TIM, multa Antitrust da 4,8 milioni per pubblicità ingannevole. L'operatore: ''sanzione infondata''

TIM, multa Antitrust da 4,8 milioni per pubblicità ingannevole. L'operatore: ''sanzione infondata''

Secondo l'AGCOM, l'offerta sulla fibra ottica è stata pubblicizzata senza informare completamente i consumatori su ulteriori servizi a pagamento. Secondo TIM il tutto è infondato per merito e quantificazione e ha pronto il ricorso al Tar.

di pubblicata il , alle 09:41 nel canale TLC e Mobile
TIM
 

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato TIM per pratica commerciale scorretta per quanto riguarda la pubblicità dell'offerta sulla Fibra ottica. Una multa che ammonta a ben 4.8 milioni di euro a cui TIM ha subito replicato dichiarando come la stessa sia "infondata per merito e quantificazione" e affermando come sia già "pronto il ricorso al Tar".

Perché TIM è stata multata dall'AGCOM?

Quello che viene contestato a TIM dall'AGCOM è la posizione che l'operatore ha preso nelle sue campagne pubblicitarie dell'offerta della Fibra nei confronti degli utenti. In particolare si legge nella spiegazione dell'Antitrust come "nelle campagne pubblicitarie inerenti l'offerta commerciale di connettività in fibra ottica (cartellonistica, sito web, below the line e spot televisivi), Telecom ha omesso di informare adeguatamente i consumatori circa le reali caratteristiche del servizio offerto e le connesse limitazioni (in particolare i limiti geografici di copertura delle varie soluzioni di rete, le differenze di servizi disponibili e di performance in funzione dell’infrastruttura utilizzata per offrire il collegamento in fibra). Le diverse campagne pubblicitarie oggetto del provvedimento hanno, inoltre, omesso o indicato in modo non sufficientemente chiaro che, per raggiungere le massime velocità pubblicizzate, fosse necessario attivare un’opzione aggiuntiva a pagamento. Tale circostanza ha, dunque, vanificato l’indicazione del prezzo dell’offerta contenuta nei claim principali".

Cosa significa questo? Secondo l'AGCOM, il comportamento di TIM ha fatto sì che il consumatore non sia stato messo nelle condizioni di ottenere tutti gli elementi caratterizzanti l'offerta e soprattutto l'uso del termine omnicomprensivo dell'offerta non è reale, visto che ci sono comunque alcuni servizi accessori da aggiungere. Non solo perché TIM, sempre secondo l'Antitrust, ha omesso le informazioni complete nei vari mezzi di comunicazione fornendole solo ed esclusivamente sul proprio sito web.

I 4.8 milioni di euro commissionati come sanzione dall'AGCOM, riguardano effettivamente "l'assenza di un'informazione chiara sulle caratteristiche e la qualità del servizio impedisce dunque al consumatore di prendere una decisione consapevole sull'acquisto dell’offerta in fibra. La condotta ingannevole e omissiva risulta assumere particolare rilievo in considerazione dell’importanza del settore economico interessato, caratterizzato da modelli di consumo ed esigenze degli utenti che stanno mutando radicalmente a fronte di una crescente offerta di servizi digitali".

La risposta da parte di TIM

TIM non ha esitato a rispondere a tali accuse ma sopratutto ha voluto dire la sua sulla multa commissionata dall'AGCOM. In tal caso l'azienda "ritiene del tutto infondata la decisione odierna dell’Autorità Antitrust sia nel merito sia nella quantificazione della sanzione, anche a fronte della fattiva collaborazione che l’azienda ha mostrato durante tutto l’iter del procedimento con l’accoglimento dei suggerimenti proposti dall’Autorità. Il provvedimento risulta lesivo e pregiudizievole dell’immagine e degli interessi di TIM e sarà pertanto impugnato dinanzi al TAR del Lazio".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexdal19 Marzo 2018, 09:55 #1
lo fanno piu' o meno tutti

fibra a 20 euro (per 12 mesi) poi
30 euro al mese più 5 per velocita' fibra piu' 5 per questo piu' 1 per quell'altro e la bolletta dopo 13 mesi arriva al doppio
cm0s19 Marzo 2018, 10:31 #2
Originariamente inviato da: alexdal
lo fanno piu' o meno tutti

fibra a 20 euro (per 12 mesi) poi
30 euro al mese più 5 per velocita' fibra piu' 5 per questo piu' 1 per quell'altro e la bolletta dopo 13 mesi arriva al doppio


il fatto che lo fanno tutti non preclude il fatto che non debba essere multata. io personalmente non sò se l'ammontare della multa sia corretto o meno, ma sicuramente questi comportamenti non sono molto corretti.
fraussantin19 Marzo 2018, 11:26 #3
Siamo alle solite . Agcom tira a far cassa.

Si le multe sono enormi , ma ci si dimentica sempre di risarcire idanneggiati.

Non era meglio imporre per tutta la durata del vincolo di elargire gratis i servizi i cui acosti erano occultati?
calabar19 Marzo 2018, 12:05 #4
Mi sa che a TIM conviene pagare: ho idea che ricorrendo spenderebbe di più in avvocati!

Ultimamente ho anche il dente un po' avvelenato con TIM, non è possibile che occorrano più di 28 euro al mese per una ormai pulciosa 7 megabit e che se vuoi la 20 mega da subito devi prendere il modem in comodato alla modica cifra di 5 euro per 48 rinnovi.
L'alternativa è la linea in wholesale con un paio di operatori minori... praticamente come darsi una martellata sui piedi.
GG16719 Marzo 2018, 13:09 #5
Con multe irrisorie come queste, agli operatori continuerà a convenire di ingannare i clienti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^