TIM modifica i costi di disattivazione della linea dal 1 luglio 2018: ecco i nuovi prezzi

TIM modifica i costi di disattivazione della linea dal 1 luglio 2018: ecco i nuovi prezzi

Insieme ai costi aumentati di alcune tariffe di rete fissa TIM ha modificato le strategie sui costi di disattivazione. I cambiamenti verranno applicati a partire dal 1° Luglio 2018. Nella pagina trovate tutte le novità

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale TLC e Mobile
TIM
 

È periodo di rimodulazioni in TIM e, dopo aver aumentato il prezzo di alcune tariffe di rete fissa, l'operatore telefonico sta pianificando la modifica dei costi di disattivazione della linea fissa. La novità verrà applicata a partire dal 1 Luglio 2018 e non si tratta solo di un aumento, ma di un'operazione con cui l'operatore intende "eliminare la differenziazione" fra i costi di disattivazione delle linee Fibra e quelle Solo Voce e ADSL.

In passato si pagava 99€ per le linee fibra e 35,18€ per quelle Solo Voce e ADSL, mentre a partire dal prossimo 1° Luglio 2018 i costi diventeranno identici per le due tipologie di offerte, 49€, mentre ci sarà la possibilità di pagare 35€ in caso di passaggio ad altro operatore. Riassumiamo i costi qui di seguito per una migliore comprensione:

  • Costi per la disattivazione della linea Fibra e della linea Solo Voce e ADSL: 49€
  • Costi per il passaggio ad altro operatore: 35€

Per chi disattiva una linea in fibra ottica, quindi, c'è una consistente diminuzione dei costi, mentre c'è un lieve aumento per quanto riguarda le disattivazioni delle linee tradizionali o ADSL. La nuova formalizzazione dei costi per il passaggio ad altro operatore consente inoltre di risparmiare sull'operazione, che fino ad oggi è stata considerata come una semplice disattivazione della linea.

TIM offre ad ogni utente il diritto di recedere dal contratto o di passare ad altro operatore senza penali, né costi di disattivazione, dandone comunicazione entro il 30 giugno: "Se sulla tua linea sono in corso pagamenti rateali, (es. modem, TV, etc.), puoi scegliere se continuare a pagare le rate fino alla scadenza o saldare le rate residue in unica soluzione, specificando la richiesta nella comunicazione di recesso", si legge poi nella nota ufficiale rilasciata dall'azienda.

La richiesta può essere effettuata nell'Area Clienti MyTIM Fisso, per posta, via PEC, chiamando il Servizio Clienti o recandosi presso un negozio TIM diretto.

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

52 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Arioch22 Maggio 2018, 12:12 #1
Sono fortunati che nella mia zona non c'è un'alternativa valida: per la fibra 30 sono passato dai 29,90 ai 45 al mese, che diventeranno 47,5 a partire dal 1 luglio...
thresher325322 Maggio 2018, 12:13 #2
Furbissimi, sono in pochi a disattivare la fibra, ma progressivamente saranno sempre di più quelli che disattiveranno l'ADSL, un altro ottimo modo per aumentare i guadagni facendoli sembrare un vantaggio.
MIKIXT22 Maggio 2018, 12:20 #3
35€ per passare ad altro operatore? ma è legale?
Saturn22 Maggio 2018, 12:24 #4
Originariamente inviato da: MIKIXT
35€ per passare ad altro operatore? ma è legale?


Sicuramente l'AGCOM stabilirà di no tra dieci anni e sanzionerà con un "multone" pari allo 0,0000000000001% degli introiti annualli. Efficacia allo stato puro !
demon7722 Maggio 2018, 12:29 #5
Sti ladri ci hanno provato a fottermi CENTO EURO per schiacciare un tasto su un server quando mi sono liberato di loro.
Non gli ho dato una lira.. mi sono corsi dietro per mesi con i call center rumeni che minacciavano di tutto e di più.. mi son fatto delle gran risate.

L'ultima volta mi hanno detto che mi mettono sulla "lista nera". Che dispiacere terribile.
elgabro.22 Maggio 2018, 12:43 #6
Open Fiber ci vuole Open Fiber, spero che il nuovo governo acceleri la posa della fibra.
matrix8322 Maggio 2018, 12:44 #7
Originariamente inviato da: demon77
Sti ladri ci hanno provato a fottermi CENTO EURO per schiacciare un tasto su un server quando mi sono liberato di loro.
Non gli ho dato una lira.. mi sono corsi dietro per mesi con i call center rumeni che minacciavano di tutto e di più.. mi son fatto delle gran risate.

L'ultima volta mi hanno detto che mi mettono sulla "lista nera". Che dispiacere terribile.

La lista "nera" non è una cosa da poco. Non vale solo per loro ma per qualsiasi azienda nazionale. Per dire, in lista nera ti possono anche negare allacci enel o gas.
Domenik7322 Maggio 2018, 12:48 #8
Secondo il decreto Bersani non sarebbe dovuta alcuna spesa che non corrisponda ad un costo reale per l'operatore: "Dando disdetta o facendo un recesso anticipato, il cliente non deve versare al fornitore di servizi (telefonia, ADSL, Pay TV, quindi comprese anche Sky e Mediaset Premium) alcuna penale, ma solo i cosiddetti “costi di gestione dell’operatore” che, nello specifico, sono spese reali che il gestore sopporta per operazioni quali la disattivazione del servizio o il trasferimento dell’utenza."
Io mi chiedo, com'è possibile che, fino a ieri, telecom sostenesse per la fibra una cifra più che doppia rispetto ad altri operatori, considerando che anche questi, lo sappiamo tutti, non sostengano alcuna spesa reale, né, tanto meno, giustificata.
Growan22 Maggio 2018, 13:04 #9
Legale o no c'è la prendiamo sempre nel c... noi...

L'AGCOM dovrebbe far rimborsare noi poveri cristi, o far abbassare i costi; fare multe ad aziende che ne guadagnano il triplo, se non di più, non serve assolutamente a nulla...

Non cambierà mai niente, purtroppo, e lo si è visto con la fatturazione ed i costi aumentati; loro fanno le multe, e a noi continua ad aumentare tutto...

A me sembra quasi siano d'accordo, e fanno un po' di scena; chissà quante bustarelle...
demon7722 Maggio 2018, 13:09 #10
Originariamente inviato da: Domenik73
Secondo il decreto Bersani non sarebbe dovuta alcuna spesa che non corrisponda ad un costo reale per l'operatore: "Dando disdetta o facendo un recesso anticipato, il cliente non deve versare al fornitore di servizi (telefonia, ADSL, Pay TV, quindi comprese anche Sky e Mediaset Premium) alcuna penale, ma solo i cosiddetti “costi di gestione dell’operatore” che, nello specifico, sono spese reali che il gestore sopporta per operazioni quali la disattivazione del servizio o il trasferimento dell’utenza."
Io mi chiedo, com'è possibile che, fino a ieri, telecom sostenesse per la fibra una cifra più che doppia rispetto ad altri operatori, considerando che anche questi, lo sappiamo tutti, non sostengano alcuna spesa reale, né, tanto meno, giustificata.


Peccato che sempre lo stesso decreto preveda "a forfait" un costo di disattivazione di 35 euro per ADSL e 100 per la fibra.
Clausola che la cara Telecom ha pensato bene di sfruttare.

Pensa un po' il livello di demenza dei politici.

Quando la telecom li ha chiesti a me gli ho appunto risposto di farseli dare da Bersani.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^