.org/wiki/Canon...e_delle_entrate

sì, bene, guarda bene la mappa e poi dimmi se non è l'ennesima presa per il culo.
http://openfiber.it/fibra-ottica/ar...ertura-infratel

Ci sono solo 6 regioni dove guarda caso tutti i puntini portano in grandi città.
Ma che caso!
edit: ah il tutto finirà nel 2022 salvo che finiscano i soldi prima per colpa di qualche dirigente con stipendio milionario che darà il lavoro a terzi quali parenti stretti o amici dei cugini della moglie dell'amico che per lavorare ha truccato il preventivo del concorso.*sarcasmo style* perché giustamente in italia funziona così. *sarcasmo style*

Purtroppo bastava andare su google per evitare di scrivere altre fesserie.

1) uno che si basa solo su wikipedia per argomentare le sue tesi non è degno di risposta. informati meglio. Wikipedia è notoriamente scritta da gente che capisce poco degli argomenti che scrive, quando non è fanboy di questo o quello, con tutte le conseguenze del caso.
2) la mappa riguarda solo il 1° bando. Ma forse pure qua non sai di che stai parlando. I comuni di Curiglia con Monteviasco o di San Godenzo sono notissime "grandi città" note in ogni angolo del mondo a qualunque essere vivente, comprese amebe e batteri... toh, saranno coperti da OF...
3)sarcasmo da bar sport a parte, è una concessione di servizio, ma forse non sai che vuol dire e cosa c'entrano i "soldi che finiscono" lo sai solo tu. Più facile ripetere a pappagallo le solite frasi fatte, non ci son più le mezze stagioni, si stava meglio quando si stava peggio.
s0nnyd3marco22 Dicembre 2017, 09:48 #10
Originariamente inviato da: zappy
primo il "canone" non è RAI ma servizio pubblico. qualunque privato può candidarsi a fare il servizio pubblico e ricevere i soldi del canone. (è notizia recente che Cairo ci sta pensando)

secondo, lo stato italiano finanzia con alcuni miliardi i bandi infratel che porteranno 1Gbit FTTH a parecchie persone (100 volte + veloce di quanto faranno in UK).

invece di sparare ca##ate ed usare termini quali "estorsione", converrebbe tacere.


Dai per favore vuoi dirmi che c'e' una reale alternativa al carrozzone RAI? Senza contare che e' un servizio pubblico a cui molti italiani rinuncerebbero volentieri, ma purtroppo non e' possibile farlo. Perche' la RAI non fa come i vari canali premium e da una card/account con cui guardare solo ai abbonati? Io non darei un centesimo se potessi alla RAI. Fosse per me sarebbe gia' chiusi.

FTTH??? HAHAHHAHAHA dai fai una statistica di quanti hanno FTTH? Credo che la maggior parte degli italiani abbia ancora adsl 7mb reali.

Un servizio a cui non posso rinunciare lo chiamo estorsione. Punto. Non stiamo parlando di servizi indispensabili (polizia, pompieri, sanita' etc) ma di televisione. La tecnologia si e' aggiornata e la TV non e' piu' l'unico mezzo di informazione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^