offerte prime day amazon

TIM e Open Fiber insieme per l'espansione della fibra ottica in Italia?

TIM e Open Fiber insieme per l'espansione della fibra ottica in Italia?

L'operatore telefonico leader in Italia ha dichiarato, per bocca dell'ad Amos Genish, di essere aperta ad un'eventuale collaborazione con Open Fiber sulla FTTH

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale TLC e Mobile
TIMEnel
 

Quella annunciata da Amos Genish lo scorso mercoledì all'interno di un incontro orqanizzato con la stampa potrebbe essere una notizia importantissima per l'evoluzione delle reti a banda ultra-larga in Italia. L'amministratore delegato di TIM ha infatti annunciato una possibile apertura nel dialogo per l'integrazione delle reti proprietarie con quelle di Open Fiber, valutando naturalmente in maniera attenta le possibilità di monetizzare per entrambe le parti da un simile accordo.

Secondo Genish ci potrebbero essere grossi vantaggi nell'integrare le reti, soprattutto considerando i grossi investimenti pluriennali per l'installazione della FTTH, e la scarsa domanda che c'è ad oggi nello Stivale: "Siamo più che aperti a partecipare ad un dialogo su una combinazione del genere", sono state le sue parole. E secondo varie indiscrezioni tali dialoghi ci sono già stati con alcuni azionisti di Cassa Depositi e Prestiti ed Enel, e adesso la prossima mossa spetta a loro. 

La collaborazione tuttavia è esclusivamente per le connessioni in fibra fino alle case dei consumatori, con il resto della rete che rimarrà intoccata. Attualmente TIM sta lavorando per scorporare l'infrastruttura di rete inserendola all'interno di una compagnia separata, NetCo, ma controllata dalla stessa TIM. Secondo le voci, sempre citate da Reuters, la compagnia starebbe però valutando ulteriori opzioni per la controllata, come ad esempio la quotazione e la vendita di azioni.

Durante l'incontro con i giornalisti Genish ha anche parlato dell'arrivo in Italia di Iliad, descrivendo la sua strategia come "aggressiva", ma "non rivoluzionaria". L'operatore francese non avrebbe intaccato l'autorevolezza e le quote di mercato del leader, quindi, e in più utilizzerebbe un metodo forse poco legittimo per la diffusione delle SIM e l'autenticazione del cliente. Intanto TIM ha risposto con diverse proposte commerciali anti-Iliad e non è forse questa una (piccola) rivoluzione?

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

50 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
OUTATIME22 Giugno 2018, 10:40 #1
Che prima mollino la rete, poi ha senso parlarne.
E comunque mi sembra di capire che l'alleanza riguardi la parte privata di Open Fiber.
+Benito+22 Giugno 2018, 10:44 #2
che menata con queste sim....quanti milioni ne esistono in circolazione intestate a tizio caio nato a roma lo 01/01/1901? Sono patetici...
elgabro.22 Giugno 2018, 10:51 #3
Che senso ha la separazione della rete telecom se poi rimane sempre in mano a telecom? La rete deve tornare di proprietà dello stato.
OUTATIME22 Giugno 2018, 10:53 #4
Originariamente inviato da: elgabro.
Che senso ha la separazione della rete telecom se poi rimane sempre in mano a telecom? La rete deve tornare di proprietà dello stato.

Tim si tiene il rame e caccia fuori la fibra.
L'unica cosa che ha senso è la separazione dell'infrastruttura, alleanza con OF per una società di servizi wholesale, e avanti con la fibra.

Inoltre è da chiarire come tutto ciò eventualmente si integrerebbe con la parte di infrastruttura che OF ha solamente in gestione.
Hoolman22 Giugno 2018, 11:05 #5
e certo, una volta disponibile la FTTH di qualcun altro, il rame di TIM avrebbe valore zero, quindi meglio scorporare adesso e/o cercare di rimanere dentro il business.
Senza contare che mezza Italia è incattivita con TIM per decenni di linee schifose e prezzi alti, fino a quando non c'è scelta ok, ma appena si può, via!
E i pensionati che tengono il telefono fisso non sono eterni....

La rete di TIM non deve tornare dello stato adesso, sarebbe un ennesimo regalo a TIM! Lo stato la sta facendo ex-novo, con i bandi di Open Fiber, che si tenga TIM il suo vecchiume...
OUTATIME22 Giugno 2018, 11:08 #6
Originariamente inviato da: Hoolman
La rete di TIM non deve tornare dello stato adesso, sarebbe un ennesimo regalo a TIM! Lo stato la sta facendo ex-novo, con i bandi di Open Fiber, che si tenga TIM il suo vecchiume...

Lo Stato la sta facendo ex novo solo nelle aree bianche.
Finchè le cose saranno così ci sarà sempre qualcuno in balìa degli operatori telefonici.
elgabro.22 Giugno 2018, 11:22 #7
Originariamente inviato da: OUTATIME
Lo Stato la sta facendo ex novo solo nelle aree bianche.
Finchè le cose saranno così ci sarà sempre qualcuno in balìa degli operatori telefonici.


Appunto, tra l'altro il problema non sono neppure le aree bianche, il problema sono le aree grigie dove la FTTH la vedranno con il binocolo e si devono accontentare del rame marcio della telecom pagandolo a peso d'oro.

Questa cosa di non poter portare una rete statale dove è presente già un operatore privato è una cavolata pazzesca, la legge deve cambiare, che sia una legge italiana o europea deve cambiare.
matrix8322 Giugno 2018, 11:23 #8
Originariamente inviato da: Hoolman
e certo, una volta disponibile la FTTH di qualcun altro, il rame di TIM avrebbe valore zero, quindi meglio scorporare adesso e/o cercare di rimanere dentro il business.

Spero vivamente che chi avrà diritto di parola quando verrà tentato tutto ciò glielo farà capire.
Wonder22 Giugno 2018, 11:32 #9
La scarsa domanda che c'è nello stivale???
Mettetemi sta FTTH e vi faccio vedere io
zappy22 Giugno 2018, 11:35 #10
Originariamente inviato da: elgabro.
Appunto, tra l'altro il problema non sono neppure le aree bianche, il problema sono le aree grigie dove la FTTH la vedranno con il binocolo e si devono accontentare del rame marcio della telecom pagandolo a peso d'oro.

imho non è questione di rame, marcio o non marcio di fibra o di piccione viaggiatore. il problema è che tim ha ancora il monopolio di fatto in certe aree.
per il resto pienamente d'accordo.
Questa cosa di non poter portare una rete statale dove è presente già un operatore privato è una cavolata pazzesca, la legge deve cambiare, che sia una legge italiana o europea deve cambiare.

non credo ci sia nessuna legge nè alcun divieto. semplicemente la rete fatta coi bandi infratel è finanziata dall'Europa e quindi non può fare concorrenza ai privati.
però imho andrebbe rispettata la consultazione 2015, non come sta succedendo che tim scava 10 cm di strada 10 minuti prima che arrivi OF, e questo blocca OF. questo è inammissibile.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^