Microsoft e nuove licenze VDI per ostacolare iOS e Android nel campo enterprise

Microsoft e nuove licenze VDI per ostacolare iOS e Android nel campo enterprise

Microsoft modifica le licenze Software Assurance introducendo una nuova opzione per l'uso di ambienti virtualizzati su tablet non-Windows

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale TLC e Mobile
AndroidMicrosoftWindowsiOSApple
 

L'ingresso sul mercato di Windows 8 ed in particolare l'atteso debutto delle soluzioni tablet basate sul nuovo sistema operativo Microsoft ha spinto l'azienda di Redmond ad apportare alcune variazioni allo schema delle licenze nel contesto Software Assurance (SA) per l'ambito enterprise

In particolare Microsoft ha annunciato l'introduzione di una nuova licenza, aggiuntiva e opzionale a SA, denominata Companion Device License che gli utenti enterprise necessiteranno nel caso in cui debbano impiegare applicazioni di desktop virtualization su tablet non Windows.

CDL consente infatti di impiegare, dietro pagamento di un dazio aggiuntivo non ancora definito, software di virtualizzazione per l'accesso ad un corporate desktop tramite VDI (Virtual Desktop Infrastructure) su un numero massimo di quattro dispositivi non Windows.

La nuova licenza opzionale CDL non interessa i tablet Windows RT, ovvero le future soluzioni sviluppate su piattaforma ARM, dal momento che in questi sistemi sarà compresa la licenza Windows RT Virtual Desktop Access che garantirà la possibilità di accedere pienamente ad un'immagine VDI.

La mossa di Microsoft è già stata considerata come un tentativo di mettere i bastoni fra le ruote alla concorrenza, rendendo più costoso l'impiego di dispositivi tablet non-Windows nel campo enterprise e limitandone così l'adozione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
efrite1524 Aprile 2012, 17:44 #1
Io invece sono d'accordo, è un modo di valorizzare i loro dispositivi!!!
Di fatti stanno spendendo cifre esorbitanti per questi sistemi, vuoi usare la mia tecnologia su una piattaforma non mia? Paghi! Mi pare logico... cerchiamo di vederla anche dal loro punto di vista, non sono mica una ONLUS!!! E non penso chiederanno comunque 200euro a licenza...
Family Guy24 Aprile 2012, 19:01 #2
Originariamente inviato da: Veradun
per quale motivo devo anche pagare una licenza, visto che quella del s.o. della macchina virtuale gia' l'ho pagata?

Perché hai sottoscritto una "licenza d'uso", non hai acquistato un software (anche se è questo quello che ti vogliono far credere...)

Purtroppo in questo ambito siamo ancora all'epoca del "far west" e/o "legge della giungla"... speriamo nei prossimi legislatori... che siano meno corrotti
Family Guy24 Aprile 2012, 19:13 #3
Originariamente inviato da: Veradun
Appunto, quante volte devo pagare per l'uso?

Tutte le volte che il detentore dei diritti ti chiede...
s0nnyd3marco24 Aprile 2012, 20:37 #4
Originariamente inviato da: efrite15
Io invece sono d'accordo, è un modo di valorizzare i loro dispositivi!!!
Di fatti stanno spendendo cifre esorbitanti per questi sistemi, vuoi usare la mia tecnologia su una piattaforma non mia? Paghi! Mi pare logico... cerchiamo di vederla anche dal loro punto di vista, non sono mica una ONLUS!!! E non penso chiederanno comunque 200euro a licenza...


Sai sono d'accordo con te. Che facciano pagare pure. Cosi finalmente si svilupperanno delle alternative e favorira' la concorrenza. Chiudersi in se stessi e castrare l'interoperabilita' e' sempre una pessima idea, anche per chi gode di una posizione di monopolio.

Non per ripetermi, ma Microsoft non cambiera' mai...
NickNaylor25 Aprile 2012, 00:54 #5
È semplicemente abuso di posizione dominante.
LMCH25 Aprile 2012, 01:50 #6
A quanto sembra Microsoft si fida troppo della sua posizione dominante ...
dimenticandosi di quello che successe ad IBM quando si fidò troppo
(ma del resto la maggior parte dei dirigenti di Microsoft di quel periodo ormai sono tutti in pensione o passati ad altre aziende).
s0nnyd3marco25 Aprile 2012, 09:30 #7
Originariamente inviato da: NickNaylor
È semplicemente abuso di posizione dominante.


Anche in questo campo...
!fazz25 Aprile 2012, 17:27 #8
lo trovo semplicemente vergognoso aggiungere un ulteriore licenza oltre alle (non poco economiche ) licenze che si pagano per citrix, vmware ecc ecc penso che i cloud aziendali rimarranno sul 2008 r2 per un bel pò di tempo
NWEvolution26 Aprile 2012, 21:27 #9
Anti-Trust in 3... 2... 1...
Family Guy26 Aprile 2012, 21:39 #10
(stavolta) non credo c'entri l'antitrust in quanto microsoft non mi sembra in posizione dominante né per i server né per i tablet

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^