L'aeroporto del futuro? Nessun controllo o check-in e più bar e ristoranti

L'aeroporto del futuro? Nessun controllo o check-in e più bar e ristoranti

Stiamo andando verso un mondo dove gli aeroporti avranno più bisogno di data scientist che di addetti ai bagagli? IoT e rilevamento dei dati biometrici promettono di rivoluzionare il mondo con cui saliamo su un aereo. Se ne è parlato a EcoConnect 2017 con alcuni dei massimi esperti del settore

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 11:21 nel canale Scienza e tecnologia
HuaweiSmart City
 

I viaggi aerei sono un settore dove la tecnologia promette di portare grandi rivoluzioni, modificando in modo netto quella che attualmente è la nostra esperienza come utenti. Se ne è parlato durante uno degli incontri dell'evento EcoConnect 2017, organizzato a Berlino da Huawei, i cui temi principali abbiamo trattato nell'articolo che trovate a questo indirizzo. Particolare la domanda posta nel suo intervento dal CEO della IATA -International Air Transport Association -: stiamo andando verso un mondo dove gli aeroporti avranno più bisogno di data scientist che di addetti ai bagagli? Sono due in particolare le tecnologie che porteranno in breve tempo a importanti cambiamenti nel nostro modo di prendere un aereo: il mondo degli oggetti connessi e quello della rilevazione dei dati biometrici. IoT - Internet of Things - questo l'acronimo che ormai tutti abbiamo imparato a conoscere e che ci racconta di un mondo in cui ogni oggetto avrà un indirizzo IP e potrà dialogare in modo bidirezionale con la rete. Un esempio: il nostro bagaglio avrà un display e un modulo di connettività; con essi non sarà più necessario stampare in aeroporto l'etichetta, ma al momento del check in sarà possibile registrare direttamente la propria valigia, vedendo l'etichetta apparire direttamente sullo schermo integrato. Quello che gli esperti immaginano è un'esperienza di viaggio in cui il bagaglio sia sempre meno un peso da portarsi appresso, ma più semplicemente un mezzo per trasferire le nostre cose da un posto all'altro. Grazie al sistema connesso, infatti, sarà sempre più comune affidare il proprio bagaglio al sistema aeroportuale direttamente a casa e trovarlo poi recapitato nella propria camera d'albergo, senza averlo trascinato per nemmeno un metro. Per i più ansiosi, grazie alla connettività, sarà possibile tenere continuamente tracciati gli spostamenti della nostra valigia grazie a un app, sapendo se è arrivata in aeroporto con noi, se è stata caricata sull'aeromobile e se sta viaggiando verso l'hotel per precederci in stanza. Huawei, Vodafone e Samsonite sono già al lavoro sulla valigia connessa, basata sulle tecnologie NB-IoT.

I dati raccolti dalla IATA e dai suoi partner indicano come più critici per la soddisfazione dei clienti tre fasi del viaggio: i controlli di sicurezza, i controlli del passaporto e quelli doganali e l'esperienza ai gate. Ogni volta che c'è uno stop, una coda da fare il livello di soddisfazione dei viaggiatori cala in modo drastico. Un modello a flusso libero è quello che tutti sognerebbero, e non è così impossibile da realizzare con l'avanzamento delle nuove tecnologie. Abbiamo già visto come sarà possibile liberarsi della coda per la consegna del bagaglio, così come ormai ci siamo liberati di quella per il check in sulla maggior parte dei voli. Le sempre più precise tecnologie di riconoscimento biometrico promettono di eliminare le code per i controlli di sicurezza, che potranno essere delocalizzati e avvenire - ad esempio - direttamente all'hotel al momento del checkout. Arrivati in aeroporto basterà appoggiare il dito su uno scanner per passare o addirittura saranno direttamente le telecamere dell'aeroporto a riconoscerci e ad aprire il tornello per farci entrare. Discorso simile per quando riguarda l'accesso gate. "No paper, no phone, just your identity" è questo il motto che guida lo sviluppo tecnologico verso un aeroporto del futuro senza carte d'imbarco.

Il motivo di tutta questa attenzione nei confronti della soddisfazione dei viaggiatori durante il loro transito in aeroporto? È presto detto: viaggiatori felici e con più tempo a disposizione, sono anche clienti più disposti a spendere, aumentando quelle che vengono definite 'non aeronautical revenue' punto sempre più chiave per la redditività delle compagnie aeree e degli aeroporti.

In questo senso va considerata anche la sempre maggiore personalizzazione dell'esperienza di viaggio, con percorsi guidati e facilitati in relazione al fatto che il viaggiatore sia un uomo d'affari o una famiglia in viaggio di piacere. Passando davanti a un tabellone con gli orari esso sarà in grado di riconoscerci evidenziando l'orario del nostro volo in mezzo alla lunga lista (il trovare il proprio volo su tabellone è un'altra delle esperienze sgradevoli segnalate dai sondaggi effettuati tra gli utenti). Similmente passando davanti a un tabellone pubblicitario esso ci mostrerà un annuncio nella nostra lingua (anche se ci troviamo in Cina o chissà dove), proponendoci qualcosa che può rientrare nei nostri interessi. Simpatico un scenario immaginato da uno degli esperti che ha preso la parola, in cui un appassionato di Star Wars potrà fare il check in su un apposito portale a tema, avere R2-D2 come guida in aeroporto e arrivare ai controlli di sicurezza trovando degli stormtrooper come addetti.

