Wi-Fi gratis in tutta Europa, parte l'investimento da 120 milioni di euro

Wi-Fi gratis in tutta Europa, parte l'investimento da 120 milioni di euro

Fra il 2017 e il 2019 l'iniziativa WiFi4EU potrà contare su un bilancio iniziale di 120 milioni che favorirà l'installazione di dispositivi per il Wi-Fi nei "centri della vita comunitaria"

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale TLC e Mobile
 

Lo scorso lunedì le autorità dell'Unione Europea hanno detto sì ad un investimento iniziale di circa 120 milioni di euro per fornire connessione ad internet gratuita ad un massimo di circa 8.000 comunità locali nelle aree dei paesi membri in cui c'è scarsa copertura wireless. L'obiettivo è di consentire l'accesso ad alta velocità anche laddove non è facile installare una rete dati wireless performante, con la speranza di attivare un massimo di 50 milioni di connessioni al giorno.

WiFi4EU è il nome del progetto, il quale sarà aperto a tutti gli organismi che svolgono un servizio pubblico (municipi, biblioteche, centri sanitari) e finanzierà i costi per le attrezzature necessarie e i costi di installazione. Sarà invece l'ente locale a pagare per la connettività (quindi abbonamento internet) e la manutenzione degli accessori installati all'interno del territorio comunale. Insomma, l'Unione Europea ci mette gli strumenti, ma saremo noi localmente a dover gestire l'opportunità.

"Connettività a beneficio di tutti vuol dire che dove si vive e quanto si guadagna non sono importanti. Oggi proponiamo quindi di dotare entro il 2020 ogni paese e città europei di un accesso gratuito a internet senza fili nei principali punti di aggregazione pubblica sul territorio", ha commentato a fine 2016 Jean-Claude Juncker, Presidente della Commissione Europea. Ai singoli cittadini delle varie comunità non verrà richiesto - in teoria - quindi un centesimo di Euro: i 120 milioni di euro europei saranno finanziati con l'attuale budget dell'UE, mentre la manutenzione spetterà ai comuni.

I singoli comuni potranno chiedere di partecipare all'iniziativa "mediante procedure semplici e non burocratiche", anche online, con i primi inviti a presentare eventuali progetti che verranno inviati in breve tempo. Avranno naturalmente priorità quei comuni che non sono coperti da connessioni ad internet rapide e quelli che non dispongono di una rete Wi-Fi attrezzata e con caratteristiche simili a quelle che il progetto WiFi4EU intende portare all'interno di nuove comunità locali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo31 Maggio 2017, 16:21 #1
Ma i principali punti di aggregazione, sono in gran parte già dotati di accesso ad internet...
Sono i paesi fuori che non hanno nulla !
Portocala31 Maggio 2017, 16:26 #2
Il fatto che sia a fondo perduto mi fa già capire che qualche furbetto che si prenderà i soldi senza effettivamente fare niente ci sarà sicuramente.
Hiei360031 Maggio 2017, 16:37 #3
120 milioni per l'intera Europa è praticamente niente.
AleLinuxBSD31 Maggio 2017, 17:12 #4
Questo tipo di approcci sono solitamente fallimentari, al di là delle buone intenzioni.
Meglio sarebbe se imponessero agli operatori alte tassazioni, nelle aree già coperte, vigilando al contempo che non rialzino i costi lato utenza o che decadano la qualità del servizio, con interventi immediati ed elevatissime multe, che potrebbero evitare investendo, di tasca propria (privata), nelle aree poco coperte, a seconda delle dimensioni dell'operatore.
In modo che le due cose vadano a compensarsi a vicenda.
Sostanzialmente agire al livello normativo senza toccare soldi pubblici.
Techs31 Maggio 2017, 17:21 #5
Originariamente inviato da: Hiei3600
120 milioni per l'intera Europa è praticamente niente.


Circa 4 milioni per ogni paese della UE. In Italia ci sono circa 8000 comuni, fanno 500 euro a comune... Comunque è un bilancio iniziale, presumibilmente arriveranno altri soldi.
Leonard8901 Giugno 2017, 00:26 #6
Originariamente inviato da: Techs
Circa 4 milioni per ogni paese della UE. In Italia ci sono circa 8000 comuni, fanno 500 euro a comune... Comunque è un bilancio iniziale, presumibilmente arriveranno altri soldi.




8000 comuni sparsi per i vari membri dell'Unione europea, dice l'articolo. Saranno molti di meno quindi i comuni italiani che potranno usufruire dell'offerta ma con finanziamenti più consistenti
Techs01 Giugno 2017, 02:54 #7
Originariamente inviato da: Leonard89
8000 comuni sparsi per i vari membri dell'Unione europea, dice l'articolo. Saranno molti di meno quindi i comuni italiani che potranno usufruire dell'offerta ma con finanziamenti più consistenti


Vero, mi è sfuggita quella parte. Beh, così ha già più senso, 15.000 euro per ciascuno degli 8000 comuni europei, quindi. Circa 300 comuni per ciascun membro della UE, molto pochi, ma è un inizio.
aleardo01 Giugno 2017, 11:34 #8
La ripartizione suppongo che sarà fatta proporzionalmente alla popolazione dei vari stati, quindi l'Italia dovrebbe avere ben più di 300 comuni. Sarebbe assurdo che Germania, Francia e Italia avessero gli stessi fondi del Lussemburgo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^