Altro settore su cui si sta lavorando è quello degli aiuti robotici ai viaggiatori. Si va dai carrelli connessi che oltre ad aiutarci nel trasporto del trolley guidano passo passo lungo il percorso dai controlli di sicurezza al gate (proponendoci coupon e sconti nel nostro cammino): in Cina (su base tecnologica Huawei) ce ne sono già più di 6000 attivi nei più importanti aeroporti del paese; siamo già alla quarta generazione, ma la prossima sarà in grado di tornare da sola alla base, magari in modo dinamico, presentandosi laddove in quel momento ci sono più persone. Simile il chiosco mobile per il check in in grado di spostarsi in autonomia laddove c'è più congestione di passeggeri.

Cosa ne pensate? Vi attirara di più l'idea di un aeroporto free flow e stress free o vi inquieta di più l'onnipresente riconoscimento biometrico (anche senza contatto) che sarà alla base dell'aeroporto del futuro?

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lucaf13 Novembre 2017, 13:34 #1
La domanda è:
c'è un limite a quanto in nome della sicurezza si può chiedere ad ogni persona in termini di limitazioni alla propria libertà?
La domanda non è retorica, davvero, quando e dove ci si fermerà?
Perchè ci DEVE essere un LIMITE.
Perchè se non ci sono limiti, se ogni giorno ci vengono imposti nuovi controlli, imitazioni, privazioni, allora dove finiremo? Che mondo troveremo in fondo al tunnel?
Mgari fra qualche anno metteranno a tutti un antenna in testa con la scusa "tanto se non hai nulla da nascondere non hai nulla da temere"!!!
Ricordiamoci della recente indagine sui "panama papers": le leggi alla fine paiono valere solo per i "poveracci".
Sicuramente l'antenna di cui prima se mai dovesse essere legiferata la porteremo solo noi "normali".
Baci e abbracci a tutti
Notturnia13 Novembre 2017, 14:37 #2
e come evitiamo i terroristi in questi nuovi aeroporti ?
hockey13 Novembre 2017, 14:53 #3
Originariamente inviato da: Notturnia
e come evitiamo i terroristi in questi nuovi aeroporti ?


I terroristi non esisteranno, come i povery, tutti sorridenti e con il portafoglio in mano
Roberto Colombo13 Novembre 2017, 16:55 #4
Originariamente inviato da: Notturnia
e come evitiamo i terroristi in questi nuovi aeroporti ?


Nello schema il flusso sarà libero solo per chi viene riconosciuto (e ha concesso i suoi dati per farlo, registrando impronte digitali, facciali e vocali) da più sistemi contemporaneamente. Teoricamente dovrebbe addirittura essere un sistema più sicuro di quelli odierni.
MadMax of Nine13 Novembre 2017, 17:40 #5
Originariamente inviato da: Roberto Colombo
Nello schema il flusso sarà libero solo per chi viene riconosciuto (e ha concesso i suoi dati per farlo, registrando impronte digitali, facciali e vocali) da più sistemi contemporaneamente. Teoricamente dovrebbe addirittura essere un sistema più sicuro di quelli odierni.

E molto più comodo per chi non ha nulla da nascondere o non è un complottista che teme per la sua preziosissima privacy
lucaf14 Novembre 2017, 01:03 #6
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
E molto più comodo per chi non ha nulla da nascondere o non è un complottista che teme per la sua preziosissima privacy


anche molto più comodo per chi dovrebbe risolvere i problemi che sono alla radice del terrorismo (per fare un esempio) e invece si limita ad aumentare i controlli a togliere diritti e nel frattempo a vendere armi ai terroristi?
fico no?
tanto chi paga siamo noi
chico_ve14 Novembre 2017, 11:42 #7

Complottisti-Privatezza-Armi-Terroristi

"anche molto più comodo per chi dovrebbe risolvere i problemi che sono alla radice del terrorismo (per fare un esempio) e invece si limita ad aumentare i controlli a togliere diritti e nel frattempo a vendere armi ai terroristi?[...]"

Mannaggia, è un grosso problema effettivamente. Prova a rinfacciarglielo ai russi, ai cinesi che armano al collo le dittature & associati. Assad? Un pivello senza i suoi fornitori. Chissà la nord-corea da chi avrà avuto le Nukes. Chissà l'Iran da chi si rifornisce, a sua volta, per avere a breve le Nukes (dieci anni sono un nulla). I terroristi hamas e hezbollah, quelli "nostrani" in europa, da chi avranno mai le armi? Tutto sommato sono "armati" di "buone intenzioni" e decisamente razionali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^